Anima, Carreri saluta e se ne va

A
A
A
Avatar di Redazione 20 Febbraio 2020 | 11:55

“Guidare Anima è stato per me un grandissimo privilegio che ho vissuto con passione, impegno e grande senso di responsabilità nei confronti di tutti gli stakeholders. A 58 anni sento il bisogno di ridisegnare almeno in parte le priorità della mia vita, guardando con curiosità a nuove sfide che la vita, non necessariamente quella professionale, vorrà regalarmi. Anima è oggi un gruppo solido e in salute, come i risultati gestionali evidenziano, caratterizzato da una forte componente valoriale, fra cui un management team di assoluta qualità, coeso e determinato che sono convinto saprà portare avanti la storia di successo che insieme abbiamo scritto” Con queste parole Marco Carreri si congeda da amministratore delegato di Anima Holding S.p.A. Alla guida del gruppo Anima dal 2009, prima di allora, è stato per otto anni amministratore delegato di UBI Pramerica – joint venture tra UBI Banca e Prudential Financial USA nell’asset management. Marco Carreri ha inoltre ricoperto incarichi di responsabilità presso Unicredito Italiano, in qualità di Corporate Treasurer, Cariverona Banca, come Direttore Finanza, e Cofiri, quale Responsabile Tesoreria e gestione integrata dei rischi finanziari.

A margine dell’approvazione del progetto di bilancio per l’esercizio 2019, il Consiglio di Amministrazione, infine, ha preso atto con rammarico della decisione manifestata dal dottor Marco Carreri, Amministratore Delegato di ANIMA Holding, di non rendersi disponibile alla candidatura in occasione del rinnovo del Consiglio stesso per il prossimo triennio, da deliberarsi da parte dell’assemblea prevista per il 31 marzo 2020.

Il Presidente Livio Raimondi, a nome del Consiglio e di tutta ANIMA, ha ringraziato il dottor Carreri “per lo straordinario apporto di professionalità e umanità che ha permesso al Gruppo ANIMA, in soli undici anni, di ergersi a protagonista dell’industria del risparmio gestito in Italia – come anche testimoniato dalla forte crescita delle masse in gestione e dalla eccellente qualità degli indicatori economico reddituali – nonché di essere punto di riferimento per i professionisti del settore”.

La raccolta netta del Gruppo ANIMA nel 2019 è stata positiva per circa 0,3 miliardi di euro (al netto delle deleghe di Ramo I); il totale delle masse gestite a fine dicembre 2019 è pari a 185,7 miliardi di euro, anche grazie ad una performance ponderata netta dei fondi comuni di oltre l’8,5% nel 2019.

Per quanto riguarda le grandezze economiche, le commissioni nette di gestione hanno raggiunto i 284,0 milioni di euro (in aumento dell’1% rispetto ai 280,7 milioni di euro del 2018). Le commissioni di incentivo sono state pari a 48,2 milioni di euro (in forte incremento rispetto ai 20,3 milioni di euro del 2018). Considerando queste ultime e gli altri proventi, i ricavi totali si sono attestati a 358,3 milioni di euro (in aumento dell’11% sui 323,9 milioni di euro del 2018).

costi operativi ordinari sono stati pari a 80,6 milioni di euro, in calo del 3% rispetto agli 83,4 milioni di euro del 2018. Il rapporto fra costi e ricavi netti complessivi (escludendo dai ricavi netti le commissioni di incentivo) si è attestato al 26,0%.

L’utile ante imposte ha raggiunto i 204,9 milioni di euro (in aumento di circa il 18% rispetto ai 173,6 milioni di euro del 2018), mentre l’utile netto si è attestato a 145,8 milioni di euro (+19% sui 122,1 milioni di euro del 2018).

L’utile netto normalizzato (che non tiene conto di costi o ricavi straordinari e/o non monetari fra i quali gli ammortamenti di intangibili a vita utile definita) è stato pari a 185,1 milioni di euro (+13% rispetto ai 163,2 milioni di euro del 2018).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima Alternative presenta un fondo per investire sulle Pmi italiane

Fondi, Anima sfonda il muro del miliardo

Anima, la raccolta torna in positivo a luglio

Anima, i conti reggono e Melzi D’Eril prepara lo shopping

Risparmio gestito, Poste e Anima i cavalli su cui puntare

Anima, la raccolta si prende una pausa a giugno

Anima, a maggio raccolta positiva e un nuovo boccone per Bpm

Coronavirus, ANIMA sostiene chi è in prima linea

Anima è pronta per Arca

Anima, a marzo la raccolta non delude

Anima, inizia l’era di Melzi d’Eril

Anima, la sorpresa Caltagirone

Anima pronta ad affidarsi a Melzi D’Eril

Anima, raccolta 186 milioni a gennaio

Reputazione online, Doris al top nelle reti

Anima, ecco la nuova sgr

Anima, al via il cantiere per una Sgr sui private market

Anima, nel 2019 la raccolta sfonda quota 300

Banche e reti, per Ubs c’è chi è buy e chi no

Anima, la raccolta si conferma positiva a novembre

Anima, a ottobre prosegue il trend positivo per la raccolta

Anima, raccolta positiva a settembre

Anima, arriva il roadshow per i cf sulla previdenza complementare

Anima, ad agosto raccolta posiva

Anima, a luglio continua la ripresa nella raccolta

Anima, utile giù ma masse in crescita

Anima, la raccolta esce fuori dal tunnel

Anima lancia il fondo per i “novellini” del risparmio gestito

Anima, prosegue il periodo no della raccolta

La nuova Anima di Arca

Anima: utile e ricavi giù, masse su

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Gestori in vetrina – Anima

NEWSLETTER
Iscriviti
X