BlackRock, il 2020 all’insegna della gestione sostenibile

A
A
A
Avatar di Redazione23 marzo 2020 | 10:24

BlackRock, ha pubblicato recentemente le priorità di stewardship 2020, definendo la sua tabella di marcia per la gestione degli investimenti di quest’anno. Le priorità includono anche l’impegno assunto a gennaio da BlackRock a rendere la sostenibilità il nuovo standard nelle procedure investimento.

Nell’ambito di tale impegno, BlackRock ha pubblicato una serie di indicatori chiave in base ai quali BlackRock sarà in grado di seguire i progressi delle aziende in merito alle priorità assunte e ha identificato i referenti delle società quotate che BlackRock riterrà responsabili dei progressi significativi maturati in tale ambito.

La stewardship è una componente essenziale della responsabilità fiduciaria di BlackRock nei confronti dei clienti e le priorità per il 2020 sono la base per l’impegno di BlackRock con migliaia di aziende ogni anno. Queste priorità rappresentano le cinque aree principali su cui si concentrerà BlackRock Investment Stewardship (“BIS”) nel tentativo di migliorare il valore a lungo termine delle attività dei clienti.

“BlackRock affronta la gestione degli investimenti in modo strategico e differenziato. Abbiamo la capacità di coinvolgere le aziende tutto l’anno in discussioni significative sui passi specifici che dovrebbero adottare per gestire i rischi e le opportunità a lungo termine, comprese questioni di sostenibilità sempre più rilevanti. Ci occupiamo di questioni rilevanti con le aziende indipendentemente dal fatto che abbiano ricevuto o meno una proposta degli azionisti “, ha affermato Barbara Novick, co-fondatrice e vicepresidente di BlackRock. “In ogni mercato, gli amministratori sono eletti dagli azionisti per supervisionare la gestione. Di conseguenza, abbiamo scoperto che concentrarsi sulla responsabilità dei registri crea un approccio coerente con la gestione globale ”

Priorità

Per il 2020, BIS ha individuato cinque priorità: qualità del consiglio di amministrazione, rischi e opportunità sul fronte ambientale, strategia aziendale e allocazione del capitale, remunerazione per promuovere una visione di lungo termine e gestione del capitale umano. Le Priorità 2020, stabilite in continuità con il 2019, definiscono i criteri esplicativi per il 2020 in linea con le aspettative di BlackRock in merito ai flussi informativi e agli interventi misurabili finalizzati a creare valore a lungo termine per gli azionisti.

Per le società con le quali BIS ha svolto attività di engagement su una o più Priorità, e che non hanno compiuto progressi, BIS riterrà responsabile l’amministratore con maggiore anzianità di servizio oppure l’amministratore più rilevante, secondo le indicazioni seguenti:

