Asset allocation, occhio al pericolo tech

A
A
A
Avatar di Redazione 3 Giugno 2020 | 14:32

Vi proponiamo di seguito un commento sull’evoluzione della situazione economica in Cina, tra i settori e i temi di investimento più interessanti e quelli più in difficoltà, con un focus sui possibili sviluppi nel tech a cura di Jian Shi Cortesi, Investment Director, fondo GAM China Evolution Equity.

In Cina, i tassi di infezione si stanno mantenendo bassi e l’attività economica sta tornando alla normalità, ma la ripresa rimane disomogenea, con il fronte dell’offerta che sta avendo un recupero molto più rapido rispetto a domanda ed export. Dal punto di vista degli investimenti, le decisioni politiche per il futuro saranno fondamentali. Le autorità cinesi hanno reso noto il 17 aprile di essere pronte a fornire stimoli.

L’MSCI China ha guadagnato nel corso del mese di aprile ed è uno degli indici con le migliori performance a livello globale, sostenuto dalla comparsa precoce dall’epidemia nel Paese e da un forte sostegno alla politica interna. In questo contesto, riteniamo che ci siano opportunità tra i player favoriti dalla comparsa del coronavirus (internet consumer, tecnologia, sanità) e tra i segmenti dell’economia in fase di recupero (immobili, case automobilistiche, casinò).

I mercati rimangono caratterizzati dall’incertezza. Non possiamo essere sicuri di avere già visto gli effetti peggiori del Covid-19 o che il rischio di ribasso resti una possibilità a breve termine. L’esito più probabile della pandemia è un cambiamento permanente nel comportamento delle persone. Nel 2003 la SARS è stata un catalizzatore per l’adozione dello shopping online, in particolare in Cina. Durante il periodo del coronavirus, stiamo assistendo a movimenti simili a favore dello shopping online, della formazione online e del lavoro da casa. Crediamo che gli elementi di questo spostamento della domanda si conserveranno anche dopo il passaggio della pandemia.

Riteniamo che il mercato ribassista a lungo termine delle materie prime – iniziato intorno al 2010 – non sia finito, poiché probabilmente ci vorrà ancora qualche anno perché i produttori ad alto costo vengano esclusi dal mercato. Pertanto, potrebbe essere opportuno per gli investitori continuare a evitare l’energia e le materie prime, concentrandosi invece sul consumer e sulla tecnologia. Una volta passato il virus, a nostro avviso, potrebbe svilupparsi una vera e propria bolla tecnologica. Le aziende in grado di generare una crescita allettante, come quelle del settore dei consumi e della tecnologia, potrebbero prosperare, come hanno fatto nel recente contesto a basso rendimento e a bassa crescita. In questo settore, eviteremmo le realtà più chiacchierate e ci concentreremmo sulla selezione di aziende con valutazioni interessanti in relazione al loro potenziale di crescita.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Investimenti, 3 lezioni sugli emergenti

Vi riportiamo di seguito un commento un commento sulle 3 lezioni da apprendere dalla crisi per quant ...

AllianceBernstein amplia la gamma di fondi sostenibili

AllianceBernstein L.P. (“AB”), società di investimento globale con un patrimonio in gestione di ...

Top 10 Bluerating: Bnp Paribas regina del capitale protetto

Le classifiche esclusive di Bluerating dedicate ai migliori prodotti del risparmio gestito disponibi ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X