Mirabaud, super utile per celebrare il bicentenario

A
A
A
Avatar di Redazione27 marzo 2019 | 15:21

Il gruppo Mirabaud, che celebra quest’anno il bicentenario della sua fondazione, ha chiuso l’esercizio 2018 con un utile netto in crescita del 47% grazie a un aumento dei ricavi in tutte le tre linee di business. Il gruppo prosegue così la sua politica di investimenti e il suo percorso di sviluppo. Al 31 dicembre 2018, gli asset totali in gestione ammontavano a CHF 32,3 miliardi, di cui CHF 6,6 miliardi riferiti alla divisione dell’Asset Management. Gli asset hanno risentito della flessione dei mercati di fine anno ma questa tendenza si è invertita sulla scia della ripresa di inizio 2019.

Incremento dell’utile

L’esercizio 2018 del gruppo si è chiuso con un utile netto consolidato di CHF 59,6 milioni (+47% rispetto al 2017). I ricavi sono aumentati raggiungendo quota CHF 342,3 milioni (CHF 305,3 milioni nel 2017), comprese commissioni pari a CHF 263,7 milioni, un risultato delle attività di trading di CHF 40,1 milioni e un margine d’interesse di CHF 31,5 milioni. I costi di esercizio, al netto di deprezzamenti, ammortamenti e imposte, si sono attestati a CHF 263,9 milioni (contro i CHF 247,2 milioni nel 2017). Il totale consolidato degli asset è pari a CHF 4.092 milioni. Le passività si compongono essenzialmente di depositi della clientela. La maggior parte degli asset sono depositati presso la Banca Nazionale Svizzera o investiti in bond governativi a breve termine con rating elevato, che garantiscono liquidità e sicurezza. Il Gruppo presenta un indice di capitalizzazione Tier 1 del 20,4%. Questo livello, decisamente superiore ai requisiti previsti da Basilea III, è espressione della redditività e della solidità finanziaria di Mirabaud, il cui modello operativo si basa sul controllo dei rischi e sugli investimenti a lungo termine.

Nel commentare i risultati Yves Mirabaud, Senior Managing Partner, ha dichiarato « la crescita dell’utile garantisce la nostra stabilità finanziaria e conferma la validità della strategia di sviluppo perseguita da Mirabaud negli ultimi 200 anni. Il 2018 è stato per noi un anno particolarmente intenso, con importanti risultati raggiunti su diversi fronti. Abbiamo iniziato la ristrutturazione dell’edificio della nostra sede di Ginevra, che sarà completata  nei prossimi mesi; abbiamo avviato un percorso di espansione in nuovi mercati, come Brasile e Uruguay, con l’apertura di alcune filiali all’inizio del 2019, e ad Abu Dhabi dove  sbarcheremo nel prossimo futuro; abbiamo potenziato i servizi di advisory integrando una società fintech svizzera; nell’Asset Management, abbiamo completato con successo il closing del nostro primo fondo di private equity e abbiamo assunto un team specializzato nel real estate, in vista del lancio di un nuovo fondo. E non finisce qui. Il Collegio dei Managing Partner si è inoltre ampliato con l’ingresso di Nicolas Mirabaud e Michael Palma. Ci apprestiamo a celebrare il nostro Bicentenario con serenità, orgoglio e responsabilità, determinati a garantire ogni giorno servizi di eccellenza ai nostri clienti. »


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 16/07/2019

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 9/07/2019

Fondi comuni: vincitori e vinti di metà anno

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 6/06/2019

Franklin Templeton, Todeschini nuovo etf sales specialist

Gestori in vetrina – Schroders

Goldman Sachs, scommessa digitale

Gestori in vetrina – State Street Global Advisors

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 7/05/2019

Gestori in vetrina – Natixis IM

Investimenti, Robeco: 4 temi di engagement sui quali puntare

Pramerica, passo avanti nella sostenibilità

Candriam, un 2018 nel segno della crescita

Bnp Paribas AM: tanti saluti al carbone

Allianz GI: Linker per l’Italia, D’Avenia vola negli States

Salone del Risparmio 2019, ecco i temi chiave di Assogestioni

Anima, un bilancio coi fiocchi

BFC Education, questa sera Marcialis parlerà di oneri dei prodotti del risparmio gestito

Esg e risparmio gestito si fondono al Salone del risparmio 2019

Castle Mount LP completa il quarto closing

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Franklin Templeton

ConsulenTia19, gestori in vetrina: La Financière de l’Echiquier

Fondi d’investimento, top e flop del 18/02/19

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Columbia Threadneedle Investments

Cari gestori, tagliate le fee

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Schroders

Vanguard, Rosti sceglie Tabanella

Fondi, top e flop del 11/02/19

Mifid 2, il punto di Assogestioni su conoscenza e competenza

Il futuro degli etf visto da Bnp Paribas AM

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Pictet AM

Fondi d’investimento: Candriam, un fondo sulle innovazioni per l’oncologia

Fondi d’investimento: Amundi e Cpr, il primo fondo azionario sull’istruzione

Ti può anche interessare

Investimenti: il 2019 inizia col sorriso

Prospettive di inizio anno ...

Columbia Threadneedle Investments: è il momento delle small cap

Aspesi (Columbia Threadneedle Investments): “Le preferiamo alle azioni a grande capitalizzazione ...

Nomina e promozione in Unigestion

Didier Anthamatten è stato nominato senior investment manager, e Nicolas Poignant promosso ad as ...