Polizze, un Paese a due velocità

A
A
A
di Redazione 30 Dicembre 2019 | 11:40

Nel 2018 la raccolta assicurativa vita e danni e’ concentrata per oltre l’80% nel Centro-Nord; per il 60,6% nel solo Nord. Il dato emerge dal bollettino statistico Ivass, ripreso recentemente da Radiocor. l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, pubblicato oggi. La raccolta del settore vita, pari a 102 miliardi di euro, e’ aumentata del 3,5% rispetto al 2017. La crescita e’ interamente riconducibile al Centro e al Nord dell’Italia. Nel Sud e nelle Isole invece sono stati raccolti meno premi (- 5,4% al Sud e -1,3% nelle Isole) rispetto all’anno precedente.

La variabilita’ della spesa assicurativa pro capite tra le province tende a ridursi negli ultimi anni; la raccolta del settore danni, oltre 33 miliardi, e’ cresciuta del 2,4% rispetto al 2017, anch’essa grazie alla maggiore raccolta nel Centro (+3,8%) e nel Nord (+3,7%). Al Sud si e’ registrato un lieve incremento dello 0,7% mentre le Isole segnano una riduzione dell’1,4%. Rispetto al settore vita, si registra una minore variabilita’ sul territorio della spesa assicurativa pro capite; la raccolta nei rami rc auto e natanti, 13,3 miliardi, e’ stabile rispetto al 2017. Si raccoglie di piu’ al Nord (47% del totale nazionale) mentre nel resto del Paese c’e’ una contrazione, piu’ significativa nelle Isole (-2,8%). Il bollettino rileva una variabilita’ della spesa assicurativa pro capite tra le province italiane inferiore rispetto all’intero settore danni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti