Investimenti: oops they did it again

A
A
A
Avatar di Redazione6 settembre 2019 | 11:23

Vi proponiamo di seguito un commento sull’attuale situazione dell’economia argentina e le ripercussioni sui mercati finanziari a cura di team Multi Asset di Milano di GAM (Italia) SGR.

Ci risiamo, l’Argentina è nuovamente in difficoltà a causa dell’indebitamento in valuta estera. Dopo il default dei primi anni duemila, che molti risparmiatori italiani certamente ancora ricordano, siamo in prossimità di una nuova “ristrutturazione”. Il detonatore della crisi sono state le primarie di metà agosto, nelle quali si decidevano i candidati per le prossime elezioni e che quindi costituivano un importante banco di prova sul gradimento del governo in carica. Il responso è stato inaspettatamente molto sfavorevole per Macri, ma i problemi vengono da lontano. L’inefficacia delle riforme neoliberiste messe in campo dall’attuale governo ha portato ad un forte deprezzamento della valuta argentina già nel 2018 e ad un tasso d’inflazione che è diventato il secondo più alto del mondo (oltre il 50%), dopo quello venezuelano. Nelle attuali condizioni di mercato risulta quindi difficile onorare i debiti in dollari ed euro in scadenza nei prossimi mesi senza rinegoziare un nuovo accordo con il Fondo Monetario Internazionale.

Il crollo dei prezzi delle obbligazioni argentine ha avuto ripercussioni tutto sommato contenute sull’asset class del debito emergente in valuta forte. L’allargamento dello spread verso il Treasury avvenuto in agosto è stato causato per la maggior parte dal rally del governativo americano e solo in subordine dal contagio della crisi argentina. Inoltre, i prezzi attuali incorporano già gli effetti di una pesante ristrutturazione: nel momento in cui scriviamo le quotazioni dei governativi internazionali argentini (che costituiscono l’80% del debito totale) variano fra 35 e 40 centesimi a seconda delle scadenze. In una fase in cui la ricerca di rendimento è resa ardua dalle politiche non convenzionali delle Banche Centrali, da crescita limitata degli utili aziendali e da valutazioni non a sconto, i fondamentali del debito emergente nel proprio complesso rappresentano un’interessante combinazione rischio/rendimento. Lo spread attuale si colloca nell’intorno dei 380-390 punti base e il rendimento a scadenza (yield to worst in USD) è al di sopra del 5%. Ricordando che rischi, specifici o globali, sono sempre presenti, come pure la possibilità di tweet poco ortodossi (!), riteniamo che l’asset class continui a meritare spazio all’interno di un portafoglio ben diversificato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank FA, 15 nuovi consulenti per Ruggiu

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Investimenti, high yield, i vantaggi di un approccio globale

Investimenti, asset liquidi e di qualità per vincere la sfida al rendimento

Investimenti: strategie non direzionali, tra dispersione e protezione

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

IWBank, settebello nel reclutamento

Bce, il commiato di Draghi

Investimenti, tra borsa e unicorni

BMO: “Opportunità per il 2020? Gli investimenti più rischiosi”

Fineco a tutto Forex

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Ti può anche interessare

Degroof Petercam AM, portafogli attrezzati contro il climate change

I rischi dei cambiamenti climatici nelle politiche di gestione della nota casa di asset management ...

Risparmio gestito, ottobre in flessione

La raccolta netta da inizio anno si mantiene positiva per quasi 13 miliardi, fa sapere Assogestioni. ...

Fondi attivi, che fatica battere il mercato

Nessuna buona novella sul fronte dei rendimenti. Secondo quanto si legge nei risultati semestrali de ...