Fondi pensione, che salasso per i lavoratori

Costi pesanti, che superano a volte il 4% annuo. Sono quelli che gravano sui fondi pensione italiani, secondo un campanello d’allarme della Covip, la commissione che vigila sui fondi pensione. L’analisi dell’authority, che viene riportata in prima pagina sul Sole 24Ore di oggi, distingue però tra diverse categorie di prodotti previdenziali. I meno costosi sono (come da tradizione) i fondi pensione chiusi (o negoziali) che sono riservati ai lavoratori dipendenti. Più costosi i fondi pensione aperti e i pip (piani individuali pensionistici assicurativi) i cui costi di gestione possono superare anche il 4% annuo del capitale investito, 7 o 10 volte di più rispetto agli oneri  dei fondi chiusi meno cari. Il tema delle commissioni è tutt’altro che trascurabile per i fondi pensione. Una differenza dell’1% tra i costi di due prodotti previdenziali diversi può infatti comportare, a parità di rendimenti,  un divario  nella rendita integrativa maturata di ben il 18%. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!