  • Efficacia e performance del consiglio di amministrazione – BIS vuole comprendere in che modo, e con quale efficacia, un consiglio di amministrazione vigila sul management dell’azienda e lo consiglia.  Una componente chiave di questa attività è l’engagement diretto con un membro del consiglio di amministrazione.  In ogni mercato regionale chiave, per le società con le quali intendiamo avviare l’engagement, vogliamo entrare in contatto con uno o più amministratori non esecutivi, preferibilmente indipendenti, che siano stati indicati come disponibili al confronto con gli azionisti. Per l’individuazione di tale ruolo, BIS considera responsabile l’amministratore non esecutivo più anziano, per esempio il presidente o il principale amministratore indipendente.
  • Rischi e opportunità sul fronte ambientale – BIS si aspetta che le società con le quali ha già avviato l’engagement sulla rendicontazione coerente con la TCFD comunichino informazioni sufficientemente dettagliate sui quattro pilastri previsti dal quadro di riferimento e indichino una scadenza entro la quale la rendicontazione della società sarà interamente allineata alle undici raccomandazioni.  BIS riterrà responsabili i membri del relativo comitato, oppure l’amministratore non esecutivo più anziano, per eventuali comunicazioni non adeguate e per le prassi aziendali che sottendono alle stesse.
  • Strategia aziendale e allocazione del capitale – Sul fronte della strategia e dell’allocazione del capitale a lungo termine, le società devono spiegare pubblicamente come integrano nella propria strategia aziendale i rischi e le opportunità legati alla sostenibilità e rilevanti per il proprio settore, per esempio quelli individuati nelle linee guida SASB. BIS intende confrontarsi con le società sulle nostre aspettative in merito alla rendicontazione e incoraggiarle a collegare la pianificazione a lungo termine ai rischi e alle opportunità legati alla sostenibilità e rilevanti per l’azienda.  BIS riterrà responsabile l’amministratore non esecutivo più anziano se, entro i termini stabiliti, la società non avrà fornito adeguate informazioni e non avrà fatto progressi sulle relative prassi aziendali.
  • Remunerazione per promuovere una visione di lungo termine – Le politiche retributive dell’esecutivo dovrebbero essere adeguatamente allineate alla performance e al ritorno per gli azionisti. BIS riterrà responsabili i consigli di amministrazione laddove le politiche retributive non siano correlate a una metrica di performance a lungo termine rilevante per l’azienda, per esempio il ritorno complessivo per gli azionisti a 3-5 anni o i rendimenti sul capitale investito.  BIS valuterà inoltre le strutture applicate all’intera azienda, in quanto riteniamo che la remunerazione, comprendente retribuzione di base, incentivi e contributi previdenziali, sia un elemento importante per definire la capacità di un’azienda di trattenere e attrarre talenti a tutti i livelli e riveli come viene gestito il capitale umano nella pratica. BIS riterrà responsabili i membri del comitato remunerazioni per gli esiti delle politiche retributive.
  • Gestione del capitale umano – Poiché la maggior parte delle società riconosce nei dipendenti il proprio asset più importante, ci aspettiamo che i consigli di amministrazione vigilino sulle strategie di gestione del capitale umano.  In assenza di informazioni sul ruolo del consiglio di amministrazione nel vigilare sulle pratiche di gestione del capitale umano dell’azienda, inclusa una spiegazione sulla tipologia di informazioni analizzate e sulla frequenza di tale analisi, BIS riterrà responsabili i membri del relativo comitato oppure l’amministratore non esecutivo più anziano.

“Nell’intensificare il proprio impegno sul fronte della stewardship, BlackRock si aspetta che le aziende migliorino le modalità di comunicazione dei rischi legati alla sostenibilità e illustrino un piano per gestire i rischi e le opportunità rilevanti e i relativi progressi compiuti”, afferma Michelle Edkins, Global Head of BlackRock Investment Stewardship. “Dove le società fanno progressi su questi aspetti essenziali, noi intendiamo offrire il nostro supporto al management e al consiglio di amministrazione. D’altro canto, considerate le basi poste negli ultimi anni, riterremo responsabili gli amministratori se riscontreremo un’assenza di progressi nella gestione di fattori di sostenibilità rilevanti o in caso di comunicazioni insufficienti su rischi e opportunità rilevanti per l’azienda”.

“L’esercizio del voto per la nomina degli amministratori è un imperativo essenziale in Europa, dove gli azionisti presentano un numero di proposte relativamente inferiore rispetto agli Stati Uniti e si osserva una maggiore coerenza nei livelli di supporto tra gli investitori istituzionali”, ha dichiarato Amra Balic, Head of BlackRock Investment Stewardship, EMEA. “Durante la scorsa stagione di voto europea ci sono state 14 proposte degli azionisti relative a questioni ambientali o sociali, rispetto a 165 negli Stati Uniti”. [1]

Migliorare la trasparenza

Oltre a confrontarsi con le società quotate sulle questioni delineate nelle Priorità, BIS si impegna per una maggiore trasparenza nelle proprie attività di engagement e di voto. Nello specifico, BIS intende:

  • Mappare le nostre Priorità di engagement in base a specifici Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, quali l’uguaglianza di genere e l’energia pulita e a prezzi accessibili, con una maggiore attenzione per le questioni legate alla sostenibilità e le informative in materia, dato il loro crescente impatto sulla creazione di valore a lungo termine.
  • Divulgare ulteriori informazioni per offrire maggiore trasparenza sul modo in cui BIS conduce le attività di stewardship degli investimenti, a sostegno di una performance sostenibile a lungo termine per la clientela. Tra le misure fondamentali che abbiamo già intrapreso per aumentare la trasparenza segnaliamo le seguenti: 1) pubblicazione trimestrale, anziché annuale, dell’informativa sulle scelte di voto; 2) pubblicazione, per le votazioni di alto profilo, di un Bollettino di voto con la spiegazione della nostra decisione di voto.  Nel prossimo trimestre forniremo maggiori informazioni sulle nostre attività di engagement con le società.

