Nuovi Pir fuori dal dl crescita

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 2 Maggio 2019 | 10:45
Salta l’entrata in vigore a gradini dei nuovi Pir. Non ci sono più ostacoli per il varo del decreto attuativo, atteso nella prima parte di maggio.

Adesso è ufficiale: la rimodulazione graduale dei pir non sarà nel decreto crescita. In base a una bozza precedente del dl, infatti, erano previsti diversi step per arrivare alla soglia obbligatoria che i fondi comuni devono investire in pmi e venture capital. In pratica, si partiva dallo 0,71% nel 2019 per arrivare al 5% nel 2021. Questa era una misura consigliata dal ministro dell’Economia, Giovanni Tria, avversata però da i due azionisti dell’esecutivo, Movimento 5 Stelle e Lega. Il dibattito su questo correttivo aveva di fatto bloccato il varo del decreto attuativo per regolamentare i nuovi Pir, inizialmente previsto per febbraio poi slittato ad aprile (e poi oltre). Ora, tuttavia, la decisione di stralciare l’inserimento a gradini imprimerà un’accelerata al decreto attuativo, che a questo punto dovrebbe arrivare entro la prima metà di maggio.

L’obbligo dei fondi comuni di nuova costituzione, quindi, sarà di investire il 3,5% della raccolta in pmi (quotate e non) e un altro 3,5% in venture capital. L’intento del governo è far crescere le società dell’Aim, l’indice di Piazza Affari dedicato alle piccole e medie imprese. La galassia di società investibili per godere delle agevolazioni dei Pir2 dovrebbe essere composta da circa 70 società attualmente scambiate sull’Aim.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Viva i Pir alternativi

Pir, la raccolta si impenna dal 2021. In pole c’è Mediolanum

I Pir e gli italiani si conoscono sempre di più

Pir, i prodotti che suonano la riscossa d’aprile

Il Pir è morto, evviva il Pir

Pir alternativi, è fatta

Un Pir con 5 euro al mese

Pir, sarà un 2020 da lacrime e sangue

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore dell’11/12/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 3/09/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Capital Group, una nuova guida per la sostenibilità

Capital Group, società di investimento con oltre 1.700 miliari di dollari USA in gestione, ha annun ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X