Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

A
A
A
Avatar di Redazione 19 Dicembre 2019 | 10:25

“Il mercato italiano si caratterizza per la rinascita dei prodotti Pir: la modifica della regolamentazione dei limiti relativi ai Piani Individuali di Risparmio, in approvazione con la finanziaria 2020, ha generato un ritorno dei flussi su titoli di piccola/media capitalizzazione, con un generalizzato re-rating delle valutazioni”. È l’analisi di Andrea Scauri, gestore azionario Italia di Lemanik.

Nel mese di novembre i mercati hanno registrato performance complessivamente positive grazie alla combinazione dei progressi fatti nelle negoziazioni fra Cina e Stati Uniti, ai segnali di stabilizzazione che provengono dagli indicatori macro e a un’accelerazione dei deal di M&A in tutto il mondo. Questi elementi hanno guidato un generalizzato re-rating del mercato. Continuiamo a ritenere che il driver principale dei mercati sia l’ammontare di liquidità iniettato nel sistema dalle banche centrali. L’offerta monetaria negli Stati Uniti è incrementata nel mese, ma fatica a essere assorbita dall’economia reale a causa di un approccio più cauto preso dalle banche alla luce dei primi segnali di deterioramento dell’asset quality dei crediti. La Fed di New York ha evidenziato che su 1.3 trilioni di dollari di prestiti, il tasso di insolvenza è cresciuto fino a raggiungere il 5%, molto vicino al 5.2% raggiunto nel picco della crisi finanziaria. Nell’Eurozona, nonostante segnali di miglioramento in Francia e in Germania, l’Euro Area Composite Pmi è stato più basso delle attese (50.3 vs. 50.9 atteso). Negli Usa, sia i Pmi manifatturieri sia quelli non manifatturieri hanno mostrato miglioramenti.

Per quanto riguarda il mercato italiano, le tensioni governative hanno determinato un riaprirsi dello spread, penalizzando titoli e settori maggiormente percepiti con esposizione domestica. Lo spread fra Btp e Bund si è in effetti allargato a causa delle tensioni politiche relative al tema Ilva, alla crisi Alitalia, all’alleanza a rischio fra Pd e M5s dopo le elezioni regionali in Umbria e, infine, per lo scontro sulla riforma del Mes. La condizione del mercato italiano per il prossimo futuro dipenderà dalla percezione di stabilità politica, dalle indicazioni di politica monetaria da parte della Bce e della Fed e dall’evoluzione del tema trade war.

“Questo contesto si riflette sull’asset allocation del nostro fondo”, conclude Scauri. “La componente delle utilities è diminuita, con Enel che resta il titolo dove manteniamo esposizione maggiore. Le posizioni core fra i titoli small/mid cap in portafoglio, come Amplifon, Enav, Inwit, Last Minute, sono state mantenute. In particolare, Amplifon e Last Minute continuano a preformare estremamente bene. Abbiamo infine deciso di mantenere il peso del settore finanziario”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir, i prodotti che suonano la riscossa d’aprile

Il Pir è morto, evviva il Pir

Pir alternativi, è fatta

Un Pir con 5 euro al mese

Pir, sarà un 2020 da lacrime e sangue

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Nuovi Pir fuori dal dl crescita

Pir, un piede nella fossa

Pir: l’assassino dei guadagni ha un volto

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina: Janus Henderson

I big del gestito raccontano il loro 2020. ...

Ninety One, primo giorno di quotazione per l’ex Investec Am

Ninety One completa l’uscita dal gruppo e lancia il nuovo brand ...

Amundi e Credit Agricole, insieme per la Croce Rossa

Un milione di euro per assicurare un aiuto concreto contro l’emergenza Coronavirus e garantire all ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X