Pir, sarà un 2020 da lacrime e sangue

A
A
A
Avatar di Redazione 23 Aprile 2020 | 11:05
Secondo le stime di Intermonte Sim, nell’anno del coronavirus questi strumenti avranno deflussi per 1 miliardo di euro. La ripresa partirà dal 2021.

La terza versione dei Pir era partita con grandi attese, ma non aveva fatto i conti con il coronavirus. L’annus horribilis dell’emergenza, infatti, secondo le stime d’Intermonte Sim, ha affossato gli obiettivi di raccolta di questo veicolo d’investimento. A tal punto che per il 2020, da una previsione di afflussi netti per mezzo miliardo di euro, si è passati a una fosca stima di deflussi per circa 1 miliardo. Nelle stime, come riporta l’edizione online di MF Milano Finanza, non sono però incluse le stime sui nuovi Pir proposti da Assogestioni (leggi qui): fondi chiusi a cinque anni dedicati agli investimenti nelle pmi, per i quali l’associazione di categoria del risparmio gestito prevede afflussi potenziali compresi tra i 3 e 5 miliardi.

Gli esperti di Intermonte, dopo i deflussi del 2019 per oltre 1 miliardo, prevedevano per i Pir – in seguito alla recente riforma che ha riportato l’impianto dei piani individuali di risparmio a una struttura più simile a quella, fortunata, del 2017 – un’inversione della tendenza e un ritorno ai fasti del passato. Ma l’estrema volatilità del mercato, seguita ai crolli nel mese di marzo, è probabile che abbia dissuaso molti risparmiatori a investire nel mercato azionario e alimentato la corsa ai rimborsi. Un crollo di fiducia che potrebbe trascinarsi almeno fino alla fine dell’anno in corso.

Quindi, sebbene la situazione sui mercati sembri evidenziare un lento miglioramento, per i Pir la luce in fondo al tunnel dovrebbe tornare a vedersi a partire dal 2021, anno in cui gli afflussi torneranno fluire per una stima tra 1,2 e 2 miliardi. Per l’anno successivo, il 2022, è invece prevista la definitiva riscossa con 3 miliardi di raccolta netta.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Viva i Pir alternativi

Pir, la raccolta si impenna dal 2021. In pole c’è Mediolanum

I Pir e gli italiani si conoscono sempre di più

Pir, i prodotti che suonano la riscossa d’aprile

Il Pir è morto, evviva il Pir

Pir alternativi, è fatta

Un Pir con 5 euro al mese

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Ti può anche interessare

Private equity, missione compiuta per Neuberger Berman

Neuberger Berman, società di investimento privata, indipendente e interamente partecipata dai dipen ...

Fondi, a settembre Intesa domina grazie a Eurizon

E’ ancora una volta Eurizon, dopo il successo di agosto, la “gallina dalle uova d’ ...

Top 10 Bluerating: DPAM è sempre la più responsabile

Le classifiche esclusive di Bluerating dedicate ai migliori prodotti del risparmio gestito disponibi ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X