Jupiter amplia la gamma europea con il lancio di un nuovo fondo

A
A
A
Avatar di Redazione26 febbraio 2020 | 13:39

Il fondo Jupiter Pan European Smaller Companies affiancherà i fondi Jupiter European Growth da 2 miliardi di euro e  Jupiter European Fund con sede nel Regno Unito da 5,8 miliardi di euro nell’ambito della strategia European Growth, che rappresenta il fiore all’occhiello della società, con asset totali pari a 7 miliardi di sterline, e seguirà la stessa filosofia d’investimento dei fondi europei all-cap: utilizzare l’analisi bottom-up per identificare le imprese di alta qualità e ad alto rendimento il cui titolo azionario è valutato erroneamente o sottovalutato dai mercati, sfruttando questa anomalia per generare alfa. Il fondo, con approccio unconstrained, investirà in un portafoglio concentrato ad alta convinzione di circa 50-60 società a piccola capitalizzazione, quotate in Europa o fortemente esposte a quest’area. Tali società possono essere definite come quelle che, al momento dell’investimento, sono più piccole per capitalizzazione di mercato della 300esima società dell’indice FTSE World Europe.

Mark Heslop è entrato in Jupiter ad ottobre 2019 provenendo da Columbia Threadneedle, dove per quasi 10 anni ha conseguito performance da primo quartile investendo in società europee a piccola capitalizzazione, gestendo oltre 2,7 miliardi di sterline di asset in questo segmento. In riconoscimento di questo risultato, Mark è stato ammesso alla FE Alpha “Hall of Fame” del 2019, riflettendo sia la durata che la coerenza delle prestazioni che ha fornito nel corso della sua carriera in diverse condizioni di mercato.

Mark sarà supportato nella gestione del fondo Jupiter Pan European Smaller Companies da un ampio team europeo, che comprende il co-gestore del fondo European Growth, Mark Nichols e l’assistant fund manager Sohil Chotai. I tre gestori gestiscono asset europei come team dal 2015.

 

 

Stephen Pearson (nella foto), cio di Jupiter, ha commentato: “Mark ha dimostrato di essere in grado di fornire rendimenti interessanti a lungo termine in quello che è un settore specializzato, con il suo precedente fondo collocato nel primo quartile per uno, tre e cinque anni. Siamo lieti di poter offrire ai nostri clienti l’accesso a questa importante asset class grazie a un gestore con un track record di così alta qualità, rafforzando al contempo le nostre competenze di investimento sia nelle azioni europee in generale che nel segmento a piccola capitalizzazione “.

 

 

Mark Heslop, gestore del Jupiter Pan European Smaller Companies Fund, ha aggiunto:

“Quello delle società a piccola capitalizzazione è un settore entusiasmante, dove pensiamo che un investimento attivo bottom-up – la tipologia promossa da Jupiter – possa aggiungere un reale valore per i clienti. Il settore copre un vasto universo di azioni in cui molte delle aziende sono sconosciute o poco studiate. In questo ambiente, un’analisi diligente e approfondita può portare alla luce gemme nascoste, che offrono significative opportunità di crescita a lungo termine e che sono state trascurate dal mercato. Il fondo Pan European Smaller Companies funge da complemento al fondo Jupiter European Growth con un unico team che implementa un unico approccio di investimento in tutto il più ampio universo azionario europeo. Questo ci dà ancora più spazio per generare alfa per i nostri clienti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Merian entra nell’orbita di Jupiter

Jupiter: “I mercati stanno festeggiando?”

Jupiter AM, si rafforza il team azionario

Ti può anche interessare

Investimenti, ecco perchè le sri funzionano ma non ancora abbastanza

State Street Global Advisors, divisione per l’asset management di State Street Corporation, ha pub ...

Gestori in vetrina – JP Morgan AM

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Lorenzo Al ...

Vai Pir, ora torna e vola

La macchina da afflussi dei Piani individuali di risparmio (Pir) potrebbe presto rimettersi in moto. ...