Investimenti, le azioni italiane fanno gola

A
A
A
Avatar di Redazione 21 Ottobre 2020 | 15:46

Il mercato azionario italiano offre buone opportunità di investimento. A dircelo è l’analisi a cura di Koen Bosquet, Fund Manager European Equity di DPAM, che vi proponiamo di seguito.

La crisi provocata dalla pandemia di Covid-19, le elezioni americane e lo stallo sugli accordi commerciali per la Brexit sono tra i principali motivi dell’incertezza che ha caratterizzato i mercati azionari internazionali negli ultimi mesi. In un contesto di mercato volatile un’accurata selezione delle singole azioni da detenere in portafoglio è un elemento fondamentale. Proprio per questo, ogni mercato può offrire al suo interno interessanti opportunità di investimento, non da meno quello italiano.

Secondo Koen Bosquet, Fund Manager European Equity di DPAM, il mercato azionario italiano presenta opportunità d’investimento interessanti. Basti guardare alla Ferrari, il cui titolo è tra quelli con maggior peso all’interno del FTSE MIB, e che negli ultimi anni ha ottenuto risultati significativamente migliori rispetto a molte altre aziende automobilistiche europee. Chiaramente, come in ogni mercato, anche in quello italiano è necessario adottare un approccio fondamentale nella selezione delle società da inserire in portafoglio. E bisogna essere disposti a guardare oltre i nomi noti dell’indice. Ad esempio, l’Italia ha una forte presenza nel settore dei macchinari e in quello ingegneristico; tuttavia, queste quotate spesso passano inosservate in quanto si tratta di aziende più piccole e di nicchia.  Interpump, produttore di pompe per acqua ad alta pressione, ne è un esempio. Sono esperti nel loro settore, e la maggior parte del loro fatturato deriva da esportazioni in tutto il mondo.

Un modo interessante per guardare alle imprese italiane consiste nel valutarne la struttura proprietaria. Le aziende dei Beni di Consumo e quelle Industriali sono spesso ancora imprese familiari per generazioni e a ragion veduta. Si tratta di alcuni dei modelli di business più redditizi, che includono alcuni dei marchi di auto sportive e di brand per aperitivi tra i più conosciuti al mondo, ma caratterizzati anche da un forte know-how ingegneristico che compete con l’eccellenza tedesca. I loro proprietari hanno buoni motivi per non vendere. I settori delle utility e Oil&Gas, d’altra parte, sono, forse non sorprendentemente, caratterizzati dal coinvolgimento del governo. Se è vero che l’Italia naviga spesso in acque piuttosto agitate, a livello politico, , è anche giusto sottolineare come il contesto normativo sia abbastanza stabile e che gli investitori privati sono i benvenuti quando si tratta di investimenti – altamente necessari – per le infrastrutture. Infine, la finanza italiana è caratterizzata da un mix di partecipazioni azionarie incrociate, pubbliche e familiari. Ciò significa che la governance richiede maggiore attenzione. Detto questo, troviamo che il settore del wealth management italiano comprenda alcuni degli attori più dinamici e digitalmente avanzati in Europa.  

Infine, è importante fare attenzione anche all’approccio corretto da adottare nel valutare la Borsa Italiana rispetto alle altre borse europee. Bosquet, infatti, non è convinto che un confronto top down sia quello giusto. Se si facesse questo esercizio, si dovrebbe tener conto delle numerose e importanti differenze nella composizione degli indici. La finanza ha una presenza importante, mentre il peso delle aziende tecnologiche è chiaramente inferiore. Tuttavia, questo mercato è efficiente e le buone imprese vengono valutate di conseguenza. Per esempio, non esiste uno “sconto italiano” sulle aziende di lusso come Moncler o sui fornitori di auto come Brembo, almeno non strutturalmente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, i driver azionari

Fineco, i vantaggi del consulente azionista

Azioni vs obbligazioni, sulle cedole non c’è storia

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Risparmi: boom di polizze, ko azioni e Bot

Il “buy” del consulente – 21/09/18, da Enel a Gamenet

6 titoli asiatici ad alto dividendo che piacciono a Barron’s

Pictet: azioni pronte al recupero, con qualche rischio

Tempo di stock options, Fininvest vende azioni Mediolanum

Pictet AM: riduciamo l’esposizione alle azioni

Russell Investments: l’azionario in Europa ringrazierà la Bce

Threadneedle, i top manager: l’azionario resterà attraente

Mediolanum, Ennio Doris compra azioni con la sua Fin. Prog. Italia

L’azionario piace meno: le case di investimento riducono le posizioni

Le azioni ombrello in caso di default Usa

Intesa Sanpaolo: titolo da monitorare

È aperta la caccia all’Opa

Mondiali 2010, ecco gli 11 titolari

Azioni, commodity e corporate. Ecco la ricetta firmata Bichler

Una flessione, senza drammi

Fate largo ai titoli finanziari

Mercati – Top&Flop FTSE MIB del 15 ottobre

Mercati – Top&Flop FTSE MIB del 14 ottobre

Mercati – Daily Top&Flop FTSE MIB

Cassa Lombarda: hold su Unicredit

FTSE Mib: -2,04% nel primo semestre 2009

Listini neri per l'immobiliare

NEWSLETTER
Iscriviti
X