Helvetia: nel 2018 cresce in barba alla tempesta

A
A
A

Il gruppo svizzero delle assicurazioni ha radunato 450 agenti alla convention annuale al Fico Eataly World di Bologna

Marcello Astorri di Marcello Astorri22 marzo 2019 | 11:17

«Vogliamo fare le cose bene e se possibile farlo in modo più efficiente, senza avere paura della tecnologia». Questo è uno dei passaggi del discorso di Francesco La Gioia, ceo del gruppo Helvetia Italia, di fronte a una platea di oltre 450 agenti alla convention annuale della compagnia che si è tenuta al Fico Eataly World di Bologna. Una location che non è stata scelta a caso, perché nei progetti di Helvetia, più di tutte, spicca una parola chiave: sostenibilità. La convention, presentata da Maddalena Corvaglia, è stata l’occasione non solo per fare il punto sui risultati raggiunti nel 2018 da tutte le compagnie del gruppo e dalla rete agenziale, ma anche per interpretare ciò che sta accadendo nel mercato di riferimento e illustrare i prossimi passi: coltivare oggi il futuro di domani, appunto, come è il titolo dato alla convention di quest’anno. Presente tutto il board del gruppo Helvetia. Il ceo per l’Europa, Markus Gemperle, è intervenuto in videoconferenza. Tra gli ospiti speciali, anche lo chef stellato Antonino Cannavacciulo.

Nella tempesta sui mercati, la raccolta del canale agenti di Helvetia Vita è arrivata a 89,2 milioni di euro: in calo dello 0,7% sull’anno precedente. Ma sostanzialmente stabile, rispetto all’arretramento del mercato che per gli agenti plurimandatari ha fatto segnare un -10%. Il ramo Vita del gruppo, per il 2019 punterà molto sui prodotti Ltc (long term care), polizze salute a lungo termine, e Tmc, temporanea caso morte. «Il tema del tempo è fondamentale», spiega alla rete di agenti Fabio Carniol, direttore Vita e Bancassurance di Helvetia Italia, «perché se uno ha tempo, il rischio diventa assolutamente accettabile. Ma se non si prende il rischio quando si ha tempo si perdono tantissime opportunità». E quindi il manager indica gli obiettivi: «Sul mercato delle Tmc c’è ancora molto da fare, questo è un prodotto che dà grandi opportunità». C’è poi anche il tema delle Ltc, che in Italia, insieme alle Tmc, fanno fatica ad attecchire per vari motivi, tra cui il costo: «Il nostro obiettivo è fare un prodotto sostenibile dal punto di vista del prezzo e delle prestazioni, per smuovere l’interesse in tutti questi clienti che hanno potenzialità, ma ancora non sono entrati sul mercato».

Il ceo per l’Europa, Gemperle, è intervenuto in videoconferenza per complimentarsi per i risultati di Helvetia Italia. E, rispondendo alla domanda di un agente, ha rassicurato sul futuro della divisione italiana: «Vendere? No, in queso momento Helvetia non ha bisogno di vendere», ha detto il ceo Europa, «anzi, potremmo pensare di comprare e crescere. Ammesso che siano acquisizioni sensate per noi». Il 2018 è stato un anno di crescita, nonostante il finale burrascoso sui mercati che ha finito per danneggiare la performance del gruppo. Il risultato d’esercizio di Helvetia Italia, infatti, è stato positivo per 21,4 milioni di euro (+16,9% sul 2017). Sul fronte premi emessi, il totale del gruppo è di 847 milioni (5,7%), Helvetia Rappresentanza 383 milioni (+8,8%) e 30 (+11,3%) per le agenzie prodotto multiattiva. Migliora lievemente l’indice dei costi amministrativi (11%) e gli indici di solvibilità di Helvetia Rappresentanza e Vita (rispettivamente 147% e 181%). «Abbiamo ottenuto un utile in linea con gli obiettivi che ci eravamo prefissiati», ha commentato La Gioia, «Il risultato Danni ha compensato una performance del comparto Vita che ha molto sofferto a causa della volatilità».


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, scoppia la pet mania

Consulenza e polizze, attenzione ai costi

Risparmio, un quinto della ricchezza è delle assicurazioni

Polizze false, sventata maxi truffa sul web

Generali, l’utile decolla

Ecco le polizze dal rendimento super

Generali Italia: più rete, più produttiva

Assicurazioni: lo scudo antispread va cambiato

Assicurazioni, le italiane promosse agli stress test

Generali: borsa in stand by, ma analisti fiduciosi sul piano

Caltagirone e Del Vecchio, altri piccoli bocconi di Generali

Manovra, la pressione fiscale non scende

Polizze, ora gli aumenti possono arrivare al 40%

Manovra, stangata su banche e assicurazioni

Generali lungo il canale

Prodotti assicurativi, la distribuzione ai raggi X

Compagnie assicurative nel mirino del private equity

Generali cambia vestito al gestito

Unit e index sono polizze. Così parlarono Ania e Aiba

Unipol, semestre solido

Un viaggio sicuro con Allianz GA

L’unico frutto della polizza…è la banana (gonfiabile)

Digitali e assicurati

Axa Italia, assistenza ad alta tecnologia

Polizze Vita, così cambieranno le regole

Polizze vita, bomba della Cassazione

Zurich si mette in Moto

Zurich sempre più smart

La blockchain nel futuro delle assicurazioni

Tutelarsi dopo il mutuo, ecco la polizza

Ubi Banca, un occhio al private, l’altro al retail

Una polizza col sorriso per Deutsche Bank

Generali, utile sopra i 2 miliardi

Ti può anche interessare

Fondi immobiliari, il peso del fisco

Un vero e proprio macigno sui rendimenti. E’ quello che sono stati nel 2018 l’Imu e la T ...

Pir, il grande gelo continua

A gennaio la raccolta è stata di 60 milione. Difficile che si possano raggiungere i 2,7 miliardi di ...

Sulle polizze di Ubi la mano di Cattolica

Cattolica Assicurazioni è al lavoro sulla proposta vincolante per acquisire il ramo delle polizze V ...