Pictet AM: “I Paesi dell’Europa centrale si dimostrano resilienti”

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 26 Agosto 2019 | 15:29

Le economie dei Paesi dell’Europa centro-orientale sono riuscite a generare tassi di crescita sorprendentemente robusti e sembrano essersi disallineati dal rallentamento dell’eurozona. La loro resilienza può essere attribuita a un’incoraggiante domanda interna, trainata dal credito al consumo. Per quanto ancora potrà durare il boom e in che modo possono beneficiarne gli investitori?

Condizioni del mercato del lavoro molto solide con tassi di disoccupazione a livelli minimi record e una forte crescita
dell’occupazione che stanno alimentando la spesa al consumo. Ciò si è tradotto in una forte crescita dei salari nominali in tutti quanti i Paesi CEE4: dal 7,1% della Repubblica Ceca al 21,6% della Romania – in forte contrasto con il 2,4% dell’eurozona.

Anche la seconda parte del canale di trasmissione, dai salari all’inflazione dei prezzi al consumo, si è materializzata nei Paesi CEE4, diversamente da quanto successo nell’eurozona. Entrambi i tassi di inflazione primaria e core sono saliti.

Con maggiori pressioni inflazionistiche, si prevede che le banche centrali metteranno in campo ulteriori misure per
contenere l’inflazione. Tuttavia, finora questo è stato il tassello mancante del puzzle, ad eccezione della Repubblica Ceca e, entro certi limiti, della Romania.

L’esempio più preoccupante è la Romania, in cui l’inflazione è salita oltre la fascia obiettivo (si veda la Fig.7 sopra
riportata, a destra), dopo che la banca centrale ha avviato il percorso di normalizzazione della politica monetaria lo scorso hanno, ma ha poi fermato il programma di restringimento monetario.
Gli investitori nelle economie dei Paesi CEE4 dovranno presto fare attenzione alla normalizzazione della politica
monetaria, giustificata da condizioni interne positive che si trasmettono a una risalita dell’inflazione core. L’eurozona
avrebbe desiderato di trovarsi in questa condizione, mentre si trova all’estremità opposta dello spettro. Ciononostante, gli investitori devono anche prestare attenzione ad alcune economie a rischio, per via dell’aumento dei debiti delle partite correnti, di finanze pubbliche in deterioramento e di un debito pubblico in crescita. Questo è in particolare il caso di Romania e Ungheria.

La crescita trainata dai salari dei Paesi CEE4 li ha ampiamente immunizzati nei confronti del rallentamento
dell’eurozona. Riteniamo che ciò offra opportunità di investimento, soprattutto sul fronte azionario.

Mentre l’alta marea solleva tutte le imbarcazioni, il boom economico non sempre favorisce tutti i titoli, e proprio questo è il caso delle economie CEE4. Prendiamo ad esempio la Polonia. La sottoperformance da inizio anno dei settori fortemente sovrappesati all’interno degli indici, come ad esempio i finanziari e gli energetici, è stata incredibile rispetto alla notevolissima sovraperformance del segmento mid-cap dei beni di consumo di base e dei servizi di comunicazione.

La crescita trainata dai consumi è stata possibile a discapito di banche e compagnie energetiche – la fonte di
finanziamento fiscale della politica espansiva.

Inoltre, i mercati dei Paesi CEE4 sono costosi rispetto alle controparti di riferimento Russia e Turchia. Di conseguenza, consideriamo le economie CEE4 come mercati di selezione titoli in cui investiamo in modo selettivo e
con convinzione elevata. Attualmente, deteniamo posizioni soprattutto in società polacche esposte alla spesa al
consumo, e ci teniamo alla larga da titoli finanziari e bancari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Jupiter si lancia sull’Eurozona

Investimenti, le elezioni italiane non minacciano l’Eurozona

Eurozona: inflazione e fiducia i due grossi timori

NEWSLETTER
Iscriviti
X