Pir, via libera al cambiamento

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 26 Novembre 2019 | 15:03

È arrivato l’ok della Commissione Finanze all’emendamento al Dl Fiscale per la riforma dei Pir (Piani individuali di risparmio). Il consenso verso il provvedimento di Forza Italia, riformulato dai relatori della maggioranza, è stato unanime. Ne nascono dei Pir 3.0: con la rimozione dei tanto discussi vincoli introdotti nella scorsa legge di Bilancio.

I nuovi Pir dovranno avere almeno il 70% dell’investimento complessivo in strumenti finanziari emessi da imprese italiane oppure aziende europee (purché abbiano una stabile organizzazione in Italia). Inoltre, almeno il 25% di questa quota dovrà essere impiegata in strumenti finanziari di imprese diverse da quelle inserite nell’indice Ftse Mib o in indici equivalenti di altri mercati regolamentati. Un ulteriore quota del 5% (sempre del 70% sopracitato) dovrà essere destinata in strumenti finanziari di imprese italiane diverse da quelle inserite nell’indice Ftse Mib, Ftse Mid e Star (a meno che non si tratti di small cap) o in indici equivalenti di altri mercati regolamentati. Restano, ovviamente, per i Pir le vecchie agevolazioni fiscali previste fin dall’inizio.

Diversi esponenti dell’industria del risparmio gestito si sono espressi con favore. A partire da Equita, che nel suo Pir monitor ha definito l’emendamento “Molto positivo per il rilancio dei prodotti Pir e consentirebbe una ripartenza della raccolta.Il limite del 5% (ex FTSE MIB e FTSE MID) avrebbe il vantaggio di generare maggior flussi e migliorare la liquidità soprattutto con riferimento alle piccole imprese”. Mentre il consulente finanziario Sestino Giacomoni, deputato di forzista e vice presidente della Commissione Finanze, ha dichiarato al Sole 24 Ore che “in 10 anni potranno essere raccolti dai Pir ed indirizzati nell’economia reale ed in particolare al finanziamento delle Pmi oltre 150 miliardi di euro di risparmi privati”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir, nuovo assist governativo all’orizzonte

Viva i Pir alternativi

Pir, la raccolta si impenna dal 2021. In pole c’è Mediolanum

I Pir e gli italiani si conoscono sempre di più

Pir, i prodotti che suonano la riscossa d’aprile

Il Pir è morto, evviva il Pir

Pir alternativi, è fatta

Un Pir con 5 euro al mese

Pir, sarà un 2020 da lacrime e sangue

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Ti può anche interessare

Top 10 Bluerating: a Cattolica ancora lo scettro del capitale garantito

Le classifiche esclusive di Bluerating dedicate ai migliori prodotti del risparmio gestito disponibi ...

Oggi su BLUERATING NEWS: il flop degli azionari

Non perdete la puntata di oggi di Bluerating News, in diretta su Bfc alle 19.00 e disponibile in pod ...

Etica sgr, due nuove nomine per crescere

Etica Sgr, Società di Gestione del Risparmio del Gruppo Banca Etica specializzata in fondi comuni d ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X