Asset allocation, guadagnare giocando in difesa

A
A
A
Avatar di Redazione 14 Agosto 2019 | 12:15

A caccia di rendimenti in Europa, giocando in difesa. E’ questo il tema dell’ultima analisi di Francesco Lomartire, responsabile di SPDR ETFs (State Street) per l’Italia, Buona lettura.

Gli investitori, dopo aver ridotto la propria esposizione all’azionario a dicembre 2018, nel 2019 si sono nuovamente rivolti verso questa asset class e i loro ingenti investimenti sono stati ampiamente ripagati, visto che l’indice MSCI World ha riportato una performance di oltre il 20% da inizio anno a fine luglio. In questo periodo gli investitori con esposizioni all’azionario europeo, pur avendo conseguito ritorni di una certa consistenza, sono rimasti più indietro rispetto alla performance del mercato azionario nel suo complesso. Nello stesso periodo l’indice MSCI Europe è salito del 16,59%, nonostante il continuo calo registrato dagli indici Manufacturing PMI del Regno Unito e dell’Eurozona, il che lascia presumere che ci troviamo di fronte ad una a recessione del settore manifatturiero in tutta l’Europa. L’aumento dei corsi azionari è stato comunemente attribuito al continuo e crescente supporto delle banche centrali di tutto il mondo nell’offrire condizioni favorevoli per estendere la crescita economica1 o almeno una parvenza di crescita.

Nonostante questa circostanza si sia rivelata vantaggiosa per gli investitori, abbiamo assistito all’aumento di due fondamentali fonti di preoccupazione. Gli investitori sembrano essere sempre più incerti in merito alla sostenibilità della prosecuzione del rally e si chiedono quali siano le aree in cui investire per ottenere rendimenti a basso rischio in un contesto di tassi di interesse in calo o addirittura negativi. Mentre il rendimento del Bloomberg Barclays EuroAgg Corporate Index si avvicina allo zero, i rendimenti azionari europei continuano a mantenere un flusso di reddito difensivo per gli investitori disposti ad accettare il premio al rischio dell’azionario. Le strategie azionarie europee con un orientamento difensivo, che hanno sottoperformato il mercato nel suo complesso durante la fase di rally, potrebbero ora offrire agli investitori un’opportunità interessante in un contesto di accresciuta incertezza.

In che modo una strategia di Dividend Aristocrats aiuta a beneficiare delle fasi rialziste e a proteggersi in quelle ribassiste?

Gli investitori che da un lato cercano di mantenere una posizione long sui mercati azionari, ma dall’altro temono l’incertezza, dovrebbero utilizzare una strategia focalizzata sulla qualità degli utili. Le strategie Dividend Aristocrats sono in grado di selezionare, all’interno di una base diversificata, i dividendi di qualità che offrono flussi di liquidità regolari, coniugando crescita e dividend yield, al fine di aiutare gli investitori a superare l’incertezza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, emergenti in rampa di lancio

Asset allocation, integrare il rischio per resistere al Coronavirus

Asset allocation, l’obbligazionario ai tempi del coronavirus

Asset allocation: azioni, ecco su quali settori puntare

Asset allocation: qualche spunto per chiudere l’anno

Asset allocation, l’approccio quantitativo ai fondi di private equity

Asset allocation: cds, l’arma giusta contro mr. Hide

Consulenti, ecco i consigli sul portafoglio per i prossimi 5 anni

Asset allocation, le ragioni del Merger Arbitrage

Asset allocation, il momento d’Oro

Asset allocation, un portafoglio bilanciato per i mercati turbolenti

Asset allocation, l’oro per diversificare

Asset allocation, meglio essere codardi

Asset allocation: dopo il rally è tempo di protezione

Pictet AM: “La Fed? Una presenza che si fa sentire nell’asset allocation”

Asset allocation: le mosse estive sui bond

Syz Am, l’asset allocation è un rebus

Asset allocation: ecco perché sono meglio gli assicurativi dei bancari

Asset allocation: opportunità infrastrutture

Fondi: l’investimento (non fa) acqua

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Asset allocation: nel 2019 occasione commodity

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

Consulenti, rischi e opportunità per un 2019 dal portafoglio perfetto

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Invesco, portafogli per due scenari alternativi

Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

Asset allocation, bye bye bull market

Asset allocation, le opportunità europee

Asset allocation: in bond high yield we trust

Asset allocation alla prova del protezionismo

Ti può anche interessare

Pir e polizza assicurativa, arriva l’ibrido

CNP Partners, la società del Gruppo CNP Assurances attiva in Italia nei settori del risparmio, d ...

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Dopo l’anticipazione di Bluerating dello scorso giugno, ora è arrivata l’ufficialità. ...

Azimut, una mossa per la crescita sociale

Al via un nuovo fondo chiuso riservato agli investitori Istituzionali: durerà 14 anni e ha come obi ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X