Poste-Anima, novità per la distribuzione

A
A
A
Avatar di Redazione 27 Agosto 2020 | 11:56

La destinazione rimane invariata, il 2033, ma cambiano alcuni aspetti della partnership distributiva tra Poste Italiane e Anima holding, quella con cui ha avviato la scissione parziale in favore di Anima Sgr delle attività di gestione di attivi sottostanti a prodotti assicurativi di ramo I. Come recita MF, “la necessità di rivedere obiettivi e traguardi commerciali è essenzialmente legata alle fluttuazioni dello spread sui Btp, registrate in particolare alla fine dello scorso anno, Perché grazie alla fluttuazioni del valore dei titoli di Stato italiani (parte preponderante dei circa 70 miliardi di euro che Poste Italiane ha affidato ad Anima) il valore di quegli asset alla fine dello scorso anno era arrivato a sfiorare i 90 miliardi di euro superando ampiamente i target che erano stati fissati nell’accordo con Anima siglato nel 2018. Così per gli anni a venire sono stati ridimensionati i nuovi obiettivi, abbassando la percentuale di polizze di Ramo I che Poste Italiane sarà obbligata a trasferire ad Anima, che è stata gradualmente ridotta: dal 61% degli asset complessivi di polizze tradizionali, fissato del precedente accordo, si è passati al 53% per quest’anno, per scendere al 48% nel 2021 e al 45% a partire dal 2022. Ma non solo. Poste Vita, la compagnia assicurativa del gruppo Poste Italiane, come del resto le altre compagni di mercato, sta gradualmente riducendo la componente di polizze di ramo I a favore di prodotti misti e anche gli asset che potranno essere ceduti ad Anima, sotto il cappello delle polizze di ramo primo, potranno via via andare oltre i Btp, comprendendo per esempio obbligazioni corporate investment grade o high yield. Con uno scudo protettivo per Anima che durerà almeno un anno. Perché i nuovi accordi prevedono che i meccanismi di verifica delle performance di Anima Sgr, e i rimedi in caso di underperformance, non saranno applicati per un periodo indicativo di un anno per i titoli diversi dalle obbligazioni governative area euro sottostanti le polizze di ramo primo, a oggi, come detto, essenzialmente Btp”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Anima sfonda il muro del miliardo

Anima, a marzo la raccolta non delude

Anima, raccolta 186 milioni a gennaio

Anima, un marzo difficile per la raccolta

Anima, il Banco Bpm spinge la raccolta in agosto

Anima, un semestre a due facce

Anima, i top manager comprano azioni

Anima pensa a fare shopping

Anima, aumento di capitale ai nastri di partenza

Poste-Anima, riparte l’alleanza

Poste Italiane nell’aumento di capitale di Anima

Anima perfeziona l’acquisto del 100% di Aletti Gestielle

Fineco e le altre: è tempo di trimestrali

Anima Holding frena nonostante buona raccolta di luglio

Piazza Affari, giornata positiva grazie alle banche

Anima sottotono dopo acquisizione Aletti Gestielle

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Anima Holding ha voglia di salire ancora a Piazza Affari

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Anima soffre cambio di strategia di Poste Italiane sul risparmio gestito

Anima, raccolta in ripresa anche ad aprile

Anche Mps punta sui Pir, con un fondo di Anima

Poste Italiane si prepara a salire in Anima

Carreri (Anima) : “Noi, polo aggregante del risparmio gestito”

Banco Bpm per ora non tratta ma riflette su Aletti Gestielle

Poste Italiane incassa la sconfitta e rilancia sul gestito

Unicredit: le novità su Pioneer non bastano a evitare il rosso

Piazza Affari positiva grazie ai recuperi di bancari e petroliferi

Piazza Affari, i finanziari aprono la settimana in recupero

Anima Holding sottotono in borsa dopo la trimestrale

Milano chiude in rosso, condizionato dalle trimestrali

Piazza Affari: bene il risparmio gestito e poco altro

Anche Anima Geo Europa patisce la debolezza dei listini

NEWSLETTER
Iscriviti
X