Consulenti, state dando un occhio al petrolio?

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Agosto 2020 | 12:43

I prezzi del petrolio hanno perso il 36% nel primo semestre del 2020, a causa del calo vertiginoso della domanda di greggio determinato dalla pandemia di COVID-19. Questo non solo porta con sé il rischio di una recessione per i principali Paesi esportatori di petrolio, ma aumenta anche il rischio che il deficit delle partite correnti aumenti in modo significativo. Questo mese Sabrina Khanniche, senior economist di Pictet Asset Management, analizza le principali 12 economie esportatrici di petrolio per individuare quelle più vulnerabili a causa del crollo del prezzo dell’oro nero.

Il test di vulnerabilità ai prezzi del petrolio

Il nostro indice della vulnerabilità ai prezzi del petrolio individua Oman, Kazakistan e Colombia come i Paesi più vulnerabili (fig. 1): un periodo prolungato di prezzi bassi comporterebbe un aumento del deficit fiscale e delle partite correnti, il che a sua volta eserciterebbe una pressione al ribasso sulle valute di questi Paesi. Il più vulnerabile, l’Oman, registra un ampio doppio deficit dal 2014.

Non tutti i Paesi sono però colpiti nella stessa misura. Russia e Arabia Saudita, per esempio, risultano le economie meno vulnerabili, in cima alla nostra classifica.

Prezzo di breakeven del petrolio – Analisi di un gruppo disomogeneo

Gli esportatori di petrolio potrebbero essere colpiti in maniera diversa dalle oscillazioni del prezzo del petrolio. La loro reazione dipenderà in larga misura dal relativo prezzo di breakeven estero, ovvero il prezzo del petrolio necessario a coprire le spese legate alle importazioni.

  • Esportatori di petrolio con un breakeven basso: Iran, Kuwait, Qatar, Russia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti

Questi Paesi mantengono un livello di risparmi alto, come dimostra il surplus del saldo delle partite correnti usato per l’acquisto di asset stranieri. Le partite correnti del Kuwait si sono attestate al 7% del PIL nel 20192, ma sono destinate a un calo netto nel 2020, come illustra la fig. 1 sopra. Un prezzo di breakeven estero inferiore al prezzo attuale del petrolio offre al governo la possibilità di allentare la politica fiscale o di assistere a un apprezzamento della valuta. Questi Paesi rappresentano il 39,4% di tutto il petrolio fornito nel mondo dalle nazioni esportatrici3.

  • Esportatori di petrolio con un breakeven alto: Algeria, Angola, Colombia, Kazakistan, Nigeria e Oman

Questi Paesi incanalano i proventi del petrolio verso maggiori importazioni. In assenza di riserve finanziarie, corrono il rischio di tagli alla spesa o di un deprezzamento della valuta, soprattutto se il prezzo del petrolio scende al di sotto del prezzo di breakeven estero. I Paesi in questione rappresentano il 9,4% di tutto il petrolio fornito nel mondo dalle nazioni esportatrici.

Il prezzo di breakeven estero globale raggiunse il picco nel 2013, quando il prezzo globale del petrolio salì a $100/bbl (fig. 2).

Tutti i Paesi hanno corretto al ribasso il prezzo di breakeven estero tagliando le spese legate alle importazioni. Il risultato è stato il miglioramento del saldo delle partite correnti dal -1,1% del PIL nel 2015 al 4,8% nel 20185. Chiaramente, il cambiamento è stato più marcato per gli esportatori di petrolio con un breakeven estero elevato.

A causa della riduzione delle importazioni, il prezzo di breakeven composito nel 2018 ha raggiunto $55/bbl.

Oggi, i Paesi esportatori di petrolio più vulnerabili al calo del prezzo del greggio sono quelli con un breakeven alto. Il breakeven estero di questi Paesi era già superiore al prezzo globale del petrolio nel 2019 e dovrebbe continuare a salire nel 2020 (fig. 3). Il gap sarà invece inferiore per gli esportatori con un breakeven basso, la cui posizione è in ogni caso peggiorata rispetto al 2019.

Nel complesso il prezzo di breakeven estero globale sembra destinato a restare superiore al prezzo del petrolio. Colombia e Algeria (entrambe nel gruppo con breakeven alto) sono vulnerabili al calo del prezzo del petrolio, mentre Emirati Arabi Uniti e Russia (tradizionalmente con un breakeven basso) sembrano i Paesi meno a rischio.

Il recente calo del prezzo del petrolio ha penalizzato le principali economie esportatrici di petrolio. Non si tratta tuttavia di un gruppo omogeneo: alcuni Paesi (come Russia e Arabia Saudita) stanno infatti dimostrando maggiore resilienza rispetto ad altri (come Oman, Colombia e Kazakistan). I Paesi più e meno vulnerabili possono essere individuati osservando una serie di indicatori (come abbiamo fatto per costruire il nostro indice proprietario della vulnerabilità ai prezzi del petrolio).

Il prezzo di breakeven estero è un indicatore chiave della resilienza di quei Paesi a un calo del prezzo del petrolio. Poiché quest’anno è destinato a rimanere al di sopra del prezzo del petrolio, la pressione sulle economie con un breakeven più elevato aumenterà.

 

Per tutti gli approfondimenti visitate il sito di Pictet AM (clicca qui).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, il futuro passa dall’empatia e dallo storytelling

Vaccini, Enasarco replica alla polemica del consulente sui salta fila

Il consulente ex cestista e la storia di una truffa internazionale

NEWSLETTER
Iscriviti
X