Requiem for a Pir

A
A
A
Avatar di Redazione10 luglio 2019 | 11:39

Secondo una recente ricerca del dipartimento Asset Management del Centro Studi Le Fonti, gli investimenti sui PIR (piani individuali di risparmio) non funzionano più e non riscuotono successo sul pubblico italiano.
La ricerca è stata redatta partendo da un sondaggio realizzato su un campione di circa 1.400 professionisti della consulenza finanziaria (consulenti finanziari, consulenti indipendenti e private banker) a cui sono state rivolte una serie di domande volte a valutare il sentiment del mercato degli investitori privati a cui i PIR si rivolgono.

Nel 2017, anno di introduzione del nuovo strumento, la raccolta aveva superato le attese attestandosi a circa 11 miliardi di Euro. Un risultato che faceva ben sperare, vista la possibilità per l’investitore di puntare una quota entro i 30 mila euro anche negli anni successivi. A trainare la raccolta è stata in particolare la possibilità di godere di agevolazioni fiscali. La ratio adottata dal governo di allora aveva i migliori propositi: offrire uno strumento che potesse agevolare gli investimenti in società italiane, dando quindi un impulso diretto all’economia e promuovendo la quotazione al AIM di nuove società.
Purtroppo il sistema ha mostrato i suoi limiti e, anche a causa del forte senso instabilità dato dal punto di vista politica, negli anni successivi lo strumento è stato abbandonato.

Dopo l’introduzione della nuova normativa sui PIR, il Centro Studi Le Fonti, ha voluto indagare su come le nuove regole abbiamo inciso sul mercato e i risultati sono stati tutt’altro che positivi.
Lo studio infatti ha rilevato come meno del 10% degli investitori che avevano sottoscritto un PIR nel primo anno dalla loro introduzione ha deciso di incrementare la propria quota negli anni successivi (59,81% dei rispondenti).

Fredda anche la risposta dei consulenti alla domanda “quanto consiglieresti di investire in PIR”, che rimane sotto la media (41 su un punteggio da 1 a 100). Il vantaggio fiscale rimane ancora il driver principale dell’interesse dello strumento (90,38%), ma rimane una parte di rispondenti che indica come altra motivazione l’idea di poter investire e sostenere il sistema economico italiano. I motivi che disincentivano maggiormente i PIR sono le preoccupazioni sulla situazione economica e politica del Paese e la scarsità delle PMI quotate al AIM.

Tra le società di investimento più apprezzate per i propri fondi PIR compliant spiccano Banca Mediolanum, Anima, Fidelity International, Eurizon e Amundi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Investimenti, la stagione degli utili viene e va

Investimenti: rendimenti da record con l’immobiliare

Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

Consulenti, un ritardo può essere fatale

Investimenti, il nuovo potere dei mercati finanziari

BlackRock, caro ceo ti scrivo

Investimenti: debito emergente e guadagni

Widiba, una doppietta di reclutamenti per il private

Brexit e accordo USA-Cina tengono in allerta i mercati

Finanza comportamentale, il pericolo dell’ancoraggio

Consulenti, dieci consigli per il 2020

Banca Euromobiliare, una convention per le persone

Pictet AM: l’eurozona, un piano per un futuro più luminoso

Investimenti, tra la stabilità e i rendimenti

Investimenti, l’Europa preferisce tenere i soldi sul conto corrente

Consulenti, la gioventù che non avanza

Pictet AM: Fixed Income – Sbloccare il capitale umano nelle economie emergenti

Deutsche Bank FA, 15 nuovi consulenti per Ruggiu

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Investimenti, high yield, i vantaggi di un approccio globale

Investimenti, asset liquidi e di qualità per vincere la sfida al rendimento

Investimenti: strategie non direzionali, tra dispersione e protezione

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

IWBank, settebello nel reclutamento

Bce, il commiato di Draghi

Investimenti, tra borsa e unicorni

BMO: “Opportunità per il 2020? Gli investimenti più rischiosi”

Fineco a tutto Forex

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Ti può anche interessare

Gam e il caso ARBF: il 100,5% del portafoglio sarà restituito agli investitori

Torniamo sulla vicenda che ha coinvolto Gam e la gamma di fondi ARBF, gestiti Tim Haywood, asset ...

Arca Holding, i conti navigano in acque serene

La burrasca di fine anno non ha intaccato i conti di Arca Holding. L’assemblea del Gruppo ha a ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 26/08/2019

La rubrica del risparmio gestito ...