Bim, M&A alla finestra

A
A
A
Avatar di Redazione14 maggio 2019 | 10:31

Il bilancio non sorride, ma le prospettive in ambito M&A potrebbe aprirsi a breve. Banca Intermobiliare ha chiuso il primo trimestre dell’anno con una perdita netta di 8,3 milioni, in crescita del 30% rispetto al rosso da 6,4 milioni registrato nello stesso periodo del 2018. Il margine di intermediazione e’ sceso del 22,3% a 11,8 milioni, con margine di interesse a 2,5 milioni (+16,8%) e commissioni nette a 7,1 milioni (-29,1%). I crescita del 3% i costi operativi a 21,9 milioni. Quanto agli aggregati patrimoniali, gli asset under management sono saliti dell’1,5% rispetto a fine 2018 a 5,55 miliardi e i crediti verso la clientela sono scesi del 6% a 286,4 milioni. Il coefficiente Cet1 phased in e’ sceso al 16,94% dal 19,74% di fine 2018.

Bim, sottolinea un comunicato, resta nella situazione descritta dall’articolo 2.446 del codice civile (riduzione del capitale di oltre un terzo per perdite). Il cda, quindi, continuerà “a monitorare la situazione e a supportare le azioni gia’ comunicate al mercato, anche per il tramite di opzioni che vedano Bim con un ruolo attivo nel consolidamento del settore anche tramite fusioni e acquisizioni”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Terremoto in Bim

Colafrancesco nuovo ad di Banca Intermobiliare

Eurovita, accordo con Bim

Ti può anche interessare

Fondi d’investimento: Candriam, un fondo sulle innovazioni per l’oncologia

La società lancia il fondo Oncology Impact ...

Gestori in vetrina – Bnp Paribas Cim

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Nevia Greg ...

Fondi, top e flop del 26/10/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...