Pir, accelerata per modificare la normativa

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri5 novembre 2019 | 10:20

Proseguono i lavori per modificare la normativa sui Pir, i Piani individuali di risparmio. L’ultima notizia riguarda una proposta di legge a firma del deputato di Forza Italia Sestino Giacomoni, vice presidente della Commissione Finanze della Camera e consulente finanziario. Lui vorrebbe che le modifiche venissero incluse nel Dl Fiscale o con la Legge di Bilancio.  I resoconti delle sedute lasciano trasparire un consenso trasversale delle forze politiche per correggere la normativa, dopo la pioggia di deflussi patita da questi strumenti d’investimento negli ultimi mesi in seguito alle modifiche apportate dall’ultima Legge di Bilancio. Al punto che gli esperti prevedono 700 milioni di riscatti entro fine anno.

Il contenuto della bozza, che è stato esaminato da Bluerating, prevede infatti di sospendere o eliminare le disposizioni dell’ultima manovra approvata (obbligo per i Pir di investire il 3,5% del patrimonio su aziende dell’Aim e il 3,5% in venture capital); semplificare e ridurre i costi per consentire alle pmi di quotarsi e di emettere obbligazioni; consentire di sottoscrivere, nell’ambito dei Pir, anche quote o azioni di organismi di investimento collettivo del risparmio (Oicr) di credito, di Oicr immobiliari, di Oicr infrastrutturali e, infine, titoli di Stato. La proposta potrebbe ovviamente subire modifiche nell’iter di approvazione, ma è ormai sempre più probabile un intervento per risollevare i Pir.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Pir, febbraio nero per la raccolta

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore dell’11/09/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Natixis, finanziamenti si giudicano in base all’impatto sul clima

Ad ogni finanziamento “verde” concesso da Natixis ai grandi clienti viene ora assegnato ...

Eurizon premiata come asset manager innovativo

Eurizon, la società di gestione del gruppo Intesa Sanpaolo, vince l’Innovation Award di Aifin ...