Asset allocation, come muoversi su credito e azionario nei prossimi mesi

A
A
A
Avatar di Redazione 21 Settembre 2020 | 14:32

Vi presentiamo di seguito due commenti sull’outlook per il credito e l’azionario per i prossimi mesi, a cura rispettivamente di Filippo Lanza, gestore del fondo HI Numen Credit Fund, Hedge Invest Sgr e Paul Marriage, gestore del fondo HI European Market Neutral Fund, Hedge Invest Sgr.

Credito, opportunità nei titoli distressed e nel comparto viaggi

A cura di Filippo Lanza, gestore del fondo HI Numen Credit Fund, Hedge Invest Sgr

In una fase in cui gli asset globali e i portafogli standard offrono molto poco in termini di rendimenti, a nostro avviso, le opportunità che racchiudono ancora valore nel credito si concentrano nell’area distressed, in particolare nel settore industriale e dei materiali, che stanno andando incontro a eventi catalizzatori positivi nei prossimi mesi e che beneficeranno anche della ripresa economica in corso.

Inoltre, guardiamo con interesse ad alcune specifiche società nel comparto viaggi: alcune di queste potrebbero registrare un rialzo consistente, via via che nei prossimi mesi emergeranno dati significativi sull’efficacia dei vaccini in fase di test. In ogni caso, stiamo aspettando un punto di entrata migliore per aumentare queste posizioni. Infatti, temiamo possa essere in arrivo un’altra ondata piuttosto grave di contagi legata alla riapertura delle scuole e al fatto che le persone stiano cercando di tornare alla vita normale, e ciò nel breve termine è destinato a colpire nuovamente il settore viaggi.

Sul fronte macroeconomico, crediamo che l’unico fattore veramente incisivo nel quarto trimestre, a parte il vaccino, saranno le elezioni presidenziali USA e le politiche di Fed e BCE. A nostro avviso, una vittoria di Trump non è particolarmente improbabile e alcuni settori, come l’energia, potranno beneficiare di uno spostamento dei sondaggi, dato che ora prezzano una probabilità di vittoria repubblicana quasi nulla.

Più in generale, crediamo che le attuali valutazioni estreme renderanno il mercato particolarmente volatile nel breve termine.

 

Azionario, bilanciare il portafoglio sarà cruciale per affrontare la fine dell’anno

A cura di Paul Marriage, gestore del fondo HI European Market Neutral Fund, Hedge Invest Sgr

Ci sembra che il mercato stia accettando sempre di più la pandemia come nuova normalità. Cure migliori a livello globale, lockdown limitati e bassi tassi di ospedalizzazione stanno facendo crescere la percezione di una ripresa migliore delle attese, e questo è sicuramente positivo. 

Tuttavia, occorre molta prudenza, se si considera che il mercato è cresciuto notevolmente dai minimi e che serviranno buone notizie molto importanti per farlo salire ulteriormente. Ci sembra difficile che tali notizie possano arrivare in primis dal Regno Unito, ma sicuramente una risoluzione di Brexit nelle prossime settimane sarebbe un buon risultato.

L’aspetto cruciale per navigare con successo l’ultima parte dell’anno sarà mantenere il portafoglio ben bilanciato: da un lato, la situazione per i titoli value e per la ripresa sta lentamente migliorando e vi sono numerose opportunità, dall’altro il mercato non sembra ancora pronto ad abbandonare la sicurezza che offrono i titoli growth più affidabili e quelli con un buon momentum sugli utili.

Guardando oltreoceano, le presidenziali USA porteranno inevitabilmente un po’ di turbolenza, probabilmente in misura maggiore rispetto alle elezioni passate.

In sintesi, gli ingredienti di questo cocktail potrebbero non essere quelli che avremmo scelto, ma sono gli stessi che il mercato offre già da diverso tempo e il risultato finale è sempre stato più che bevibile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, un binomio palindromo tra tech e sanità

Asset allocation, i driver azionari

Asset allocation, obbligazioni in valuta sotto i riflettori

Asset allocation, cosa sì e cosa no

Asset allocation, qualche value italiana su cui scommettere

Asset allocation, high yield per sfruttare la ripresa

Asset allocation, qualche nome green su cui scommettere

Asset allocation, le valute per diversificare

Asset allocation, emergenti in rampa di lancio

Asset allocation, integrare il rischio per resistere al Coronavirus

Asset allocation, l’obbligazionario ai tempi del coronavirus

Asset allocation: azioni, ecco su quali settori puntare

Asset allocation: qualche spunto per chiudere l’anno

Asset allocation, l’approccio quantitativo ai fondi di private equity

Asset allocation: cds, l’arma giusta contro mr. Hide

Consulenti, ecco i consigli sul portafoglio per i prossimi 5 anni

Asset allocation, le ragioni del Merger Arbitrage

Asset allocation, il momento d’Oro

Asset allocation, un portafoglio bilanciato per i mercati turbolenti

Asset allocation, l’oro per diversificare

Asset allocation, meglio essere codardi

Asset allocation, guadagnare giocando in difesa

Asset allocation: dopo il rally è tempo di protezione

Pictet AM: “La Fed? Una presenza che si fa sentire nell’asset allocation”

Asset allocation: le mosse estive sui bond

Syz Am, l’asset allocation è un rebus

Asset allocation: ecco perché sono meglio gli assicurativi dei bancari

Asset allocation: opportunità infrastrutture

Fondi: l’investimento (non fa) acqua

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Asset allocation: nel 2019 occasione commodity

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

NEWSLETTER
Iscriviti
X