Pir, i prodotti che suonano la riscossa d’aprile

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 25 Maggio 2020 | 09:26
I piani individuali di risparmio cominciano a riprendersi nel quarto mese dell’anno. Ecco tutti i prodotti, divisi per categoria, che hanno avuto le migliori performance.

Dopo un inizio d’anno in retromarcia a causa della pandemia globale, nel mese di aprile i Piani individuali di Risparmio hanno rialzato la testa. Freschi della riforma che risale alla fine del 2019, i Pir nel quarto mese dell’anno sono tornati in positivo raccogliendo 150 milioni di euro. Lo si apprende dall’Osservatorio di Plus24 sui piani individuali di risparmio. L’inserto del Sole 24 Ore, con il numero uscito nelle edicole sabato 23 maggio, ha messo in fila tutti i prodotti sul mercato per afflussi, dividendoli in quattro categorie: azionari Italia, bilanciati, flessibili, obbligazionari ed Etf.

Per quanto riguarda gli azionari, a trionfare c’è un prodotto di Axa con afflussi per quasi 25 milioni di euro: è l’Axa Wf – Framl. Italy, con un patrimonio netto di oltre 268 milioni.

Se ci si sposta, invece, ad analizzare chi è andato meglio tra i bilanciati, troviamo molto tonico un prodotto di Eurizon, la casa d’investimenti del gruppo Intesa Sanpaolo. L’Eurizon Prog. Italia 40, infatti, ha avuto una raccolta positiva per 44,6 milioni di euro e un patrimonio gestito di oltre 1 miliardo, staccando di gran lunga tutti gli altri prodotti analoghi.

Nel settore dei flessibili a fare la parte del leone c’è Mediolanum, gruppo che da sempre ha a cuore il successo dei Pir. Ebbene il gruppo di Basiglio, con il suo Mediolanum Fles. Futuro It., ha beneficiato ad aprile di afflussi per oltre 35 milioni di euro e patrimonio netto di 1,26 miliardi.

Negli obbligazionari, l’unico a essere in territorio positivo è il Sella Bond Corporate Italia (0,2 milioni di raccolta). Mentre, per quanto riguarda gli Etf, il Lyxor Italia Eq. Pir 2020 è il solo prodotto a non essere in territorio negativo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Viva i Pir alternativi

Pir, la raccolta si impenna dal 2021. In pole c’è Mediolanum

I Pir e gli italiani si conoscono sempre di più

Il Pir è morto, evviva il Pir

Pir alternativi, è fatta

Un Pir con 5 euro al mese

Pir, sarà un 2020 da lacrime e sangue

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 12/11/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Unicredit e Amundi, insieme per un nuovo Eltif

UniCredit Private Banking, la struttura del Gruppo UniCredit dedicata alla gestione personalizzata d ...

Investimenti: l’epoca della sugar tax

Ripotiamo di seguito  il commento di Daniele Cat Berro, Investment Associate, MainStreet Partners ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X