Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

A
A
A
Avatar di Redazione4 aprile 2019 | 11:42

Piatto ricco nel consiglio dei ministri in programma nel tardo pomeriggio del 4 aprile. Diversi i dossier caldi sul tavolo, ma per l’industria del risparmio gestito è di assoluto interesse il decreto attuativo per i nuovi Piani individuali di risparmio (Pir). Sul punto, ci sono posizioni conflittuali tra il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, e i partiti della maggioranza, Movimento 5 Stelle e Lega. Il Mef spinge per un’applicazione della norma a gradini, con un obbligo per i fondi comuni di investire in pmi e venture capital un iniziale 0,71% nel 2019, percentuale che salirebbe al 2,14% nel 2020 e al 5% nel 2021. L’idea non piace alla maggioranza che vedrebbe così depotenziata la sua riforma. Quindi si dovrà trovare un accordo.

Nel dl crescita, dovrebbe essere compresa anche la defiscalizzazione degli Eltif, fondi chiusi che investono in pmi non quotate e quotate per un arco temporale minimo di cinque anni. Da sciogliere anche il nodo dei rimborsi ai truffati dalle banche, con l’esecutivo in bilico tra rimborsi automatici (voluti da M5S e Lega) o condizionati ad alcuni requisiti (Tria) per non incappare in violazioni della normativa europea. Il premier, Giuseppe Conte, tuttavia ha rassicurato: “Si tratta di un problema tecnico, contiamo di risolverlo già oggi in consiglio dei ministri”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Pir, febbraio nero per la raccolta

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina 2020: Credit Suisse AM

I big del gestito raccontano il loro 2020. ...

T. Rowe Price: “Tre motivi per investire nelle small-cap USA”

Un commento a cura di Curt Organt, gestore del fondo T. Rowe Price US Smaller Companies Equity, T. ...

Amiral Gestion si rafforza in Francia e in Italia

Amiral Gestion, società di gestione indipendente con una massa gestita di 3,9 miliardi di euro, ann ...