Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

A
A
A

In base alle ultime indiscrezioni di stampa, nell’ultima bozza del dl anche le sicaf diventano pir compliant.

Avatar di Redazione2 aprile 2019 | 10:03

Era atteso da mesi. Inizialmente previsto per febbraio, poi slittato ad aprile. E’ il decreto attuativo sui nuovi piani individuali di risparmio, riformati dall’ultima legge di bilancio con l’obbligo per i gestori di investire il 3,5% in venture capital e un altro 3,5% in aziende quotate sull’Aim. Ora, in base alle ultime indiscrezioni riportate da Milano Finanza,  il decreto può essere pronto per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. C’è anche una novità: anche le Sicaf, le società di investimento a capitale fisso, diventano Pir compliant.

Dopo che i giorni scorsi si era parlato di un’applicazione a gradini degli obblighi, MF spiega che il governo sarebbe orientato a un altro tipo di soluzione. Ovvero, quella che permetterebbe ai Pir2 di investire in 74 piccole e medie società dell’Aim. Sulla base di alcuni parametri definiti dalle normative comunitarie: aziende fino a un massimo di 250 dipendenti e 50 milioni di euro di fatturato oppure il cui totale di bilancio annuo non superi i 43 milioni. Inoltre, le aziende non devono essere quotate su mercati regolamentati, né devono aver ricevuto, in fase di ipo o di aumento di capitale, un importo superiore a 15 milioni di euro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Pir, febbraio nero per la raccolta

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina – BlackRock

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Luca Giorg ...

Assogestioni, patrimonio al top. Generali sempre al comando

Il sistema registra nel secondo trimestre dell’anno una flessione di -6,1 miliardi di euro. La rac ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 24/07/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...