Mercati, il lockdown non aiuta l’emergenza climatica

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Aprile 2020 | 12:00

Qui di seguito vi riportiamo una riflessione di Schroders sull’impatto delle recenti misure di lockdown dovute al Coronavirus sul tema del surriscaldamento globale.

Gli effetti devastanti della pandemia di Covid-19 hanno avuto un impatto di breve termine sulle emissioni di carbonio, ma non abbastanza per modificare le nostre previsioni nel contesto dello Schroders Climate Progress Dashboard, che restano invariate, implicando un innalzamento della temperatura nel lungo periodo di +3,9°C, secondo l’ultimo aggiornamento trimestrale.

Nato nel 2017, il Climate Progress Dashboard offre ad analisti, fund manager e clienti di Schroders un’indicazione riguardo ai progressi di governi e industrie in tutto il mondo nei confronti del target di contenimento dell’aumento delle temperature entro i 2°C, stabilito dagli Accordi di Parigi del 2015.

Mentre tutto il mondo si impegnava nella battaglia alla pandemia nel primo trimestre di quest’anno, le emissioni di carbonio della Cina sono diminuite di circa un quarto nel mese di febbraio. Il settore industriale e quello dei trasporti, che sono responsabili per più di un terzo delle emissioni globali di gas serra, sono rimasti infatti bloccati. Sembra probabile che il 2020 risulterà essere il quarto anno nelle ultime tre decadi in cui le emissioni globali diminuiscono, ed è possibile che si tratterà della riduzione più importante mai vista.

Tuttavia, Andrew Howard, Head of Sustainable Research di Schroders, avverte che questi effetti di breve termine non equivalgono necessariamente a un cambiamento tangibile sul lungo periodo, commentando: “L’aumento delle temperature legato agli svariati driver analizzati implica un aumento delle temperature di 3,9°C nel lungo termine, rispetto ai livelli pre-industriali, senza variazioni rispetto alle indicazioni dello scorso trimestre. Abbiamo visto cambiamenti di breve termine in riferimento ad alcuni driver, ma affermare che questi saranno sostenuti sul lungo termine è un’altra questione.

Durante la crisi finanziaria globale del 2008-09 abbiamo assistito a una riduzione dell’1,3% delle emissioni, che poi sono però tornate a crescere del 6% nel 2010, via via che le iniezioni di supporto fiscale nelle principali economie hanno mostrato i loro effetti sull’attività economica. Non vogliamo che ciò accada di nuovo e con autorità, imprese e governi che iniziano a pianificare la ripresa a livello economico e di società, l’attuale livello potrebbe essere un punto di flesso per i cambiamenti climatici, con un’accelerazione nel processo di transizione verso un’economia a basse emissioni.

Le economie in tutto il mondo avranno necessità di ottenere supporto fiscale e alcuni policymaker hanno dichiarato che questi piani di spesa dovrebbero supportare gli obiettivi climatici. Ad esempio, i leader dell’UE hanno concordato che il piano di ripresa economica per la regione sarà in linea con il suo impegno verso una transizione “green.” Se anche altre autorità seguiranno questo modello, e quanto saranno stringenti i criteri adottati, diventerà più chiaro quando gli impegni verranno implementati nella pratica”.

Come ulteriore indicazione dell’impegno verso la creazione di un’economia sostenibile, Schroders si è unita al “United Nations Global Compact”, la principale iniziativa globale di imprese private per la sostenibilità. Ciò fa seguito al riconoscimento del rating A+ conferito a Schroders nel 2019, per la sua strategia e governance nei confronti degli investimenti sostenibili, per il quinto anno consecutivo dai Principi per gli Investimenti Responsabili (PRI), un’iniziativa globale sostenuta dalle Nazioni Unite.

Jessica Ground, Global Head of Stewardship di Schroders, ha commentato:L’integrazione della sostenibilità è uno dei principi fondamentali all’interno di Schroders. Siamo lieti di avviare questa collaborazione con il Global Compact delle Nazioni Unite per catalizzare i cambiamenti e utilizzare la nostra influenza nell’engagement con aziende e policymaker per creare una società più equa per tutti”.

A ottobre 2019, Schroders ha inoltre annunciato che la sua linea di credito revolving aziendale è stata convertita in una linea di credito ESG.

Maggiori informazioni sugli aggiornamenti del Climate Progress Dashboard sono disponibili a questo link.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Mercati, occhio al nuovo possibile rally

Vi riportiamo di seguito la weekly strategy a cura del Cross Asset Solutions (CAS) team di Unigesti ...

Coronavirus, ecco perchè Buffett non si muove

Il coronavirus spaventa le borse, il taglio a sorpresa della Federal Reserve le lascia interdette: s ...

ACP SGR, a tutto Fintech

Alternative Capital Partners SGR – ACP SGR, nata con la missione di coniugare principi di sosteni ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X