BNP Paribas AM, SRI piacciono agli europei…ma non troppo

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia8 luglio 2019 | 15:44

Per il secondo anno consecutivo, BNP Paribas Asset Management (BNPP AM) pubblica uno studio sul
comportamento dei risparmiatori europei riguardo agli Investimenti sostenibili e responsabili (SRI).

Questa indagine è stata condotta da Kantar, società specializzata in ricerche di mercato, nel dicembre scorso a margine della COP 24, su un campione di 5.000 investitori individuali in Germania, Belgio, Francia, Italia e Paesi Bassi che detenevano almeno 50.000€ in prodotti di risparmio gestito.

I risultati principali del sondaggio hanno rivelato che:
• la conoscenza e l’interesse degli investitori individuali europei per i prodotti SRI sono aumentati del 5% nel giro
di un anno;
• il 64% di questi risparmiatori dichiara di essere pronto a investire almeno una parte dei propri risparmi in prodotti
SRI;
• gli investimenti effettivi sono ancora modesti: solo una percentuale variabile dal 5% al 7% dei risparmiatori
intervistati, a seconda del paese di residenza, ha investito in fondi SRI (7% in Francia);
• il 46% degli intervistati desidera ricevere maggiori informazioni da parte dei consulenti finanziari riguardo ai
prodotti SRI.

Gli investimenti sostenibili presentano comunque un elevato potenziale di crescita in Europa e difatti i risultati di questo sondaggio mostrano che la maggior parte dei risparmiatori in Europa è consapevole dell’importanza
degli investimenti sostenibili.

• Il 64% afferma di voler privilegiare le soluzioni di investimento sostenibile (80% in Italia, 65% in Germania,
63% in Belgio 57%, in Francia e 52% nei Paesi Bassi).
• Il 46% desidera ottenere informazioni più dettagliate in materia di SRI. Questo atteggiamento è
particolarmente evidente in Italia (61%), Germania (59%) e Francia (43%), ma molto meno nei Paesi Bassi
(40%) e in Belgio (39%), dove gli investitori individuali sembrano più scettici.

I criteri fondamentali che influenzano le decisioni di investimento in Europa sono abbastanza omogenei, tuttavia la
sicurezza (per il 31% dei singoli investitori intervistati) e la redditività (30%) sono di gran lunga i più citati.
• Altri criteri, come la natura etica, sociale o ecologica degli investimenti (16%), sono ancora considerati argomenti
non determinanti.
• Nel campo degli investimenti sostenibili, invece, la questione della tutela ambientale e del cambiamento
climatico viene considerata il criterio più importante (per il 28% degli intervistati), prima della dimensione
sociale degli investimenti (15%) o per la produzione agroalimentare (10%).
Gli eventi internazionali – come la COP 24 – esercitano un’influenza ancora troppo limitata sul comportamento
degli investitori
• Gli eventi internazionali dedicati ai cambiamenti climatici, come la COP 24, sono noti alla maggior parte dei
singoli investitori intervistati (70%) grazie ai mezzi d’informazione e tendono ad influenzarne la
consapevolezza dei problemi, anche se tale influenza è ancora debole.
• Questo tipo di evento ha un impatto sui comportamenti dei consumatori (34% degli intervistati) e sulle
prospettive legate alle problematiche ambientali (23%), ma ha effetti molto limitati sulle decisioni in materia
d’investimento (solo per il 9% degli intervistati ).

Tuttavia la ricerca mostra anche che i risparmiatori europei sono ancora scettici riguardo al potenziale di performance dei prodotti SRI. Una parte degli intervistati ritiene ad esempio che gli Investimenti sostenibili e responsabili siano in grado di offrire rendimenti equivalenti ai prodotti tradizionali (11% nei Paesi Bassi, 24% in Italia, 21% in Francia, 20% in Germania e 17% in Belgio).
Purtroppo uno degli ostacoli principali sembra essere la mancanza di informazioni. In effetti, i consulenti finanziari
vengono considerati la fonte di informazioni più affidabile per il 46% dei risparmiatori europei, i quali, però,
ricevono dai media la maggior parte delle informazioni su questo tema (57%).

Emmanuel Collinet de la Salle, responsabile dello sviluppo commerciale di BNPP AM attraverso le reti retail e
di private banking del Gruppo BNP Paribas, ha dichiarato: “Le prospettive di crescita per gli investimenti sostenibili
sono significative, ma c’è ancora molta strada da fare per far entrare stabilmente gli Investimenti sostenibili e
responsabili nella consapevolezza dei risparmiatori e incoraggiarli a investire in queste soluzioni. Inoltre, è urgente intervenire per la costruzione di un mondo sostenibile, e pertanto, in linea con la nostra nuova strategia globale per la sostenibilità, continueremo a promuovere queste soluzioni, intensificando le attività informative in collaborazione con le reti di distribuzione all’interno del Gruppo BNP Paribas.”


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BNP Paribas lancia i primi Certificate a leva fissa su materie prime

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Bnl-Bnp Paribas Life Banker, 6 ingaggi tra la Lombardia e la Sicilia

Triplo ingaggio per Bnp Paribas Life Banker

Bnl (Bnp Paribas), utili e masse gestite in aumento nel primo trimestre

Pro capite, gli uomini di Rebecchi ancora in vetta

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Life Banker col turbo del multiprodotto

Bnl Bnp Paribas investe sulla sostenibilità

Certificati a misura di consulente

Napoli accoglie la formazione di Bnp Paribas

Procapite, i life banker di Rebecchi tornano leader

Bnp Paribas, goodbye tabacco nel nome delle sri

Settebello per Bnl – Bnp Paribas Life Banker

Bgl Bnp Paribas shopping eccellente nel private

Consulentia18/Trianni (Bnp Paribas AM): “Soluzioni d’investimento tailor made”

Certificati, 21 nuovi Double Cash Collect per Bnp

Bnl Bnp Paribas Life Banker, convention a Roma

Bnp Paribas lancia un’obbligazione in dollari

Bnl-Bnp Paribas saluta 11 nuovi Life Banker a settembre

Bnl-Bnp Paribas a caccia di consulenti

Bnp Paribas Am porta 13 etf a Piazza Affari

Banca Generali e Fideuram ISPB, avanti tutta nel reclutamento

Bnl Bnp Paribas lancia tre polizze Pir

Bnl, private e wealth managment trainano l’utile

Dieci ingressi in Bnl-Bnp Paribas Life Banker

Consulenti finanziari, come promuoversi al meglio sul web e i social network

Mps sugli scudi, torna a circolare il nome di Bnl Bnp Paribas

Gallia: Bnl Bnp Paribas non guarda a Mps

Ti può anche interessare

BlackRock si prepara a tagliare 500 posti di lavoro

La soforbiciata toccherà il 3% della sua forza lavoro. Il fonfo si focalizzerà ora sullo scambio d ...

CheBanca! e Generali, accordo nel nome delle polizze

Genertel rafforza la propria offerta digitale con la società insurtech Yolo e con CheBanca!. Tra le ...

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

La questione dei nuovi Pir assume i contorni di un’Odissea senza film. Dopo essere approdati sul t ...