La Française, nuovo fondo a scadenza con strategia low-carbon

A
A
A
Avatar di Redazione 16 Dicembre 2019 | 11:14

Gli accordi di Parigi puntano a mantenere l’aumento della temperatura globale nel lungo termine ben al di sotto del tetto dei 2° C rispetto ai livelli pre-industriali. In qualità di membro responsabile dell’industria finanziaria, La Française mira a partecipare agli sforzi per indirizzare capitali verso il finanziamento della transizione energetica e della riduzione delle emissioni di gas serra. In questo contesto, caratterizzato peraltro da uno scenario di bassi tassi di interesse, La Française lancia La Française Carbon Impact 2026, un fondo a scadenza con strategia low-carbon. Questa nuova soluzione si basa su due delle storiche expertise del gruppo – gli investimenti responsabili e la gestione di fondi a scadenza.

A fronte delle sfide storiche poste dal climate change, La Française resta convinta che le aziende con strategie di trasformazione verso modelli low-carbon saranno meglio protette dall’aumento dei rischi climatici e da inadempienze regolamentari che impattano il settore e saranno preferite dagli investitori consapevoli delle sfide connesse al clima. La strategia del fondo La Française Carbon Impact 2026 è quella di finanziare gli stakeholder di ambito economico con ambizioni sincere in termini di transizione energetica e che si pongono l’obiettivo di ridurre le proprie emissioni per combattere i cambiamenti climatici.

Nell’orizzonte di investimento raccomandato di sette anni, l’obiettivo di La Française Carbon Impact 2026 è quello di sovraperformare, al netto delle commissioni, i bond governativi francesi con scadenza nel 2026. Il fondo investirà in un portafoglio target comprendente da 120 a 200 titoli (non vincolante), i cui emittenti avranno superato uno screening ESG basato sul metodo sviluppato da Inflection Point by La Française. Segue nel processo di gestione un secondo round di integrazione tematica che combina l’analisi di impatto ambientale con quella finanziaria. La Française Carbon Impact 2026 si impegna a costruire e mantenere un portafoglio con una media ponderata di emissioni di gas serra per ogni euro investito che sia almeno del 50% inferiore rispetto all’universo d’investimento di riferimento1.

Il fondo adotta una strategia di gestione discrezionale. La Française Carbon Impact 2026 può investire fino al 100% dei suoi asset  in obbligazioni di aziende dei settori privato o semi-pubblico (compresi i green bond), con un rating Investment Grade2 (fino al 100%), o High Yield3 (fino al 70%), con scadenza  entro il  31 dicembre 2026. Gli emittenti di Paesi OCSE possono arrivare fino al 100% dell’allocazione geografica, mentre gli emittenti non OCSE possono arrivare fino al 10%.4

La Française Carbon Impact Global 2026 non è un fondo garantito e gli investitori sono esposti al rischio di perdita di capitale.

Jean-Luc Hivert, Global Head of Investments a La Française AM, commenta: “Per dare vita a La Française Carbon Impact 2026 abbiamo combinato due delle nostre storiche aree di competenza – la gestione di fondi a scadenza e il sustainable investing – con un’expertise nell’analisi ESG sviluppata dal nostro centro di ricerca extra-finanziario, Inflection Point by La Française. Per gli investitori interessati ad unire potenziali ritorni ad un approccio sostenibile, La Française Carbon Impact 2026 rappresenta una soluzione d’investimento ideale. Essa favorirà le aziende che già hanno iniziato un processo di transizione energetica per ridurre il proprio impatto ambientale nel lungo termine. In quanto attore impegnato nella transizione climatica, siamo al fianco degli investitori nello sforzo collettivo per contenere il riscaldamento globale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti finanziari, ecco perché l’obbligazionario asiatico può fare bene al portafoglio

I migliori fondi, la classifica top 20 Europa

Wealth Management, Arca Fondi campione del digitale

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Banco Bpm, la partita è in mano ai fondi

Tremate, arrivano i fondi 007

Euclidea e Vanguard, nuova linea azionaria su etf e fondi indicizzati

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 19/07/2019

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 15/07/2019

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 11/07/2019

H2O, 3 miliardi in fuga

Fondi, ecco i gestori d’oro del 2019

Gestori in vetrina – Lyxor Etf

Gestori in vetrina – iShares

Fondi, guadagni a doppia cifra

Gestori in vetrina – Merian GI

Fondi, arriva il gigante europeo

Fondi, non ci sono più i gestori di una volta

Gestori in vetrina – Allianz GI

Consulenti e fondi, ecco i top (e i flop) da inizio anno

Gestori in vetrina – JP Morgan AM

Gestori in vetrina – Fidelity International

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Mini fondi pensione: pochi soldi per un doppio vantaggio fiscale

Fondi di investimento, MFS: nuovo fondo che punta al credito europeo

Natixis IM scommette su robotica e intelligenza artificiale

Fca: mazzata a Goldman Sachs International

Unicredit corteggia i fondi

Assogestioni: a febbraio trionfa Poste. Patrimonio record, ma la raccolta delude

BlackRock, grandi novità in Italia

Fondi europei: febbraio da brividi, ma si salvano i bond

BNP Paribas AM: strategia globale per la sostenibilità

Merian Global Investors, nuovo nome per la distribuzione EMEA

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 4/12/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Fondi comuni, a sorpresa l’Europa raddoppia le masse del 2008

In dieci anni l’Europa recupera il terreno perduto e cresce con una percentuale a tripla cifra. Se ...

Robeco, doppio scenario per il 2020

Nell’outlook 2020 Robeco prevede che l’espansione economica si protragga un po’ più a ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X