Fondi di investimento: stretta di mano tra Credit Suisse e Lombard Odier

A
A
A
Avatar di Redazione27 novembre 2019 | 09:54

Credit Suisse e Lombard Odier lanciano insieme un fondo orientato al settore del consumo responsabile. Il fondo offre l’opportunità di investire in società destinate a trarre vantaggio dai cambiamenti legati alla transizione globale verso un’economia più sostenibile.

Con la generazione dei Millennial, valori e comportamenti dei consumatori stanno cambiando, e le persone si chiedono sempre di più in che modo creiamo, utilizziamo ed eliminiamo beni e servizi. L’impatto sui modelli di business nonché sugli ecosistemi commerciali e sulle catene di approvvigionamento è notevole e offre opportunità agli investitori.

Il Credit Suisse Responsible Consumer Fund investirà in società espressamente orientate a questo cambiamento di paradigma di comportamenti e preferenze dei consumatori e che pertanto presentano il potenziale per sovraperformare nel lungo termine. La creazione di questo fondo segue la recente pubblicazione del rapporto della banca “The Responsible Consumer” di ottobre ed è un’opportunità d’investimento allineata con le tendenze e le idee messe in evidenza dal rapporto. Si tratta di un altro passo nell’ambito dell’impegno della banca ad ampliare la sua offerta nell’universo degli investimenti sostenibili e connessi alla promozione di valori.

Marisa Drew, CEO del dipartimento Impact Advisory and Finance di Credit Suisse (IAF), ha sottolineato l’attesa ampia risonanza di questo fondo che, afferma, “si rivolge agli investitori intenzionati ad allineare gli investimenti con i temi in cui credono e probabilmente già sostengono attraverso le loro scelte come consumatori”.  Inoltre, ha notato che “questo fondo dovrebbe avere un’analoga risonanza presso gli investitori alla ricerca di una vera creazione di valore, andando a sostenere quelle società che verosimilmente guadagneranno quote di mercato grazie alla sintonia con l’evoluzione della mentalità dei consumatori”.

Il fondo mira a sostenere l’evidente cambiamento nel comportamento di consumatori e produttori, investendo in modelli di business che favoriscono e consentono lo sviluppo di prodotti e servizi sostenibili. Il momento è propizio al lancio, alla luce dell’attuale orientamento del settore privato verso gli investimenti per scopi benefici e del supporto di Stati e autorità di vigilanza a favore della sostenibilità. Ne è un esempio l’iniziativa del Canada di bandire la plastica monouso entro il 2021.

Dopo un’attenta due diligence su oltre dieci provider, la scelta è caduta su Lombard Odier in qualità di advisor, in virtù della sua competenza negli investimenti sia tematici sia sostenibili.

Didier Rabattu, Global Head of Equities presso Lombard Odier Investment Managers, osserva: “La sostenibilità è un fattore fondamentale del futuro successo di lungo termine delle aziende e costituisce una reale opportunità per gli investitori. Siamo entusiasti di collaborare con Credit Suisse a questo progetto, per offrire agli investitori un’esposizione a società che sono in fase di transizione verso un modello di business più sostenibile e/o forniscono una soluzione a una particolare sfida correlata alla sostenibilità. Riteniamo che queste caratteristiche influiranno positivamente sui rendimenti futuri”.

Il fondo investirà in società quotate nei comparti Alimentazione sostenibile, Sistemi urbani, Catene di fornitura e Stili di vita sostenibili, con un approccio all’intera catena di valore, puntando su aziende attive nell’arco di tutto il ciclo di vita del prodotto e, in ultima analisi, fornendo ai propri investitori un rischio settoriale diversificato.

Le decisioni d’investimento saranno in linea con il 12. Obiettivo di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite “Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo” che riguarda l’intero ambito della tesi d’investimento tematica. La reportistica del fondo andrà oltre le metriche di rendimento e comprenderà sofisticati indicatori ambientali, sociali e di governance, come l’impatto in termini di anidride carbonica e acqua, e farà il punto mensilmente sulla sostenibilità. Inoltre, il fondo svilupperà una strategia di partecipazione attiva alle società in portafoglio per contribuire ad accelerare la trasformazione verso pratiche di consumo e produzione sostenibili.

Un Senior Advisory Board, composto da esperti in tematiche di sostenibilità, di ESG e di gestione patrimoniale, si occuperà dell’indirizzo e del posizionamento del fondo. Assicurerà inoltre che esso sia sempre all’avanguardia in relazione agli sviluppi di questa tematica.

Il fondo UCITS sarà lanciato il 25 novembre con un periodo di sottoscrizione di tre settimane a partire dal 4 novembre. Il fondo è disponibile in dollari USA, euro, franchi svizzeri e sterline britanniche; inoltre, offre classi di quote istituzionali e retail, nonché seeding.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credit Suisse, l’utile raddoppia sulla scia del wealth management

Global Wealth 2019: stiamo diventando più ricchi

Credit Suisse, ritorno di fiamma americano per il wealth management

Credit Suisse, Vio guida l’Italia

Credit Suisse AM, ecco un nuovo portfolio manager

Wealth management, colpo grosso di Ubs

Credit Suisse: basta nuove filiali e milioni sul digital

Credit Suisse, secondo trimestre in grande spolvero

Credit Suisse toppa lo stress test della Fed

Trimestrali contrastanti per le big svizzere

Salone del Risparmio, Credit Suisse AM prosegue il Viaggio nel Futuro

Viaggio nel futuro con Credit Suisse AM

Wealth management, Spreafico passa da Indosuez a Credit Suisse

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Credit Suisse AM

Credit Suisse AG, un nuovo asso per il real estate

Bellingeri lascia iShares per Credit Suisse

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Credit Suisse, i numeri del trimestre deludono

La scure di Credit Suisse sulle banche italiane

Credit Suisse, i bond sulle ali del Dragone

Risparmio gestito, il revival della bancassicurazione

Allianz Bank, la rete ha un portafoglio in salute

Rivivi il roadshow Road to the future

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Robotica, un fondo di Credit Suisse AM nelle polizze di Allianz

Societe Generale tende la mano ai gestori

Road to the future apre i cancelli

Credit Suisse, rendimento sulla rotta di Marco Polo

Credit Suisse, la bussola dei bond

Credit Suisse, Giacobbe coo per l’Italia

Certificati, Credit Suisse cala il tris sul Sedex

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Credit Suisse, se ne va in Cina l’asso Chow

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore dell’11/11/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Columbia Threadneedle: “Affrontare con successo un sentiero tortuoso”

Dopo la netta correzione di fine 2018, i mercati azionari si stanno riportando in prossimità dei ma ...

Fondi di investimento, i migliori a livello europeo nel settore Esg

Chi è il re dei fondi d’investimento azionari legati ai criteri Esg? In Europa a guidare le f ...