Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

A
A
A
Avatar di Redazione1 ottobre 2019 | 10:36

Vi riportiamo di seguito “Il punto della settimana sui mercati” di Olivier De Berranger, Chief Investment Officer di La Financière de l’Echiquier.

Oggi i rendimenti sono negativi su buona parte delle obbligazioni mondiali, mentre cinque anni fa non succedeva praticamente mai. L’impatto della politica monetaria basata su tassi costantemente negativi si fa sentire ogni giorno di più, invitando così ogni risparmiatore o sottoscrittore di mutui a rivedere i modus operandi di “una volta”.

Le ultime settimane tracimano di esempi sintomatici delle conseguenze, sui risparmiatori europei, di queste scelte monetarie radicali.

In settembre, diverse banche con sede in Francia hanno annunciato l’applicazione di un tasso negativo sui conti correnti di persone con patrimoni elevati. Cade un tabù: per la prima volta nella storia del paese la liquidità “pura” potrebbe essere assoggettata a un’imposta. Anche in Germania, la Sparkasse di Monaco, la quinta cassa di risparmio su scala nazionale, ha scelto un tasso negativo per tutti i depositi superiori a euro 100.000. La tassazione dei conti correnti potrebbe allargarsi a tutta l’Europa.

Impatto dei tassi negativi sulle assicurazioni
Anche gli assicuratori si sono schierati la scorsa settimana. In Francia, GENERALI, seguita a ruota da ALLIANZ, ha inferto un duro colpo annunciando la fine dei “fonds en euros” che l’avevano fatta da padrone nelle assicurazioni vita. La compagnia sottolinea come, con le attuali condizioni di mercato, non possa più promuovere un prodotto finanziario con caratteristiche tanto generose, tra cui liquidità, garanzia del capitale e versamento degli interessi maturati ogni anno, oltre ad agevolazioni fiscali per l’imposta sul reddito e le tasse di successione.

A giustificare questa scelta radicale da un punto di vista commerciale sono, ancora una volta, il perdurare dei tassi negativi per molti titoli più sicuri e le relative conseguenze sul rischio di insolvenza degli assicuratori ai sensi della direttiva Solvency II. Se questa situazione dovesse prolungarsi gli assicuratori non sarebbero semplicemente più in grado di garantire il capitale o di versare un rendimento garantito su questi supporti finanziari. Per questo motivo, si fa di tutto per dissuadere i risparmiatori dall’investire in questi fondi orientandoli piuttosto verso gli investimenti immobiliari, le unit linked o il private equity accomunati da due caratteristiche: la riduzione del rischio di bilancio per la compagnia assicurativa e la prospettiva offerta al risparmiatore di un rendimento a lungo termine non nullo o negativo.

Alla fine, si tratta solo di raggiungere l’obiettivo auspicato dalla Banca Centrale Europea con la determinazione di tassi negativi. I vari attori del mondo economico sono così incoraggiati ad assumersi maggiori rischi indebitandosi o investendo, al fine di stimolare l’inflazione e di sostenere la crescita. In questo modo, piuttosto che finanziare gli attori ritenuti più sicuri (come gli Stati) attraverso l’acquisto del debito, il risparmio è orientato verso attori e asset certamente più rischiosi ma potenzialmente più favorevoli alla crescita e più remunerativi.

Se non per amore del rischio, l’investitore deve ora accettarlo, almeno per interesse, se vuole ottenere un rendimento superiore all’inflazione nel lungo termine. In caso contrario il capitale è destinato a erodersi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Investimenti, argento vivo

Investimenti, il miraggio del 3%

Capital Group rafforza il team italiano

Asset allocation, meglio essere codardi

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Etf, una crescita a suon di record

Asset allocation, tentazione di lusso

Investimenti, due brillanti nascosti

Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

Investimenti, ribilanciare per sopravvivere

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Investimenti, perchè piace l’investment grade

Investimenti, i danni dei dazi

Ti può anche interessare

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 18/3/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi comuni aperti retai ...

Asset allocation: tutti pazzi per la cedola

Tra i prodotti sicuramente più apprezzati in questo momento troviamo quelli a cedola. A tal proposi ...

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Nuovo ingresso per la realtà austriaca ...