Investimenti, bond pronti a fare il rimbalzo

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri12 marzo 2019 | 11:56

“Il 2019 sarà un anno promettente per le obbligazioni dei paesi emergenti”. È l’opinione di Luc D’hooge (nella foto), head of Emerging Markets Bonds della società di gestione svizzera Vontobel. Il nuovo anno ha portato con sé le preoccupazioni di un 2018 che ha visto molte asset class chiudere in profondo rosso, compreso il debito dei mercati emergenti. Tuttavia, scorrendo i dati degli anni passati, ricorda D’hooge, “si può notare che le obbligazioni di quest’area geografica, sia quelle emesse dagli stati sovrani che quelle societarie, registrano raramente due anni consecutivi di rendimenti negativi”.

Valutazioni appetibili

Soltanto in 3 degli ultimi 15 anni, per esempio, i bond emergenti hanno avuto performance col segno meno (nel 2008, nel 2013 e nel 2018, n.d.r.). “Inoltre”, continua il gestore “c’è un altro aspetto ancor più importante da considerare: in ogni anno in cui c’è stata una di sovraperformance, i guadagni di queste obbligazioni hanno sempre più che compensato le perdite dell’anno precedente. Le valutazioni delle obbligazioni dei mercati emergenti sono oggi più appetibili rispetto agli anni passati”, aggiunge D’hooge, ma “è giusto che gli investitori siano cauti, soprattutto con le preoccupazioni su una guerra commerciale e un possibile rallentamento dell’economia a livello globale. In un quadro così incerto, caratterizzato da una frenata della crescita, è normale che subentri qualche ritrosia a investire. “Ma io credo che le migliori opportunità si presentino sempre nei momenti di stress del mercato”, prosegue il gestore.

Corporate più solidi

Quali scelte deve fare, allora, chi decidesse di investire in obbligazioni dei paesi emergenti? “Attualmente, i bond societari appaiono particolarmente interessanti. A prima vista, si potrebbe pensare che le imprese degli emerging markets siano emittenti più rischiosi dei paesi sovrani, ma non è così”, spiega l’esperto di Vontobel, «sostanziamente per tre motivi: hanno un rating migliore rispetto agli stati, offrono un universo d’investimento meno volatile e i loro bond hanno una durata inferiore rispetto a quelli degli stati sovrani, il che le rende più resistenti all’aumento dei tassi d’interesse”.

Avvertenze d’obbligo

Prima di avvicinarsi alle obbligazioni dei paesi emergenti, però, è bene tenere in considerazione alcune avvertenze: “Se un investitore ha un obiettivo di rendimento in un singolo anno”, spiega D’hooge, “allora deve evitare tale categoria di titoli. Nel lungo termine, invece, questi bond hanno sempre garantito buone performance. “Attualmente, i fondamentali delle obbligazioni dei mercati emergenti sono solidi”, conclude il money manager di Vontobel, “le allocazioni degli investitori internazionali su quest’area geografica sono destinate a crescere ancora e sul mercato vi sono inefficienze da sfruttare in una classe di attività che, storicamente, tende a rimbalzare da periodi di sottoperformance”


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etf, sfatiamo i miti e guardiamo la realtà

Pir 2: bene ma non benissimo

Mutui, una montagna di rate non pagate

La consulenza a doppio malto

Investimenti, 29 stock bonus marcati Unicredit

Consulenti, una nuova alternativa per chi vuole uscire dalle reti

Investimenti, la sostenibilità fa bene all’high yield

Investimenti, l’assenza di una spinta

Mediolanum, Doris come Capitan America

Consulente, ti spiego perché la stabilità è destabilizzante

Allianz GI, un nuovo nome per la sostenibilità

Credem disegna il private banking del futuro

I btp fanno il pieno e i tassi salgono

ITForum: tra fintech, investimenti, advisory e space economy

Jupiter, la distribuzione ha un nuovo leader

Gestori in vetrina – M&G

Banche Popolari: nuova linfa per famiglie e pmi

Fineco, il messaggio di Foti ai correntisti per il dopo Unicredit

Mediolanum, il rendiconto ai raggi x

Fineco e i promessi sposi

Gestori in vetrina – Aviva Investors

Consulenti, occhio al potere delle ancore casuali

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Oggi su BLUERATING NEWS: Mediolanum e quota Fininvest, fondi in doppia cifra

Bankitalia, stress e spread frenano la crescita

Gestori in vetrina – Kairos

Assoreti, il gestito mette il turbo alla raccolta

Fed: l’affondo di Trump

Consulenti, un aprile tra radiazioni e sospensioni

Contributi Consob, ora i consulenti vogliono un taglio

Dossier reclutamento – IWBank PI

Gestori in vetrina – Franklin Templeton

Credem ha il cuore verde

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 1/02/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Gestori in vetrina – Kairos

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Amir Kuhda ...

Bmo sceglie in nuovo Ceo

Novità ai piani alti ...