Risparmio gestito, quella fee è da rifare

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara27 agosto 2019 | 09:14

Un sistema per armonizzare le commissioni di performance sui fondi d’investimento. A volerlo è l’Esma, l’authority paneuropea che vigila sui mercati finanziari. Esma ha diffuso infatti un paper di consultazione in cui manifesta la volontà di introdurre regole comuni in tutti i paesi europei per quelle voci di costo dei prodotti del risparmio gestito che dipendono dai rendimenti.

Metodi diversi Oggi, infatti, ci sono sistemi diversi di applicazione delle performance fee in ogni mercato. Il che porta spesso gli operatori finanziari a effettuare degli arbitraggi. L’authority di vigilanza ha stabilito come principio che le società di gestione comunichino

chiaramente l’esistenza di commissioni di performance e che quest’ultime vengano applicate realmente al netto di tutti i costi e che gravino solo se il fondo ha dimostrato realmente di aver realizzato un extra rendimento.

Pochi impatti in Italia Inoltre, le sgr devono essere obbligate a dimostrare che la performance fee non spinge il gestore ad assumere rischi eccessivi e che la strategia del fondo resta allineata agli interessi degli investitori. Le nuove regole, però, secondo gli analisti di Equita non dovrebbero avere grandi effetti sui conti delle banchereti come Banca Generali, Banca Mediolanum e Azimut Holding. La loro esposizione alle performance fee si è infatti significativamente ridotta.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Investimenti, argento vivo

Investimenti, il miraggio del 3%

Capital Group rafforza il team italiano

Asset allocation, meglio essere codardi

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Etf, una crescita a suon di record

Asset allocation, tentazione di lusso

Investimenti, due brillanti nascosti

Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

Investimenti, ribilanciare per sopravvivere

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Investimenti, perchè piace l’investment grade

Investimenti, i danni dei dazi

Investimenti, le opportunità emergenti dei bond

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina – Lemanik

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Emilio Fog ...

Generali cerca un accordo in Asia

Tra gli obiettivi della compagnia figura anche quello di rafforzare la sua rete di agenti da 13 a 23 ...

Schroders vuole Cantab, ma Gam non vende

Secondo il Financial Times, la società britannica ha avanzato, senza successo, un’ offerta sulla ...