Mediolanum, nuovo CIO per i fondi

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Settembre 2020 | 10:34

Mediolanum International Funds Ltd (MIFL), la piattaforma europea di asset management del gruppo bancario Mediolanum, annuncia la nomina di Barry Noonan come nuovo Chief Information Officer. Noonan lavorerà presso il quartier generale di MIFL a Dublino e riporterà direttamente al CEO Furio Pietribiasi.

Come spiega il gruppo nella sua nota ufficiale, oltre a guidare un team di 14 professionisti, Noonan sarà responsabile della strategia in ambito tecnologico di Mediolanum in Irlanda, supportando il CEO e il Consiglio di Amministrazione sulla futura evoluzione del percorso tecnologico necessario per far fronte alla crescita aziendale. Darà inoltre un contributo allo sviluppo di una cultura aziendale sempre più incentrata su processi decisionali che utilizzano i big-data, assicurando al contempo che l’infrastruttura IT, le applicazioni e i sistemi di sicurezza soddisfino i migliori standard nel mercato.

Barry Noonan vanta oltre vent’anni di esperienza nel settore dei big-data, del digitale e dell’e-commerce, dove ha gestito molteplici team con diverse competenze in ambito tecnologico. Prima di unirsi al team di Mediolanum International Funds lavorava presso Taxback International, una tra le societa’ fintech leader in Irlanda, dove ha avuto un ruolo primario nella trasformazione aziendale, facendo perno sulla tecnologia per ottenere un business completamente automatizzato e cloud.

Prima di questo ruolo, Noonan è stato responsabile del team di sviluppatori di HostelWorld.com, la più grande agenzia di viaggio online del mondo specializzata in alloggi economici. Qui ha progettato e implementato un piano IT strategico pluriennale per modernizzare la piattaforma di e-commerce dell’azienda. In precedenza, ha ricoperto un ruolo apicale nella funzione di responsabile dell’Infrastruttura IT di Ryanair ed è stato responsabile del team di sviluppo Unix in Paddy Power Plc, una delle più grandi piattaforme online di scommesse al mondo.

“Siamo lieti di dare il benvenuto a Barry nel team di Mediolanum in Irlanda – dichiara Furio Pietribiasi, CEO di MIFL – La sua decisione di unirsi a noi dimostra che la nostra visione e i successi ottenuti fino ad oggi in ambito tecnologico ci permettono di attrarre i migliori talenti anche all’interno di questa disciplina. Barry è infatti ampiamente riconosciuto come leader nel settore tecnologico, con una comprovata esperienza nello sviluppo e nell’implementazione di strategie IT innovative. Ha una profonda conoscenza delle nuove tecnologie emergenti e ha svolto un ruolo significativo in aziende in cui la monetizzazione dei dati, l’automazione e un’efficace processazione delle transazioni erano fondamentali per la crescita del loro business”.

“Barry è sempre stato all’avanguardia nel settore tecnologico – continua Pietribiasi – contribuendo a sviluppare sistemi capaci di processare operazioni su larga scala, in grado per esempio di elaborare migliaia di scommesse al secondo, costruire piattaforme di trading di bookmaking in tempo reale o sistemi di processazione di carte di credito e sviluppare avanzati strumenti di business intelligence. La sua vasta esperienza in aziende in cui la tecnologia è strumentale per il core business, in più settori come on-line gaming, compagnie aeree, alberghiero e fintech sarà estremamente preziosa per aiutarci nel viaggio intrapreso da MIFL sulla monetizzazione dei dati. Ci permetterà inoltre di mantenere all’interno della nostra industria un ruolo di leadership tecnologica in termini di risorse, che ci consenta di continuare a crescere, ottenere sempre più efficienze ed economie di scala”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Banca Mediolanum, è il momento di Huawei

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Banca Mediolanum, l’omaggio di Basiglio

Banca Mediolanum, un altro aiuto all’economia italiana

Banca Mediolanum, Doris farà rientrare i dipendenti in sede

Da Fineco a Mediolanum, chi c’è tra le best banks di Forbes

Banca Mediolanum, la raccolta lievita con gestito e polizze

Mediolanum, una nomina e più spazio a Dublino

Ennio Doris e il destino già scritto di Intesa-Ubi

Reti quotate, il dividendo resta in freezer

Banca Mediolanum, la raccolta mette la crisi all’angolo

Banca Mediolanum, la lode ai family banker in trincea

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Banca Mediolanum, a volte ritornano

Mediolanum potenzia la squadra dei gestori

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Mediolanum, Ennio Doris svela i suoi segreti

Banca Mediolanum, la raccolta tira col gestito

Mediolanum: Schroders e Fidelity per il nuovo fondo multi-manager

Raccolta: Fideuram mette tutti in fila

Consulenti: tutti i bonus dei big, rete per rete

Doris (Mediolanum): i Pir sono strumenti benedetti

Banca Mediolanum, uno spot nuovo di pacca per i Doris

Raccolta: Fineco è super, Mediolanum la tallona

Mediolanum AM, una nuova guida per l’azionario

Mediolanum, allarme di Ennio Doris sulla patrimoniale

Mediolanum, Ennio Doris in un webinar racconta che Italia Sarà

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Risparmio gestito, trimestre impossibile a causa del Covid-19: Poste, Pictet e Ubs paladini della resistenza

Banca Mediolanum, dove investono i clienti

NEWSLETTER
Iscriviti
X