Consulenti, occhio alla concorrenza di Poste Italiane

A
A
A

Il gruppo guidato da Matteo Del Fante con la sua piattaforma digitale può attirare molti clienti giovani e della categoria affluent. Mediobanca promuove il titolo

Marcello Astorri di Marcello Astorri17 aprile 2019 | 10:22

Mediobanca tesse le lodi di Poste Italiane. Il motivo? Lo scrive l’analista Gian Luca Ferrari, secondo il quale la crescita dei guadagni operativi del 33% su base annua nel business dei servizi finanziari è buona. Quindi, per l’istituto di Piazzetta Cuccia, Poste è outperform, con un prezzo obiettivo di 11,30 euro.

Nel report, si legge di prospettive molto interessanti per l’ambito dei servizi finanziari, dove «la piattaforma digitale completa che Poste sta sviluppando attrarrà i clienti giovani e quelli classificati come affluent». Il che potrebbe consentire a Poste di acquisire quote di mercato nel segmento degli asset gatherers, cioè le banche-reti e le società del risparmio gestito attive in Italia.

E anche per quanto riguarda l’assicurativo, per Ferrari Poste Vita è la compagnia «più solida» anche con uno spread di 100 punti più alto rispetto a oggi. Poi, entrando nel dettaglio, l’analista di Mediobanca prosegue: «Compresi i fondi propri accessori, Poste Vita ha la più alta solvibilità tra gli assicuratori italiani quotati. Allo stesso modo, ipotizzando un aumento di 100 punti base rispetto al livello di fine 2018 (ovvero circa 350 punti base sul Bund), il livello di solvibilità si attesterebbe ancora al 210%, al di sopra del gruppo di riferimento».


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Mediobanca, colpaccio in Francia

Mediobanca punta sul wealth management

Mediobanca, successo per il collocamento del primo fondo illiquido

CheBanca! CheReclutamenti!

Reti e consulenti, fee e servizi son tutti da rifare

CheBanca!, semestrale costellata da segni più

Mediobanca prepara il colpo nel wealth management

Reclutamento, botti di fine anno per CheBanca!

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Mediobanca, debutta il nuovo patto “Light”

I big tech del mondo schivano 71 miliardi di tasse

Ennio Doris vede il patto “light” per Mediobanca

Vontobel: Mediobanca sovraperforma il comparto bancario da inizio anno

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Mediobanca: utile in calo, ma meglio delle stime

Mediobanca, il fondo si fa private

Doris studia un accordo per Mediobanca

Nasce il Liceo Parini Trust Onlus (con la collaborazione di Mediobanca)

Ferrari (Mediobanca): “Le reti e i gestori sono troppo cari”

Azimut, tre motivi per cui fa gola a Mediobanca

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Mediobanca, manovre nel credito al consumo

La virata sulla consulenza di Mediobanca

Effetto Mifid 2 su sgr e reti

Tre nuovi fondi per Mediobanca Sgr

Invesco ha il 3% di Mediobanca

Mediobanca, giro di poltrone nell’investment banking

Consulenti, CheBanca! ingrana la marcia

Ram: dopo Medioabanca arriva un compleanno

Mediobanca, Alierta esce dal cda

Mediobanca si espande nel risparmio gestito

Mediobanca Private Banking prende Ardizzoia da JP Morgan

Ti può anche interessare

I fondi battono la ritirata

Gli investitori in Italia tirano il freno aspettando sviluppi politici ed economici ...

Pir, un flop per le pmi

Successo di raccolta: ma i Piani individuali di risparmio non stanno aiutando piccole e medie impres ...

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 20/03/2019

La rubrica del risparmio gestito ...