Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

A
A
A
Avatar di Redazione1 aprile 2019 | 14:40

NN Investment Partners rafforza la sua offerta nel campo dei green bond con il lancio di un fondo short duration. Il prodotto applica la stessa filosofia d’investimento del NN (L) Green Bond, la strategia green bond più grande a livello globale, ma con una duration di due anni. Gli altri fondi green bond presenti sul mercato hanno una sensibilità ai tassi d’interesse di almeno cinque anni, il che rende questo fondo unico nel suo genere. Data la sua duration più breve, offrirà agli investitori protezione dall’aumento dei tassi d’interesse e, allo stesso tempo, aiuterà a contrastare i cambiamenti climatici.

Le obbligazioni verdi sono strumenti obbligazionari i cui proventi sono utilizzati per finanziare progetti nuovi o esistenti che hanno un impatto positivo misurabile sull’ambiente, come quelli che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. Riteniamo che gli investimenti in green bond siano particolarmente allettanti nell’attuale contesto di mercato. I tassi d’interesse in Europa sono prossimi ai livelli più bassi degli ultimi cinque anni e gli spread sui green bond in euro sono relativamente elevati rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Pertanto NN IP ritiene che sia giunto il momento opportuno per gli investitori di aumentare la loro esposizione a questa asset class.

Bram Bos, Lead Portfolio Manager Green Bonds di NN Investment Partners ha commentato: “Per gli investitori che vogliono dare la priorità alla sostenibilità, l’investimento a impatto, (compreso quindi l’investimento in green bond) è la scelta per eccellenza. Questi investimenti infatti non solo misurano qualitativamente, ma anche quantitativamente l’impatto che hanno sul benessere globale. Inoltre, chi sceglie i green bond non deve sostenere costi aggiuntivi, poiché queste obbligazioni consentono agli investitori di ridurre la carbon footprint dei loro portafogli a reddito fisso e di godere di una migliore governance e di una maggiore trasparenza, senza sacrificare liquidità e rendimenti”.

NN IP è il maggiore operatore del mercato in termini di fondi green bond aperti e sta per raggiungere la soglia di 1 miliardo di euro dal lancio della strategia, avvenuto nel 2016. In questo periodo, il fondo NN (L) Green Bond Fund ha registrato rendimenti solidi: si colloca nel primo decile del suo gruppo di riferimento e, sin dall’inizio, ha ottenuto una sovraperformance annualizzata dello 0,6% rispetto al benchmark (2,32% per il fondo Green Bond, contro l’1,65% per il benchmark, a febbraio 2019). Inoltre, offre benefici misurabili sia per l’ambiente sia per la società. Le emissioni di CO2 risparmiate per ogni milione di euro investito sono equivalenti alle emissioni medie annue di 235 autovetture, mentre la capacità di energia rinnovabile aggiunta è equivalente a 63 turbine eoliche.

Guardando ai prossimi anni, vediamo molte ragioni per cui gli investitori dovrebbero guardare all’impact e ai green bond. Nell’attuale fase del ciclo, le obbligazioni green con duration breve offriranno un’opportunità di investimento per gli investitori che desiderano essere protetti dagli aumenti dei tassi di interesse, beneficiando al contempo di interessanti spread. Inoltre, in occasione del High-level Political Forum quadriennale che si terrà a settembre, l’ONU valuterà i progressi compiuti finora sui suoi SDG, richiamando l’attenzione sulle emissioni che rappresentano l’universo d’investimento dei fondi green bond.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Ti può anche interessare

Natixis IM: l’obbligazionario europeo torna nei portafogli degli italiani

Secondo l'ultima edizione del Barometro dei Portafogli degli Italiani, per la prima volta dopo diver ...

Investimenti: valute in prima linea

Analizziamo lo status quo e le prospettive ...

JP Morgan cresce in Intesa

Cresce la presenza a stelle e strisce in Intesa Sanpaolo. Come riporta MF, dal 13 maggio Jp Morgan d ...