Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

A
A
A

Dopo un percorso travagliato e segnato da mille polemiche, il decreto attuativo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Marcello Astorri di Marcello Astorri8 maggio 2019 | 10:11

Stavolta ci siamo davvero: il decreto sui nuovi Pir è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Dunque, i fondi comuni di nuova costituzione dovranno investire il 3,5% della raccolta in piccole e medie imprese (quotate e non) e in venture capital. Per accedere all’agevolazione fiscale, la norma prevede che il 70% dei Pir debba essere investito per il 5% in titoli negoziati su sistemi multilaterali e per almeno il 5% in venture capital.

Nel rispetto della normativa europea, le pmi vengono definite come aziende che hanno fino a 250 dipendenti, massimo 50 milioni di euro di fatturato oppure il cui totale di bilancio annuo non superi i 43 milioni. Queste aziende non devono essere quotate su un mercato regolamentato e in tal senso il segmento Aim di Borsa Italiana rispetta i requisiti. E, inoltre, non devono aver ricevuto risorse finanziarie di importo superiore a 15 milioni. Infine, non devono essere operative sul mercato da più di sette anni dalla prima vendita commerciale.

I paletti messi dal decreto, in base a una simulazione fatta da MF-Milano Finanza, garantirebbe di poter investire in circa 70 società dell’Aim, vale a dire nei due terzi del segmento. Il ministero dello Sviluppo economico, comunque, valuterà il funzionamento della norma e si è riservato di poter intervenire in futuro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Ti può anche interessare

Investimenti, incentivi poco trasparenti per il green

Le ultime proposte di bozza dell’Ecolabel UE per il settore dei fondi presentano notevoli diff ...

Top 10 Bluerating: AB mette tutti dietro negli Azionari Cina

Le classifiche esclusive di Bluerating dedicate ai migliori prodotti del risparmio gestito disponibi ...

Gestori in vetrina 2020: Jupiter

I big del gestito raccontano il loro 2020. ...