Requiem for a Pir

A
A
A
Avatar di Redazione10 luglio 2019 | 11:39

Secondo una recente ricerca del dipartimento Asset Management del Centro Studi Le Fonti, gli investimenti sui PIR (piani individuali di risparmio) non funzionano più e non riscuotono successo sul pubblico italiano.
La ricerca è stata redatta partendo da un sondaggio realizzato su un campione di circa 1.400 professionisti della consulenza finanziaria (consulenti finanziari, consulenti indipendenti e private banker) a cui sono state rivolte una serie di domande volte a valutare il sentiment del mercato degli investitori privati a cui i PIR si rivolgono.

Nel 2017, anno di introduzione del nuovo strumento, la raccolta aveva superato le attese attestandosi a circa 11 miliardi di Euro. Un risultato che faceva ben sperare, vista la possibilità per l’investitore di puntare una quota entro i 30 mila euro anche negli anni successivi. A trainare la raccolta è stata in particolare la possibilità di godere di agevolazioni fiscali. La ratio adottata dal governo di allora aveva i migliori propositi: offrire uno strumento che potesse agevolare gli investimenti in società italiane, dando quindi un impulso diretto all’economia e promuovendo la quotazione al AIM di nuove società.
Purtroppo il sistema ha mostrato i suoi limiti e, anche a causa del forte senso instabilità dato dal punto di vista politica, negli anni successivi lo strumento è stato abbandonato.

Dopo l’introduzione della nuova normativa sui PIR, il Centro Studi Le Fonti, ha voluto indagare su come le nuove regole abbiamo inciso sul mercato e i risultati sono stati tutt’altro che positivi.
Lo studio infatti ha rilevato come meno del 10% degli investitori che avevano sottoscritto un PIR nel primo anno dalla loro introduzione ha deciso di incrementare la propria quota negli anni successivi (59,81% dei rispondenti).

Fredda anche la risposta dei consulenti alla domanda “quanto consiglieresti di investire in PIR”, che rimane sotto la media (41 su un punteggio da 1 a 100). Il vantaggio fiscale rimane ancora il driver principale dell’interesse dello strumento (90,38%), ma rimane una parte di rispondenti che indica come altra motivazione l’idea di poter investire e sostenere il sistema economico italiano. I motivi che disincentivano maggiormente i PIR sono le preoccupazioni sulla situazione economica e politica del Paese e la scarsità delle PMI quotate al AIM.

Tra le società di investimento più apprezzate per i propri fondi PIR compliant spiccano Banca Mediolanum, Anima, Fidelity International, Eurizon e Amundi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank FA, 15 nuovi consulenti per Ruggiu

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Investimenti, high yield, i vantaggi di un approccio globale

Investimenti, asset liquidi e di qualità per vincere la sfida al rendimento

Investimenti: strategie non direzionali, tra dispersione e protezione

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

IWBank, settebello nel reclutamento

Bce, il commiato di Draghi

Investimenti, tra borsa e unicorni

BMO: “Opportunità per il 2020? Gli investimenti più rischiosi”

Fineco a tutto Forex

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Ti può anche interessare

Eurizon, Corcos: rendimenti a doppia cifra per i nostri clienti

Il valore del patrimonio gestito al 31 marzo 2019 della società è pari a 309,6 miliardi di euro, i ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 2/7/2019

La rubrica del risparmio gestito. ...

Schroders acquisisce la maggioranza di BlueOrchard, leader nell’impact investing

Schroders e BlueOrchard Finance Limited (“BlueOrchard”) hanno annunciato di aver avviato una par ...