Consulenti, qualche consiglio per un’asset allocation prudente

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 7 Aprile 2020 | 12:19

Dopo aver trattato le regole base per un portafoglio a prova di Coronavirus, Bluerating vuole proporre ai professionisti della consulenza qualche spunto di riflessione su un approccio prudente all’asset allocation, quanto mai utile per clienteli particolarmente spaventati da questo momento. A fornirci i giusti consigli ci pensa Altaf Kassam, EMEA Head of Investment Strategy & Research, State Street Global Advisors (nella foto). Buona lettura.

Nei nostri portafogli azionari quantitativi growth abbiamo continuato ad aggiungere titoli high conviction colpiti dai ribassi non proporzionati dei prezzi e che hanno anche tratto relativamente beneficio dal virus, mentre abbiamo ridotto l’esposizione ad aziende economicamente vulnerabili o che hanno performato relativamente bene di recente. Il turnover rimane contenuto con un focus sui fondamentali di lungo termine. Consideriamo il 2020 un anno perso per gli utili, ma utilizziamo un approccio bottom up per capire dove potranno tornare nel 2021 e nel 2022.

Nei nostri portafogli value continuiamo a testare le posizioni per assicurarci che siano convenienti considerato il livello più basso degli utili e che abbiano un bilancio in grado di far fronte alle avversità. Abbiamo abbandonato posizioni in cui il team di gestione non aveva solide convinzioni e incrementato l’esposizione a titoli che riteniamo offrano un valore migliore. L’elevato grado di incertezza ci porta ad un approccio cauto. Nei nostri portafogli a lungo termine abbiamo ridotto selettivamente l’esposizione a comparti come beni di consumo voluttuari, titoli ciclici e legati all’energia, mentre abbiamo aumentato le posizioni su beni di prima necessità e utility. Le vendite trainate dal sentiment si traducono in un sell-off generalizzato, che solitamente genera opportunità di acquisto, pertanto abbiamo leggermente aumentato le posizioni cash.

Per quanto riguarda le valute, al momento abbiamo una view bearish sul dollaro, in quanto la mancanza di panico nell’acquisto di questa valuta e la costante erosione del vantaggio di rendimento ne limita le chance di rialzo e pone le basi per un trend ribassista.

Al contrario siamo bullish sullo Yen, che è stato deludente come bene rifugio, ma mostra prospettive in miglioramento grazie alla copertura da parte degli investitori giapponesi, alla necessità di liquidità in Yen e al potenziale status di bene rifugio dovuto all’incertezza del mercato.

Nel reddito fisso siamo passati a un credito di elevata qualità investment grade, dato che gli spread rimangono ampi e varie agevolazioni potrebbero sostenere questo segmento.  Abbiamo anche ridotto il nostro sovrappeso sui titoli garantiti da ipoteca (MBS), dato che gli spread attuali su cui si basano le cedole passano attraverso i Treasury statunitensi.

Il nostro team di investimento multi-asset si è riunito regolarmente per rivedere le posizioni di asset allocation tattica.  Sulla base dei drammatici movimenti di mercato avvenuti a marzo, i nostri portafogli si sono allontanati dai pesi obiettivo desiderati e abbiamo deciso di riequilibrarli per garantire che siano in linea con le nostre views.  Al momento non abbiamo modificato i nostri pesi target, che continuano a presentare un modesto sovrappeso sulle azioni, un sottopeso nel reddito fisso ed esposizioni mirate in oro e cash. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore 21/02/2020

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Mercati, sei consigli comportamentali per investire in una fase di crisi

Vi proponiamo di seguito un commento su sei consigli comportamentali per investire in tempo di crisi ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 5/11/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X