Investimenti, confortevolmente intorpiditi

A
A
A
Avatar di Redazione 24 Luglio 2020 | 10:56

Vi proponiamo di seguito una sintesi dell’outlook per il secondo semestre a cura di Harry Richards, gestore fixed income di Jupiter AM .

Secondo noi, lo spettacolare rally dei titoli rischiosi che ha dominato il secondo trimestre dell’anno è stato trainato dai livelli record di stimolo che le banche centrali e i governi hanno fornito nel tentativo di compensare gli effetti dannosi di Covid-19 e dei successivi blocchi. Tuttavia, numerose raccolte di dati indicano che l’economia sta ancora vivendo tensioni che superano di gran lunga quelle dell’ultima crisi finanziaria. L’allentamento monetario e fiscale ha agito come un anestetico, intorpidendo i mercati finanziari rispetto alla reale gravità della situazione.

Ci aspettiamo di assistere a un picco iniziale dell’attività economica, poiché le misure di distanziamento sociale sono meno rigorose, ma ciò non sarà sostenibile. I timori della seconda ondata sono già diventati una realtà per la Spagna e l’Australia, dove sono stati reimposti blocchi per specifiche regioni e pensiamo che questo sarà un tema ricorrente per molti Paesi nel resto dell’anno. Ma è proprio l’impatto a lungo termine della crisi che crediamo sia sottovalutato dal mercato in generale.

L’enorme shock della domanda e dell’offerta innescato dal virus porterà a un notevole aumento dei default aziendali e la nostra analisi suggerisce che il tasso di disoccupazione rimarrà ostinatamente alto, il che peserà sulla spesa dei consumatori in futuro. Tutto ciò indica una prospettiva molto debole per la crescita e l’inflazione e c’è la netta possibilità che il paradosso della parsimonia cominci a prendere piede.

Molti investitori sembrano concentrati principalmente sulla liquidità corporate (saldi di cassa e disponibilità di linee di credito) piuttosto che considerare l’intero ammontare del debito che gli emittenti stanno raccogliendo, la nuova normalità per i guadagni futuri e come si evolverà la leva finanziaria nei prossimi trimestri. A nostro avviso, i rendiconti del secondo e del terzo trimestre forniranno inevitabilmente molte sorprese negative. La chiave per evitarli e per ottenere buone performance in questi periodi è, come sempre, un’analisi approfondita del credito.

Prevediamo che i prossimi dodici mesi includeranno la fase di insolvenza della crisi, per cui abbiamo posizionato la strategia in aziende capaci di “attraversare il ciclo”.  Queste aziende hanno modelli di business robusti, bilanci prudentemente capitalizzati e ampia liquidità, che le rendono in grado di affrontare la crisi e di uscire dall’altra parte relativamente indenni. Dalle valutazioni attuali, questo ci porta a privilegiare settori meno ciclici o aciclici come quello farmaceutico, alimentare e delle bevande, delle telecomunicazioni e dei beni di consumo di base e, analogamente, è il motivo per cui abbiamo un’esposizione molto limitata alle parti del mercato che sono più a rischio di fallimenti, come quello dell’auto, del commercio al dettaglio, dei consumatori discrezionali e l’industriale.

L’aumento della disoccupazione, gli elevati tassi di risparmio e l’aumento dei default, soprattutto se combinati con le forze secolari del debito, della demografia e delle perturbazioni di mercato, agiscono come una spinta contraria alla crescita e sono altamente deflazionistici. Riteniamo che questi fattori determineranno rendimenti ancora più bassi sui Treasury statunitensi e sui titoli di Stato australiani a medio e lungo termine; questa dinamica accelererebbe solo se la realtà dovesse abboccare e se si concretizzasse un’ulteriore fase di riduzione del rischio a fine anno. In questo scenario, con la politica monetaria già ai suoi limiti, potremmo assistere all’adozione di ulteriori misure non convenzionali come il controllo della curva dei rendimenti o la politica dei tassi d’interesse negativi su una base più ampia e, alla fine, si potrebbe anche prendere in considerazione la Teoria Monetaria Moderna (MMT) o il cosiddetto “helicopter money”.

Nel breve termine, siamo fortemente convinti che le forze deflazionistiche siano in vantaggio, ma guardando più in là nel futuro, dobbiamo stare attenti alla potenziale introduzione di politiche come il MMT o “l’helicopter money” che potrebbero, in effetti, rivelarsi inflazionistiche.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Asset allocation, le opportunità attuali dell’investment grade

Vi proponiamo di seguito una riflessione sulle opportunità dell’investment grade durante periodi ...

Consulenti: non perdete il Salone dell’Asset Management, mancano 78 giorni all’evento dell’anno

Consulenti, segnatevi bene la data sul calendario Ottobre sarà il mese dedicato  al primo Salone ...

Fondi di investimento, Vontobel AM, lancia un fondo globale infrastructure

Seguendo una strategia di investimento globale in infrastrutture, il fondo ha un approccio di total ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X