Eurizon, più risorse nella Direzione Investimenti

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Agosto 2019 | 11:34

Eurizon rafforza la propria Direzione Investimenti con due nuovi team, confermando il deciso impegno verso le tematiche ESG e lo sviluppo di attività di ricerca e analisi fondamentale. Rientrano nella Direzione Investimenti, che fa capo ad Alessandro Solina, le nuove unità Corporate Governance & Sustainability e Fundamental Research affidate a due manager entrati in società per arricchire la struttura apportando la loro consolidata esperienza in questo settore. Inoltre, viene potenziato il team azionario Italia con un nuovo ingresso.

Simone Chelini dall’inizio di giugno è responsabile Corporate Governance & Sustainability e guida il team di esperti che in questi anni hanno gestito e sviluppato le attività ESG.
Chelini, attivo da quasi trent’anni nell’asset management, ha lavorato per prestigiose case d’investimento ed è stato coordinatore del Comitato dei Gestori di Assogestioni dal 2016 a febbraio di quest’anno. Appartengono all’unità Corporate Governance & Sustainability professionisti che hanno maturato una lunga esperienza sui temi ambientali, sociali e di governance e che da anni promuovono le istanze e la visione della società a livello internazionale.

Eurizon, leader in Italia sui fondi sostenibili e responsabili con una gamma di 25 prodotti specializzati e un patrimonio di 5,94 miliardi, ha scelto di accentrare le attività legate a queste tematiche all’interno della Direzione Investimenti, per essere sempre più incisiva e determinante nel supportare lo sviluppo di un sistema di imprese sostenibile, con l’obiettivo di creare valore nel lungo periodo per i propri clienti. La società, impegnata da oltre 20 anni nel formulare e promuovere regole e comportamenti su questi temi, condivide le proprie expertise a livello europeo nella definizione di una regolamentazione comune sui criteri di sostenibilità e presiede il gruppo di lavoro sulla Disclosure della EBF (European Banking Federation). Sempre da giugno, Eurizon ha creato l’unità Fundamental Research, dedicata alle attività di ricerca e analisi fondamentale sui titoli europei e nord-americani e alla gestione dei patrimoni che investono in titoli azionari nei suddetti mercati sviluppati. L’unità di business, costituita da una squadra di esperti divisi per settore di competenza, è affidata a Francesco Sedati, manager con un ventennale percorso formativo e professionale nel settore dell’asset management a livello internazionale, che entra in Eurizon dopo un’esperienza di 10 anni in JP Morgan Asset Management a Londra. Anche il team Azionario Italia si è rafforzato con l’ingresso di Guido Crivellaro che apporta un’esperienza di quasi trent’anni in ambito finanziario, di cui gli ultimi sedici in Symphonia SGR come responsabile dei portafogli azionari Italia. Crivellaro entra in un team consolidato, sotto la responsabilità di Francesco De Astis, a cui fanno capo tutti i fondi azionari Italia, i fondi PIR compliant e il primo fondo ELTIF in Italia, Eurizon Italian Fund, lanciato a fine gennaio 2019.

Tommaso Corcos, Amministratore Delegato di Eurizon, ha dichiarato: “Siamo estremamente soddisfatti per l’ingresso nel nostro gruppo di nuovi professionisti con background di elevato spessore. Il loro arrivo arricchisce ulteriormente la gamma di competenze eccellenti che compongono il team di gestione di Eurizon. Stiamo dedicando risorse crescenti su alcune delle aree di business che riteniamo più sostenibili in chiave prospettica. Con la creazione dei nuovi team Corporate Governance & Sustainability e Fundamental Research intendiamo non solo supportare e integrare l’analisi ESG, ma anche assumere sempre più il ruolo di investitori attivi responsabili verso le società presenti nei nostri portafogli.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Eurizon regina del corporate globale

Eurizon: l’utile tiene, la raccolta meno

Azionario, Eurizon: in Europa rallenta la crescita, meglio puntare sugli Usa

NEWSLETTER
Iscriviti
X