Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

A
A
A
Avatar di Redazione27 novembre 2019 | 10:41

Via libera in commissione Finanze alla Camera al rilancio dei Pir. Come riportato da organi di stampa, le modifiche sono confluite in un emendamento al decreto fiscale approvato all’unanimità nella serata di lunedì 25 novembre, che esclude il venture capital dagli investimenti consentiti e sintetizza proposte provenienti da diverse parti politiche per far confluire risorse verso le Pmi.

La modifica prevede la sostituzione dei due vincoli, di almeno il 3,5% degli investimenti da destinare a società quotate sull’Aim e dell’altro 3,5% al venture capital, con un unico obbligo di riserva del 5% del valore complessivo dello strumento in società di medio-piccola capitalizzazione, “diverse da quelle inserite nell’indice Ftse Mib e Ftse Mid cap della Borsa Italiana o in indici equivalenti in altri mercati regolamentati”, si legge nel testo dell’emendamento riformulato dalla maggioranza di governo prima dell’approvazione.

Assogestioni giudica positivamente l’emendamento sui Pir, sebbene le misure potrebbero ancora essere soggette a cambiamenti durante la discussione parlamentare. “L’industria del risparmio gestito accoglie con grande favore l’approvazione dell’emendamento al DL Fisco che rimuove le limitazioni ai Piani individuali di risparmio introdotte dalla legge di Bilancio dello scorso anno”, commenta Fabio Galli, direttore generale di Assogestioni.

“In attesa dei successivi sviluppi parlamentari”, prosegue Galli, “questo passaggio rappresenta un segnale molto apprezzabile di collaborazione tra le forze politiche ai fini del rilancio di un meccanismo fondamentale di incentivo del risparmio di lungo termine delle famiglie verso l’economia reale del Paese”.

La proposta approvata alla Camera “risulta in linea con i profili di liquidità dei Pir costituiti in fondi aperti”, rileva Alessandro Rota, direttore dell’ufficio studi di Assogestioni, in merito all’intervento correttivo. “Se approvata in via definitiva anche in Senato, la norma va nella giusta direzione per la ripresa di un mercato che si era bruscamente fermato nel 2019”, sottolinea Rota.

La riforma rimuove anche il vincolo di unicità per gli investimenti in Pir da parte di casse e fondi pensione. “Apprezziamo che sia stata risolta in sede normativa una questione più volte sollevata in via interpretativa da Assogestioni, ossia l’inapplicabilità ai fondi pensione e alle casse di previdenza del principio di unicità del Pir” commenta Arianna Immacolato, direttore del settore fiscale di Assogestioni.

“Questo consente di aumentare le possibilità di investimento di questi soggetti nei Piani individuali di risparmio, sempre nel limite del 10% dell’attivo patrimoniale”, precisa Immacolato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Oggi su BLUERATING NEWS: i Pir perdono il treno, Langé eletto

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Nuovi Pir, pronto il decreto attuativo

Nuovi Pir e Eltif, il governo sfida il Mef

Pir, febbraio nero per la raccolta

Nuovi Pir, oltre 70 pmi dove investire

Nuovi Pir, l’industria del risparmio dice “no” ai vincoli

Nuovi Pir col tetto: sarà di 15 milioni per Pmi

Pir, il grande gelo continua

Ti può anche interessare

Risparmio: in dieci anni gli italiani hanno perso il 20%

Una situazione non particolarmente felice quella dei risparmiatori italiani, che dal 2008 al 2018 ha ...

Generali, fumata nera con Bbva

Sembrava già tutto fatto. Invece Generali esce dalla corsa per una partnership bancassicurativa con ...

MoneyFarm alla conquista della Germania

Moneyfarm avvia l’operatività anche in Germania, in seguito all’acquisizione del robo-a ...