Asset allocation, 3 fattori da considerare per gli investitori

A
A
A
Avatar di Redazione 21 Luglio 2020 | 14:16

Old vs New Economy, azionario US vs EU. Di seguito vi riportiamo l’analisi di Mobeen Tahir, Associate Director, Research di WisdomTree

Dalla ripresa delle azioni a partire da marzo, le azioni europee appaiono “più economiche” rispetto a quelle americane. Ma questa ormai non è una novità.

Il rapporto prezzo/utili corretto per il ciclo (Cyclically Adjusted Price Earnings, CAPE) del Professor Shiller misura il valore a lungo termine degli asset dividendo il prezzo di un indice azionario per la media mobile dei guadagni dei 10 anni precedenti. Questo calcolo aiuta a rimuovere l’impatto delle variazioni cicliche sugli utili. La figura 1 mostra la divergenza tra le azioni statunitensi e quelle europee utilizzando questo parametro a partire dalla crisi finanziaria globale del 2008. La “storiella” delle azioni europee a basso costo è la stessa che sentiamo ripetere nei mercati da dieci anni a questa parte.

Non c’entra lo stimolo monetario

Le politiche monetarie accomodanti della Federal Reserve statunitense (Fed) e della Banca Centrale Europea (BCE), contribuiscono dal 2008 ad alimentare i mercati azionari in entrambe le regioni. Ma le azioni europee sono rimaste indietro rispetto a quelle statunitensi, dopo la crisi finanziaria globale, a causa della minore potenza di fuoco della BCE? Non sembra che questa sia la spiegazione esatta. La figura 2 mostra che l’iniezione monetaria da parte della BCE, in rapporto alle dimensioni dell’economia di riferimento, è stata semmai maggiore di quella della Fed.

L’inclinazione verso la “new economy”

Le azioni della cosiddetta new economy hanno avuto un peso sempre maggiore negli indici statunitensi rispetto a quanto ne hanno avuto in quelli europei, soprattutto negli ultimi 5 anni. Per “new economy” si intendono le imprese all’avanguardia nell’innovazione. La tecnologia e la sanità sono i principali candidati in questa categoria e i multipli di valutazione in questi settori si sono ingranditi negli ultimi anni, poiché i mercati continuano a puntare sull’idea che l’innovazione in questi settori guiderà la crescita nel futuro.

Al contrario, all’interno dell’azionario europeo detengono ancora un peso importante i settori della “vecchia economia”, e cioè settori come quello finanziario, dei beni di base e industriale. Non è giusto dire che le imprese della vecchia economia non possono e non vogliono innovare. In effetti, però, queste imprese tendono ad essere più mature e ad essere basate su modelli di business tipici del ventesimo secolo. Al contrario, le aziende della new economy, nate nel ventunesimo secolo, sono guidate da Internet.

Cosa dovrebbero prendere in considerazione gli investitori

La forte performance azionaria si ottiene quando le aziende di alta qualità generano profitti solidi. Questo può accadere in qualsiasi settore – della vecchia o “nuova” economia – e in qualsiasi regione. Ci sono tre punti importanti da prendere in considerazione:

  1. È utile tenere d’occhio i multipli di valutazione, ma non vi si può fare affidamento per prevedere la performance futura. Le azioni statunitensi hanno storicamente scambiato multipli più elevati rispetto alle azioni europee e potrebbero continuare a farlo anche in futuro.
  2. Se il mix settoriale basato sulla capitalizzazione non è quello desiderato, gli investitori possono optare per approcci che utilizzano i fondamentali per l’assegnazione delle ponderazioni.  
  3. Esistono delle opportunità che permettono di avere accesso ad un’esposizione mirata ai settori che puntano sull’innovazione. La nuova crescita proveniente dalla new economy potrebbe anche incoraggiare nuovi stili di investimento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

JP Morgan AM lancia la nuova piattaforma per investire Morgan Money

JP Morgan Asset Management, uno dei leader globali nella gestione degli investimenti con un patrimon ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 28/05/2020

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 16/09/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X