Fondi di investimento, nuovo comparto green per Kairos

A
A
A
Avatar di Redazione 22 Ottobre 2020 | 11:01

Kairos, gruppo attivo nel settore del risparmio gestito e del wealth management, annuncia il lancio di un nuovo prodotto tematico per partecipare alla transizione dell’economia da “brown” a “green” e cogliere appieno le opportunità di investimento offerte dalla sfida contro il cambiamento climatico.

Si tratta di KIS Climate Change ESG, comparto di Kairos International Sicav (Sicav di diritto lussemburghese), azionario globale denominato in euro e focalizzato sulle tematiche legate alla riconversione dell’intero sistema economico ed industriale per contrastare il cambiamento climatico a beneficio del pianeta.

In linea con la policy ESG di Kairos, il processo di selezione dei titoli integra l’analisi fondamentale sui singoli titoli con i fattori ESG, puntando in particolare su due gruppi di società: quelle che offrono soluzioni per contrastare il cambiamento climatico e quelle che offrono soluzioni per gestirne i rischi e gli effetti fisici associati. Kairos si avvale di Sustainalytics, leader a livello globale nella ricerca e nei rating ESG, per integrare i fattori ESG nei processi di investimento.

Lo stile di gestione è attivo, da sempre peculiarità distintiva di Kairos, ed è pertanto caratterizzato dall’analisi qualitativa delle società e da un approccio bottom-up.

Il gestore del nuovo prodotto è Francesco Zantoni, tornato in Kairos nel giugno scorso dopo aver maturato alcune esperienze imprenditoriali in settori chiave per la comprensione delle dinamiche climatologiche e delle problematiche legate all’efficienza energetica ed alla sostenibilità ambientale, quali la riassicurazione di rischi naturali legati alla meteorologia e la progettazione e costruzione di grossi impianti per il settore oil&gas e power generation.

Con KIS Climate Change ESG, Kairos conferma il suo impegno nell’ambito degli investimenti socialmente responsabili e amplia l’offerta del Laboratorio di Idee di investimento, cavalcando il megatrend del cambiamento climatico.

Accanto a KIS ActivESG  e a KIS US Millennials ESG – lanciati nel novembre 2019 e che hanno registrato entrambi performance resilienti anche nel periodo estremamente volatile segnato dal Covid-19 –  KIS Climate Change ESG si aggiunge dunque alla gamma ESG, indirizzando gli investimenti verso un’economia pulita e circolare in grado di ripristinare la biodiversità e ridurre l’inquinamento, generando un impatto positivo sul mondo e contestualmente puntando a consegnare rendimenti interessanti ai nostri investitori” dichiara Guido Brera, CIO Asset Management di Kairos Partners SGR. “In linea con il Green Deal europeo, siamo consapevoli dell’urgenza della messa in moto delle attività necessarie a contrastare il cambiamento climatico e del ruolo cruciale che svolge in tal senso anche la finanza: una diversa allocazione dei capitali rappresenta infatti un potente incentivo per imprese o istituzioni a orientare il proprio sviluppo verso attività e tecnologie a basso impatto carbonico”.

“L’impellente necessità di promuovere massicci investimenti volti alla decarbonizzazione e alla digitalizzazione dell’economia, rendendola sostenibile dal punto di vista ambientale, non può non avere un impatto importante sulle strategie di investimento. Siamo di fronte al più potente e pervasivo dei megatrend strutturali in essere e KIS Climate Change ESG intende cogliere le significative opportunità di investimento che ne derivano. Abbiamo a questo proposito già individuato molteplici settori ad alto potenziale, quali Information Technologies, Life e Material Sciences, Renewable Energies ed abbiamo selezionato le società il cui principale driver di crescita degli utili è la capacità di offrire soluzioni per contrastare il cambiamento climatico, ovvero soluzioni per gestirne i rischi e gli effetti fisici associati” ha aggiunto Francesco Zantoni, Portfolio Manager di KIS Climate Change ESG.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 4/12/2020

Top 10 Bluerating: JPMorgan regna sul Sol Levante

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 3/12/2020

Fondi di investimento, nuova prodotto sugli emergenti targato FT

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 2/12/2020

Top 10 Bluerating: WisdomTree regina delle commodity

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore dell’1/12/2020

Fondi di investiemento, nuovo obbligazionario a scadenza targato Mediobanca sgr

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 30/11/2020

Top 10 Bluerating: MSIM vola negli Usa

Asset allocation: l’importanza del bilanciamento

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 27/11/2020

Top 10 Bluerating: l’Italia in mano ad Arca

Ubp, nuova partnership e nuovo fondo fintech

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore 26/11/2020

Top 10 Bluerating: Azionari Europa in mano a Seb

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 25/11/2020

Assogestioni, nella raccolta troneggia Schroders

Fondi, con ottobre sette mesi in positivo

Governo, un assist agli istituzionali per rilanciare il gestito

Top 10 Bluerating: Lyxor padrona della volatilità

Asset allocation: un portafoglio a prova di Covid

Consulenti, nuovo fondo “di casa” per la rete di Fineco

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 24/11/2020

Top 10 Bluerating: Banca Generali domina nei monetari euro

Mercati, ecco cosa devono monitorare gli investitori europei

Fondi di investimento, si rinnova l’offerta Esg di Mediolanum

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 23/11/2020

Gam, nuova nomina per gli azionari emergenti

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 20/11/2020

State Street Global Advisors, Heinel è la nuova global Cio

Top 10 Bluerating: JPMorgan AM al top nei governativi

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 19/11/2020

NEWSLETTER
Iscriviti
X