Consulenti, ecco perchè il multi asset non passa di moda

A
A
A
Avatar di Redazione18 luglio 2019 | 12:02

I fondi multi asset sono stati per un certo periodo i “best seller” in termini di asset allocation: tutte le società li proponevano e tutti i consulenti li mettevano nei portafogli dei clienti. Se è vero che l’attenzione mediatica si è di recente normalizzata, ciò non si significa che questi prodotti abbiano perso la loro utilità nell’ottica di un corretto processo di advisory. A spiegarci le opportunità di questa asset class ci pensa Tilo Wannow (nella foto), ODDO BHF Trust / Fund Advisor of the ODDO BHF Trust Exklusiv per ODDO BHF Polaris Balanced. Ecco la nostra intervista in esclusiva per Bluerating.com.

Negli ultimi anni i fondi multi-asset hanno registrato un boom tra le preferenze degli investitori. Secondo voi, questi fondi possono essere un’opportunità di investimento ancora assolutamente attuale?

Grazie al loro obiettivo di investimento, questi fondi possono ancora essere assolutamente un’opportunità di investimento. Il nostro fondo ODDO BHF Polaris Balanced, recentemente lanciato sul mercato italiano, punta per esempio a generare un’interessante crescita patrimoniale con fluttuazioni di valore ridotte. Lo scopo è di raggiungere questo obiettivo principalmente attraverso una gestione efficace della quota azionaria.
Il nostro approccio agli investimenti si basa su una combinazione top-down e bottom-up. L’asset allocation è di tipo top-down, mentre la selezione delle singole azioni segue l’approccio bottom-up. La forza della strategia d’investimento è il nostro approccio di qualità a lungo termine, che mostra una netta sovraperformance, soprattutto nelle fasi di forte incertezza e di calo dei mercati. Il valore beta medio basso dei nostri portafogli ci aiuta anche in un ambiente difficile. L’esperienza ha dimostrato che la nostra selezione di azioni ha una bassa volatilità ed è costituita da componenti di valore e qualità.
Il nostro approccio al portafoglio di riferimento si concentra sui modelli di business delle aziende in cui investiamo. Questo ci impedisce di investire in società apparentemente a basso costo (nessuna “trappole di valore”, nessuna azione di “bassa qualità”). Anche le cosiddette Momentum Equities, vale a dire i titoli acquisiti in modo opportunistico sulla base di una forte tendenza, non vengono prese in considerazione. Nel settore obbligazionario, evitiamo i rischi attraverso una politica di investimento che è guidata anche da aspetti di qualità e solvibilità. La percentuale di investimenti pensionistici rischiosi è limitata a un massimo del 10% (max 10% High Yield o obbligazioni senza rating).

Per che tipo di investitore è concepito ODDO BHF Polaris Balanced Fund?

Il fondo ODDO BHF Polaris Balanced è adatto a distributori come promotori, banche private e investitori privati finali. Si tratta di un fondo misto / equilibrato con un approccio tematico. Con i suoi 10 anni di track record, il ranking nel primo decile e l’approccio tematico globale, potrebbe adattarsi molto bene a investitori che cercano un modo flessibile per navigare nei mercati (min equity 35%, max equity 60%).
Il Fondo mira a sovraperformare sia nei mercati in crescita che in quelli in calo. L’obiettivo è quello di raggiungere questa sovraperformance principalmente attraverso una gestione efficace della quota azionaria. Ci si può aspettare contributi di selezione significativi dalla scelta delle azioni in conformità con l'”approccio di alta qualità a lungo termine”, in particolare nei mercati laterali e leggermente tendenti al ribasso.
Nelle fasi di mercato in cui le azioni ad alto rischio hanno sovraperformato, potremmo non mostrare una performance così elevata in termini di selezione delle azioni dei titoli di crescita più difensivi a causa del nostro “approccio di alta qualità a lungo termine”.
Pertanto, la caratteristica principale del nostro fondo è la nostra attenzione alla selezione azionaria di alta qualità. Nell’attuale scenario economico, uno vuole investire in azioni di alta qualità in grado di far crescere i loro profitti fino al 10 % all’anno anche in ambienti difficili. E se acquisti questi titoli a una valutazione moderata, il successo a lungo termine è molto probabile.

Utilizzando il punto di vista di un consulente professionale, come suggerireste di utilizzare questo prodotto in termini di asset allocation?

ODDO BHF Polaris Balanced è destinato a investitori con un orizzonte di investimento a lungo termine che desiderano un portafoglio azionario/obbligazionario bilanciato (equity ratio: 35 – 60 %), un’asset allocation attiva con l’obiettivo di ottenere un dividend yield superiore alla media del portafoglio complessivo, una selezione di azioni di qualità valutate con l’analisi fondamentale (approccio di stock picking), focus su investimenti azionari europei e americani (con possibile aggiunta dei mercati emergenti), concentrazione su società con buona solvibilità e qualità dei bilanci.
Il fondo è gestito facendolo ruotare intorno a una bilanciata allocazione del 50% in azioni, che ne fa una base molto buona per la maggior parte dei profili degli investitori. Il posizionamento più aggressivo o difensivo può poi essere implementato aggiungendo fondi azionari o obbligazionari puri.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Investimenti, perchè piace l’investment grade

Investimenti, i danni dei dazi

Investimenti, le opportunità emergenti dei bond

Investimenti, il petrolio è sempre più americano

Investimenti, il nuovo volto dei mercati emergenti

Zurich, super semestre per Greco

Enasarco, malumori dopo il Mef

Bnl, una scelta per la parità di genere

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Generali, un semestre d’oro

Oggi su BLUERATING NEWS: Ocf vigila sulle polizze

DeA Capital alle grandi manovre

Investimenti, un’opportunità tutta da gustare

Poste, la rete distributiva spinge il gestito

Investimenti, onniscienti o totalmente folli?

Fineco, la rete si rinnova con giovani e bancari

Un ex BlackRock è il nuovo ceo di GAM Holding AG

Anima, utile giù ma masse in crescita

Investimenti: variazioni sul tema dell’equilibrio

Copernico sim, la quotazione sarà un volano per i cf

Consulente indagato, sequestrati 4 milioni a IWBank

JPMorgan, cresce in italia la commercial bank

CheBanca! reclutamento a vele spiegate

Certificati, super emissione targata Societe Generale

Fondi di investimento, nuova proposta sostenibile di M&G

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Elezioni Johnson, i gestori dicono la loro

Fineco, tris doc nei reclutamenti

Vontobel punta ai grandi portafogli milanesi

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Investimenti, occhio al creatore di vedove

Capital Group, nuova nomina nella distribuzione

Ti può anche interessare

GAM: deficit nella leadership commerciale

Gli Stati Uniti stanno abbandonando la propria leadership globale e qualcuno deve assolutamente fars ...

Anima mette su massa

Crescono le masse in gestione e l'utile vola ...

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

La raccolta netta dei Piani individuali di risparmio (Pir) è in picchiata. Dai fasti di un anno fa ...