Investimenti, high yield, i vantaggi di un approccio globale

A
A
A
Avatar di Redazione5 novembre 2019 | 12:03

Vi riportiamo di seguito un commento sull’importanza di un approccio globale al mercato high yield, con esempi di opportunità nel segmento, a cura di Mike Della Vedova, co-gestore del fondo T. Rowe Price Funds SICAV – Global High Income Bond, T. Rowe Price.

In un contesto di tassi bassi che spingono i rendimenti delle obbligazioni investment grade di alta qualità a livelli molto bassi o negativi, gli investitori obbligazionari potrebbero volersi indirizzare verso titoli con rating inferiore e rendimenti più elevati. In questi casi potrebbero rivelarsi interessanti i vantaggi di diversificazione offerti da un portafoglio high yield che investe su un set di opportunità globali. Una strategia high yield globale dovrebbe infatti mirare a trarre vantaggio dall’assenza di sincronizzazione tra i cicli del credito, dalle disparità dei valori relativi e dagli eventi geopolitici che creano anomalie di prezzo, offrendo al contempo minori rischi rispetto a una strategia focalizzata solo sul mercato HY Usa.

L’importanza di una ricerca approfondita

Le dimensioni del mercato high yield globale superano oggi i 4.500 miliardi di dollari. Se una decina di anni fa lo stesso mercato era composto principalmente da emittenti nordamericani, oggi è molto più vasto e include anche emittenti di mercati emergenti ed europei. Questa situazione è in gran parte attribuibile all’incremento delle emissioni al di fuori degli Stati Uniti, e in misura minore alla lieve riduzione del mercato high yield Usa. Due tendenze che riteniamo continueranno in futuro. Come mostra la Figura 1, le dimensioni del mercato high yield europeo sono più che quadruplicate dal 2008 e rappresentano oggi un terzo del mercato high yield Usa. Il mercato europeo ha inoltre un’esposizione molto più ridotta ai settori connessi all’energia, e ciò può rappresentare un vantaggio nei periodi di calo dei prezzi delle materie prime.

Anche il segmento high yield dei mercati emergenti ha registrato una notevole crescita ed è pari oggi a circa 1.000 miliardi di dollari. Le società dei mercati emergenti hanno fatto ricorso principalmente ai mercati dei bond corporate per rifinanziare i prestiti esistenti a condizioni più favorevoli. I bilanci di tali società sono spesso più solidi rispetto a quelli delle loro controparti dei paesi sviluppati, con un grado di leva finanziaria più basso e rapporti liquidità/debito più elevati.

I mercati high yield europei ed emergenti sono meno maturi e meno affollati rispetto al mercato Usa. Ad esempio, gli investitori focalizzati sui bond societari emergenti rappresentano soltanto il 5% del mercato2. Livelli così bassi di presenza si traducono in una maggiore inefficienza e offrono quindi opportunità per i gestori attivi. 

Poiché gli sviluppi macroeconomici e politici, insieme alle questioni ambientali, sociali e di governance (ESG), possono avere un forte impatto sulla performance delle obbligazioni internazionali, integriamo la nostra analisi creditizia fondamentale con le conoscenze top-down del nostro team di analisti in ambito di titoli di Stato e di ESG. Il loro contributo è essenziale per lo sviluppo di allocazioni geografiche e ci consente di aggirare problematiche di specifici Paesi, come le turbolenze in Turchia nella prima metà del 2018. All’epoca siamo stati in grado di sfruttare le anomalie in Turchia aprendo posizioni su determinati emittenti all’inizio della seconda metà del 2018.

Le opportunità in Europa

I recenti sviluppi all’interno di Altice (multinazionale di telecomunicazioni e media, tra le principali emittenti di debito HY in Europa) mostrano i benefici che un’analisi creditizia dettagliata e un approccio flessibile alla costruzione del portafoglio possono generare quando si investe in bond high yield.

Gli utili contenuti registrati dal ramo francese di Altice a fine 2017 hanno pesato sulle sue obbligazioni e hanno spinto il fondatore della società, Patrick Drahi, a prendere le redini dell’entità francese diventandone il CEO. All’epoca avevamo chiuso la nostra posizione su Altice France e acquistato titoli di Altice International, nei quali vedevamo maggiore valore. A mano a mano che Altice ha venduto i suoi asset nel 2018, siamo tornati ad investire sulle obbligazioni della sua entità francese. Questa posizione ha registrato ottime performance, dimostrando i vantaggi di un’analisi creditizia fondamentale realizzata in un’ottica di lungo periodo, che guardi al di là del sentiment negativo del mercato.

Le opportunità nei mercati emergenti

Parlando invece di emittenti emergenti, abbiamo una view positiva su Minerva, produttore brasiliano di carne bovina operante in tutto il Sud America. Le obbligazioni della società hanno registrato una ripresa nel 2018 dopo l’acquisizione del competitor National Beef, che ha fatto di Minerva il secondo più grande produttore mondiale di carne bovina. Minerva ha in seguito diminuito il suo grado di leva nel 2018, vendendo alcuni segmenti delle sue attività sudamericane e usando i proventi per ridurre i debiti. Prevediamo che la domanda mondiale di carne bovina continuerà a crescere e ciò, associato ai bassi livelli di indebitamento della società e ai rendimenti interessanti, va a sostegno delle nostre previsioni positive sul debito di Minerva.

I prestiti rappresentano un’ulteriore fonte di diversificazione

I prestiti bancari sono un altro segmento del mercato societario high yield globale che può essere usato come fonte di diversificazione. Nella struttura del capitale i prestiti si trovano spesso su uno scalino più in alto rispetto alle obbligazioni, e ciò conferisce loro una priorità di rimborso nel caso di fallimento dell’emittente. Tuttavia, a fronte del deterioramento dei criteri di concessione dei prestiti, una solida analisi fondamentale resta cruciale anche per i prestiti bancari.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank FA, 15 nuovi consulenti per Ruggiu

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Allianz Italia, raccolta sugli scudi nel 2019

Investimenti, asset liquidi e di qualità per vincere la sfida al rendimento

Investimenti: strategie non direzionali, tra dispersione e protezione

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

IWBank, settebello nel reclutamento

Bce, il commiato di Draghi

Investimenti, tra borsa e unicorni

BMO: “Opportunità per il 2020? Gli investimenti più rischiosi”

Fineco a tutto Forex

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Credem, la carica dei volontari

Investimenti, come muoversi coi tassi bassi

Investimenti, paradosso delle obbligazioni “verdi”

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Allianz Bank FA, advisory in riva al lago

IWBank PI, la rete acquista peso

Investimenti, azionario ai tempi supplementari

Oggi su BLUERATING NEWS: maxi dividendo in arrivo per Mediolanum

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Investimenti: oops they did it again

Credem, è tempo di fusioni interne

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Generali-Unipol, partita sul welfare

Credem, le persone prima di tutto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Pictet AM: Investimenti, il valore della gestione attiva

Investimenti: debito emergente, perché sì e perché no

Investimenti, la Cina rialza la testa

Risparmio gestito, quella fee è da rifare

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina – BlackRock

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Luca Giorg ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 24/03/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

Phialithis (Fidelity International) spiega le strategie per affrontare i mercati in forte calo ...