Pir, via libera al cambiamento

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri26 novembre 2019 | 15:03

È arrivato l’ok della Commissione Finanze all’emendamento al Dl Fiscale per la riforma dei Pir (Piani individuali di risparmio). Il consenso verso il provvedimento di Forza Italia, riformulato dai relatori della maggioranza, è stato unanime. Ne nascono dei Pir 3.0: con la rimozione dei tanto discussi vincoli introdotti nella scorsa legge di Bilancio.

I nuovi Pir dovranno avere almeno il 70% dell’investimento complessivo in strumenti finanziari emessi da imprese italiane oppure aziende europee (purché abbiano una stabile organizzazione in Italia). Inoltre, almeno il 25% di questa quota dovrà essere impiegata in strumenti finanziari di imprese diverse da quelle inserite nell’indice Ftse Mib o in indici equivalenti di altri mercati regolamentati. Un ulteriore quota del 5% (sempre del 70% sopracitato) dovrà essere destinata in strumenti finanziari di imprese italiane diverse da quelle inserite nell’indice Ftse Mib, Ftse Mid e Star (a meno che non si tratti di small cap) o in indici equivalenti di altri mercati regolamentati. Restano, ovviamente, per i Pir le vecchie agevolazioni fiscali previste fin dall’inizio.

Diversi esponenti dell’industria del risparmio gestito si sono espressi con favore. A partire da Equita, che nel suo Pir monitor ha definito l’emendamento “Molto positivo per il rilancio dei prodotti Pir e consentirebbe una ripartenza della raccolta.Il limite del 5% (ex FTSE MIB e FTSE MID) avrebbe il vantaggio di generare maggior flussi e migliorare la liquidità soprattutto con riferimento alle piccole imprese”. Mentre il consulente finanziario Sestino Giacomoni, deputato di forzista e vice presidente della Commissione Finanze, ha dichiarato al Sole 24 Ore che “in 10 anni potranno essere raccolti dai Pir ed indirizzati nell’economia reale ed in particolare al finanziamento delle Pmi oltre 150 miliardi di euro di risparmi privati”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Pir, febbraio nero per la raccolta

Nuovi Pir, oltre 70 pmi dove investire

Nuovi Pir, l’industria del risparmio dice “no” ai vincoli

Nuovi Pir col tetto: sarà di 15 milioni per Pmi

Pir, il grande gelo continua

Ti può anche interessare

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

State Street Global Advisors, divisione per l’asset management di State Street Corporation, ha pub ...

Investimenti, per Jp Morgan Am clima e salute sono le opportunità del futuro

Temperature in aumento, calo della biodiversità, scioglimento dei ghiacciai e aumento di eventi cli ...

Investimenti: i sostenibili e la carica dei 300

Sono state comunicate le evidenze della terza edizione dell’Impact Report di MainStreet Partners ( ...