Pir, l’abisso di giugno

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri29 luglio 2019 | 11:58

I Piani individuali di risparmio (Pir), a meno di tre anni dallo loro nascita, sono già a rischio di estinzione. A sottolinearlo è l’inserto settimanale del Sole 24 Ore, Plus 24. I numeri di giugno, del resto, parlano di deflussi superiori a 80 milioni di euro e da inizio anno il saldo è negativo per 258 milioni. A frenare l’emorragia, non è bastata nemmeno la ripresa dei mercati e delle performance. A giocare un ruolo in questa situazione sono stati i vincoli introdotti dalla Legge di Bilancio 2019.

Alla luce di questa situazione, il governo potrebbe intervenire a novembre con alcuni ritocchi normativi. Nel frattempo, alcuni Etf Pir iniziano a chiudere i battenti a causa della penuria di masse gestite. Un rischio condiviso da diversi fondi Pir con patrimoni inferiori ai 50 milioni di euro. A giugno, i Fondi Pir che hanno registrato i maggiori deflussi sono stati Eurizon Programma Italia 40 con -17,6 milioni, Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia con -8,1 milioni e Amundi Risparmio Italia B che fa segnare un -7,35%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Pir, febbraio nero per la raccolta

Ti può anche interessare

GAM: “Un futuro brillante nel settore dei beni di lusso”

Il lusso è un comparto molto interessante in cui essere presenti in un’ottica di investimento e i ...

Helvetia: nel 2018 cresce in barba alla tempesta

Il gruppo svizzero delle assicurazioni ha radunato 450 agenti alla convention annuale al Fico Eataly ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 11/07/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...