Impatto

BlackRock dedica un maggior numero di persone e risorse tecnologiche alle proprie attività di stewardship rispetto a qualsiasi altra società di gestione degli investimenti a livello mondiale. In qualità di azionista di minoranza e azionista di fatto permanente in società quotate per conto dei clienti che investono in strategie indicizzate, BlackRock assume un approccio a lungo termine alla stewardship, incoraggiando le aziende ad adottare pratiche di corporate governance in linea con la creazione di valore sostenibile a lungo termine. Per realizzare questo obiettivo, BIS intende:

  • Ritenere responsabili gli amministratori. Nel 2019 abbiamo votato contro gli amministratori, oppure ci siamo astenuti, 4.800 volte presso più di 2.700 società in tutto il mondo. Crediamo che ritenere responsabili gli amministratori sia il modo più efficace per realizzare cambiamenti a livello societario.
  • Contribuire ad aumentare la diversità nei consigli di amministrazione attraverso l’engagement e l’esercizio del voto. A giugno 2019, meno del 20% delle società del Russell 1000 aveva meno di due donne nel proprio consiglio di amministrazione, un dato in calo rispetto al 30% del 2018, grazie alle attività di engagement con BIS.
  • Richiedere una maggiore divulgazione di informazioni attraverso SASB e TCFD. A febbraio, TCFD ha annunciato che la sua raccomandazione ha raccolto più di 1.000 sostenitori a livello mondiale, il che significa un importante cambiamento verso il riconoscimento del rischio finanziario legato al cambiamento climatico. SASB ha riconosciuto il significativo aumento di flussi informativi coerenti con i propri standard a seguito della richiesta avanzata da BlackRock a gennaio di una rendicontazione allineata ai requisiti SASB.
  • Migliorare la tecnologia. Aladdin, la piattaforma di gestione degli investimenti e del rischio di BlackRock, ci consente di archiviare gli insight sull’engagement per condividerli in modo più efficiente con i nostri 2.400 professionisti degli investimenti, per esempio analisti azionari e del credito e gestori di portafoglio, e di fornire ai nostri clienti report dettagliati sull’engagement.
  • Informative più frequenti. A partire dal primo trimestre 2020, BIS è passata da una frequenza annuale a una frequenza trimestrale per le informative sul voto, con un database digitale ricercabile dei voti disponibile sul sito BIS. Nel prossimo trimestre forniremo maggiori informazioni sulle nostre attività di engagement con le società.
  • Maggiore trasparenza nei voti. Abbiamo già pubblicato diversi Bollettini di voto dopo alcune assemblee degli azionisti per spiegare le nostre decisioni sulle votazioni di alto profilo e continueremo a pubblicarne altri con il picco della stagione delle deleghe.
  • Leader riconosciuti nella stewardship degli investimenti. BlackRock ha ricevuto il Global Stewardship Disclosure Award for Asset Managers assegnato nel 2018 dall’International Corporate Governance Network (ICGN) e la valutazione A+ in base ai Principi di investimento responsabile delle Nazioni Unite per il proprio impegno sul fronte della stewardship e della governance.

A gennaio 2020 BlackRock ha aderito a Climate Action 100+, un gruppo di investitori che si confronta con le società per migliorare l’informativa sul rischio climatico e allineare la strategia delle imprese agli obiettivi dell’Accordo di Parigi. L’adesione a questa iniziativa rappresenta la naturale evoluzione del nostro impegno di stewardship sul rischio climatico e del lavoro svolto per promuovere un migliore approccio in termini di prassi di governance, definizione degli obiettivi e flussi informativi da parte delle società quotate.

BlackRock è un membro attivo di varie organizzazioni focalizzate sul cambiamento climatico, tra le quali Institutional Investors Group on Climate Change (dal 2004), Ceres Investor Network on Climate Risk & Sustainability (dal 2008), Principles for Responsible Investment (dal 2008), Investor Group on Climate Change (dal 2009) e Asian Investor Group on Climate Change (dal suo lancio, nel 2016). Queste organizzazioni, a loro volta, sono i principali membri dell’iniziativa Climate Action 100+.

 


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 05/09/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Fondi immobiliari, il peso del fisco

Un vero e proprio macigno sui rendimenti. E’ quello che sono stati nel 2018 l’Imu e la T ...

Asset allocation, il portafoglio modello di Aiaf

Presentato dal gruppo di lavoro del panel strategist di Aiaf, Associazione Italiana Analisti Finanzi ...