I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

A
A
A
Avatar di Redazione12 aprile 2019 | 11:28

La questione dei nuovi Pir assume i contorni di un’Odissea senza film. Dopo essere approdati sul tavolo del consiglio dei ministri, è recentemente arrivata la notizia che gli stessi sono entrati nel Def ma al contempo rimasti fuori dal decreto Crescita. Secondo quanto risulta a MF, la norma che prevedeva un’introduzione progressiva della soglia minima del 3,5% del capitale per gli investimenti in pmi e in fondi di venture capital per accedere alle agevolazioni fiscali dei Piani Individuali di Risparmio è saltata dal provvedimento approvato giovedì 4 aprile, probabilmente su esortazione del ministero dello Sviluppo Economico. Lo scorso 9 aprile nella bozza del Documento di Economia e Finanza entrata in Consiglio dei ministri si poteva però ancora leggere che proprio il dl Crescita “ha introdotto un percorso graduale per il raggiungimento delle percentuali” previste dall’ampliamento dello strumento introdotto con l’ultima Legge di Bilancio per far affluire risorse all’economia reale.

Nella versione definitiva pubblicata sul sito del ministero dell’Economia si parla soltanto di una rimodulazione dei Pir, accompagnata da altre agevolazioni fiscali previste per gli investimenti in venture capital, start-up o pmi innovative. I decreti attuativi sui quali ha lavorato il Mise, di concerto con Mef, non dovrebbero prevedere invece gradini per l’obbligo per i fondi comuni di investire gradualmente in pmi (quotate e non) e venture capital.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Carmignac, la sostenibilità ha un nuovo volto

Arrivano gli incentivi per gli Eltif

Mercati, cinque investimenti per blindare i risparmi

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenza e tecnologia, un binomio ormai indissolubile

Helvetia e BPP, partnership nel segno della bancassicurazione

Oggi su BLUERATING NEWS: a tutta Champions

Consulenti, la resa dei piccoli portafoglisti

Assogestioni: SSGA e Mediolanum dominano, Poste in coda

Una boutique per Schroders

UE, la lettera sul debito è arrivata

Ubi Banca va di nuovo a canestro

Lyxor Etf, nuovi ruoli per Chelli e Saccente

Franklin Templeton, Todeschini nuovo etf sales specialist

Consulenti, i segreti di un giovane talento Widiba

Banca Generali e una quota che fa discutere

Consulente: stay hungry, stay foolish

Generali, prova di forza sul debito

Banca Generali e la festa dei bambini a Citylife

Azimut Libera Impresa, è tempo di prequel

Fed, sui tassi porta in faccia a Trump

Consulenza e successioni: piccola guida alle novità

Consulenza: il futuro delle Scf

D’Alema passione blockchain

Prosegue lo sviluppo della rete Banco Desio

Widiba alla bolognese

JP Morgan cresce in Intesa

Etf, sfatiamo i miti e guardiamo la realtà

Pir 2: bene ma non benissimo

Mutui, una montagna di rate non pagate

La consulenza a doppio malto

Investimenti, 29 stock bonus marcati Unicredit

Ti può anche interessare

Allianz Italia, semestre in crescita

Aumento dei premi (+1,3%) e dei ricavi (+1,9%) per la compagnia guidata da Giacomo Campora ...

Pramerica: una guida per non perdersi tra i capricci dei mercati

Lo scorso 12 febbraio si è svolto presso il Westin Palace Hotel di Milano, un incontro con la stam ...

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 15/3/2019

La rubrica del risparmio gestito ...