Investimenti: oops they did it again

A
A
A
Avatar di Redazione6 settembre 2019 | 11:23

Vi proponiamo di seguito un commento sull’attuale situazione dell’economia argentina e le ripercussioni sui mercati finanziari a cura di team Multi Asset di Milano di GAM (Italia) SGR.

Ci risiamo, l’Argentina è nuovamente in difficoltà a causa dell’indebitamento in valuta estera. Dopo il default dei primi anni duemila, che molti risparmiatori italiani certamente ancora ricordano, siamo in prossimità di una nuova “ristrutturazione”. Il detonatore della crisi sono state le primarie di metà agosto, nelle quali si decidevano i candidati per le prossime elezioni e che quindi costituivano un importante banco di prova sul gradimento del governo in carica. Il responso è stato inaspettatamente molto sfavorevole per Macri, ma i problemi vengono da lontano. L’inefficacia delle riforme neoliberiste messe in campo dall’attuale governo ha portato ad un forte deprezzamento della valuta argentina già nel 2018 e ad un tasso d’inflazione che è diventato il secondo più alto del mondo (oltre il 50%), dopo quello venezuelano. Nelle attuali condizioni di mercato risulta quindi difficile onorare i debiti in dollari ed euro in scadenza nei prossimi mesi senza rinegoziare un nuovo accordo con il Fondo Monetario Internazionale.

Il crollo dei prezzi delle obbligazioni argentine ha avuto ripercussioni tutto sommato contenute sull’asset class del debito emergente in valuta forte. L’allargamento dello spread verso il Treasury avvenuto in agosto è stato causato per la maggior parte dal rally del governativo americano e solo in subordine dal contagio della crisi argentina. Inoltre, i prezzi attuali incorporano già gli effetti di una pesante ristrutturazione: nel momento in cui scriviamo le quotazioni dei governativi internazionali argentini (che costituiscono l’80% del debito totale) variano fra 35 e 40 centesimi a seconda delle scadenze. In una fase in cui la ricerca di rendimento è resa ardua dalle politiche non convenzionali delle Banche Centrali, da crescita limitata degli utili aziendali e da valutazioni non a sconto, i fondamentali del debito emergente nel proprio complesso rappresentano un’interessante combinazione rischio/rendimento. Lo spread attuale si colloca nell’intorno dei 380-390 punti base e il rendimento a scadenza (yield to worst in USD) è al di sopra del 5%. Ricordando che rischi, specifici o globali, sono sempre presenti, come pure la possibilità di tweet poco ortodossi (!), riteniamo che l’asset class continui a meritare spazio all’interno di un portafoglio ben diversificato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Investimenti, argento vivo

Investimenti, il miraggio del 3%

Capital Group rafforza il team italiano

Asset allocation, meglio essere codardi

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Etf, una crescita a suon di record

Asset allocation, tentazione di lusso

Investimenti, due brillanti nascosti

Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

Investimenti, ribilanciare per sopravvivere

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Investimenti, perchè piace l’investment grade

Investimenti, i danni dei dazi

Investimenti, le opportunità emergenti dei bond

Investimenti, il petrolio è sempre più americano

Investimenti, il nuovo volto dei mercati emergenti

Zurich, super semestre per Greco

Enasarco, malumori dopo il Mef

Bnl, una scelta per la parità di genere

IWBank PI, utile e raccolta da capogiro

Ti può anche interessare

Fondi: l’investimento (non fa) acqua

L’acqua potabile è una delle risorse più importanti del mondo per l’umanità. La crescita dell ...

Aviva, crescita a doppia cifra

Aviva in Italia chiude il primo semestre 2019 con una crescita a doppia cifra dell’utile operativo ...

Columbia Threadneedle: “Affrontare con successo un sentiero tortuoso”

Dopo la netta correzione di fine 2018, i mercati azionari si stanno riportando in prossimità dei ma ...