Mirabaud, super utile per celebrare il bicentenario

A
A
A
Avatar di Redazione27 marzo 2019 | 15:21

Il gruppo Mirabaud, che celebra quest’anno il bicentenario della sua fondazione, ha chiuso l’esercizio 2018 con un utile netto in crescita del 47% grazie a un aumento dei ricavi in tutte le tre linee di business. Il gruppo prosegue così la sua politica di investimenti e il suo percorso di sviluppo. Al 31 dicembre 2018, gli asset totali in gestione ammontavano a CHF 32,3 miliardi, di cui CHF 6,6 miliardi riferiti alla divisione dell’Asset Management. Gli asset hanno risentito della flessione dei mercati di fine anno ma questa tendenza si è invertita sulla scia della ripresa di inizio 2019.

Incremento dell’utile

L’esercizio 2018 del gruppo si è chiuso con un utile netto consolidato di CHF 59,6 milioni (+47% rispetto al 2017). I ricavi sono aumentati raggiungendo quota CHF 342,3 milioni (CHF 305,3 milioni nel 2017), comprese commissioni pari a CHF 263,7 milioni, un risultato delle attività di trading di CHF 40,1 milioni e un margine d’interesse di CHF 31,5 milioni. I costi di esercizio, al netto di deprezzamenti, ammortamenti e imposte, si sono attestati a CHF 263,9 milioni (contro i CHF 247,2 milioni nel 2017). Il totale consolidato degli asset è pari a CHF 4.092 milioni. Le passività si compongono essenzialmente di depositi della clientela. La maggior parte degli asset sono depositati presso la Banca Nazionale Svizzera o investiti in bond governativi a breve termine con rating elevato, che garantiscono liquidità e sicurezza. Il Gruppo presenta un indice di capitalizzazione Tier 1 del 20,4%. Questo livello, decisamente superiore ai requisiti previsti da Basilea III, è espressione della redditività e della solidità finanziaria di Mirabaud, il cui modello operativo si basa sul controllo dei rischi e sugli investimenti a lungo termine.

Nel commentare i risultati Yves Mirabaud, Senior Managing Partner, ha dichiarato « la crescita dell’utile garantisce la nostra stabilità finanziaria e conferma la validità della strategia di sviluppo perseguita da Mirabaud negli ultimi 200 anni. Il 2018 è stato per noi un anno particolarmente intenso, con importanti risultati raggiunti su diversi fronti. Abbiamo iniziato la ristrutturazione dell’edificio della nostra sede di Ginevra, che sarà completata  nei prossimi mesi; abbiamo avviato un percorso di espansione in nuovi mercati, come Brasile e Uruguay, con l’apertura di alcune filiali all’inizio del 2019, e ad Abu Dhabi dove  sbarcheremo nel prossimo futuro; abbiamo potenziato i servizi di advisory integrando una società fintech svizzera; nell’Asset Management, abbiamo completato con successo il closing del nostro primo fondo di private equity e abbiamo assunto un team specializzato nel real estate, in vista del lancio di un nuovo fondo. E non finisce qui. Il Collegio dei Managing Partner si è inoltre ampliato con l’ingresso di Nicolas Mirabaud e Michael Palma. Ci apprestiamo a celebrare il nostro Bicentenario con serenità, orgoglio e responsabilità, determinati a garantire ogni giorno servizi di eccellenza ai nostri clienti. »


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I migliori fondi, la classifica top 20 Italia

Fondi comuni, a sorpresa l’Europa raddoppia le masse del 2008

Fondi, la grande sfida dei costi

Assogestioni, patrimonio al top. Generali sempre al comando

Asset allocation, guadagnare giocando in difesa

BlackRock, utile giù ma crescono gli asset

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 16/07/2019

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 9/07/2019

Fondi comuni: vincitori e vinti di metà anno

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 6/06/2019

Franklin Templeton, Todeschini nuovo etf sales specialist

Gestori in vetrina – Schroders

Gestori in vetrina – State Street Global Advisors

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 7/05/2019

Gestori in vetrina – Natixis IM

Investimenti, Robeco: 4 temi di engagement sui quali puntare

Pramerica, passo avanti nella sostenibilità

Candriam, un 2018 nel segno della crescita

Bnp Paribas AM: tanti saluti al carbone

Allianz GI: Linker per l’Italia, D’Avenia vola negli States

Salone del Risparmio 2019, ecco i temi chiave di Assogestioni

Anima, un bilancio coi fiocchi

BFC Education, questa sera Marcialis parlerà di oneri dei prodotti del risparmio gestito

Esg e risparmio gestito si fondono al Salone del risparmio 2019

Castle Mount LP completa il quarto closing

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Franklin Templeton

ConsulenTia19, gestori in vetrina: La Financière de l’Echiquier

Fondi d’investimento, top e flop del 18/02/19

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Columbia Threadneedle Investments

Cari gestori, tagliate le fee

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Schroders

Vanguard, Rosti sceglie Tabanella

Fondi, top e flop del 11/02/19

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 23/07/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Generali risparmia in anticipo sul piano triennale

Il successo del bond da 500 milioni ha permesso di tagliare la spesa per interessi e di abbassare il ...

Ubs AM di nuovo “on the road”

Un nuovo roadshow in arrivo ...