Ubp, sui Btp paura per la mannaia di Standard&Poor’s

A
A
A
di Redazione 24 Aprile 2020 | 14:23
Il commento di Mohammed Kazmi, macro strategist and fixed income portfolio manager di Union Bancaire Privée, dopo l’Eurogruppo e in vista della decisione di S&P sui governativi italiani.

Commento a cura di Mohammed Kazmi (nella foto).

L’esito dell’Eurogruppo di ieri sera è una delusione per i mercati e ha portato stamattina ad un maggiore allargamento degli spread dei BTP. La mancanza di urgenza sul recovery fund, con proposte da presentare nelle prossime 3-4 settimane, non è ciò a cui si vuole assistere durante una crisi. La mancanza di dettagli sulle dimensioni o sulla struttura del fondo suggerisce inoltre una continua divisione all’interno dell’Eurogruppo. L’unico aspetto positivo è che le aspettative erano già basse prima del meeting, ma il continuo stallo non farà altro che aumentare i rischi al ribasso per la regione. Per ora, ciò significa che l’onere di sostenere gli spread periferici rimarrà a carico della BCE con il PEPP. Rimaniamo cauti sui BTP dopo l’Eurogruppo, e aspettiamo di vedere stasera la decisione di S&P sul rating, dove un eventuale downgrade dei titoli governativi italiani manterrebbe probabilmente sotto pressione gli spread periferici.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: scatta l’allarme per l’oro

Consulenti, Ubp vuole il Wealth Management di Danske Bank

Investimenti, oro: cosa aspettarsi nel breve e nel medio-lungo termine

NEWSLETTER
Iscriviti
X