Nel risparmio gestito, oltre lo studio ci vuole passione!

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia1 aprile 2019 | 12:34

E’ innegabile: la passione è l’ingrediente per il successo. Anche nel mondo finanziario e del risparmio gestito.

A tal proposito, Page Personnel, brand di PageGroup leader di mercato nella ricerca e selezione di impiegati e giovani professionisti qualificati, in occasione del Salone del Risparmio 2019 ha analizzato le tendenze e i cambiamenti del mercato del lavoro in ambito risparmio gestito per tracciare i profili dei nuovi professionisti più ricercati del settore. Tra le diverse conclusioni dedotte da tale ricerca, emerge l’essenzialità della passione che i candidati in cerca di lavoro devono dimostrare di avere.

“La passione è un plus soprattutto per i candidati più junior con poca esperienza alle spalle, che non hanno ancora un ampio bagaglio di conoscenze da portare all’interno dell’azienda. In questi casi, la motivazione e la passione diventano elementi fondamentali per distinguersi, specialmente in un contesto in cui è stato rilevato un aumento della ricerca di figure junior, anche a partire dallo stage” commenta Mariangela Deledda, Director di Page Personnel.

SGR a caccia di talenti junior, passione ed esperienze estere le caratteristiche più attraenti

Tuttavia, oltre la passione per il proprio lavoro, il settore è alla ricerca di profili che abbiano alle spalle un percorso di studi economici/finanziari, meglio se valorizzato da un master, e una perfetta conoscenza dell’inglese. Rimane sempre particolarmente apprezzata l’esperienza di studio o lavorativa all’estero.

Back/middle office operation, analista finanziario e Risk Specialist sono tra i profili più richiesti dalle SGR. Spicca anche la figura del compliance specialist, professionista che si occupa del controllo e dell’efficienza dei processi. Si ratta infatti di una figura molto ricercata grazie al ventaglio di attività chiave che è in grado di svolgere: garantire la corretta operatività dell’intermediario, valutare l’adeguatezza e l’efficacia delle procedure interne e intrattenere rapporti di diversa natura con le altre funzioni aziendali. Requisito essenziale per questi profili professionali è il continuo aggiornamento, motivato dai cambiamenti a livello normativo che impongono una formazione costante – soprattutto per i ruoli più esposti all’analisi dei rischi.

Per quanto riguarda le aree geografiche da monitorare con maggiore attenzione, troviamo Milano come capolista, la quale si conferma la piazza finanziaria italiana per eccellenza, soprattutto in tema di asset management. Nel corso del 2018, nel capoluogo lombardo hanno infatti fatto il loro ingresso molteplici succursali di realtà internazionali che stanno investendo sull’inserimento di risorse.

Attualmente Page Personnel offre 23 opportunità di carriera nell’area, consultabili sul sito di Page Personnel


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Aviva Italia Holding, Salvatori nuovo presidente

Aviva Italia Holding ha nominato Carlo Salvatori nuovo Presidente. Il manager italiano ha assunt ...

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Una gara a due per salvare Carige. Per la società commissariata all’inizio dell’anno e ...

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

La questione dei nuovi Pir assume i contorni di un’Odissea senza film. Dopo essere approdati sul t ...