Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

A
A
A

Le nuove stime di asset in gestione crollano a 20 miliardi al 2021. Fino a 18 mesi fa si parlava di una cifra intorno ai 68 miliardi

Avatar di Redazione16 maggio 2019 | 10:24

Dopo la riforma dei Pir, la raccolta attesa precipita in un burrone. Le stime di Intermonte parlano di 20 miliardi di euro di asset in gestione nel 2021, poca roba rispetto ai 68 miliardi sulla tabella di marcia solo 18 mesi fa. Del resto, i dati parlano chiaro: dopo il boom del 2017 quando vennero raccolti 10,9 miliardi, è avvenuto il ridimensionamento del 2018 a quota 4 miliardi e il dato pressoché piatto dei primi mesi di quest’anno. Ragione per cui, Intermonte aggiorna le stime a poco più di un miliardo per quest’anno, 2 miliardi nel 2020 e 2,7 miliardi nel 2021. Il primo quinquennio dei Pir, quindi, si chiuderebbe con masse in gestione di 20 miliardi.

Come sottolinea poi Il Sole 24 Ore, i Pir alla fine si sono rivelati di scarso impatto sulle Pmi italiane quotate. Infatti, gli scambi su questi non sono aumentati e sono ancora afflitti da una grande volatilità. Gli addetti ai lavori, inoltre, hanno più volte manifestato la perplessità sui Pir 2: per alcuni, l’obbligo d’investire il 3,5% in venture capital e un altro 3,5% in Pmi quotate su Aim avrebbe snaturato la natura di un fondo aperto, obbligando i gestori a investire ben il 7% in titoli altamente illiquidi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Pir, febbraio nero per la raccolta

Ti può anche interessare

Robeco, doppio scenario per il 2020

Nell’outlook 2020 Robeco prevede che l’espansione economica si protragga un po’ più a ...

Fondi, a settembre Intesa domina grazie a Eurizon

E’ ancora una volta Eurizon, dopo il successo di agosto, la “gallina dalle uova d’ ...

Aviva, crescita a doppia cifra

Aviva in Italia chiude il primo semestre 2019 con una crescita a doppia cifra dell’utile operativo ...