Macquarie Asset Management: obiettivo zero emissioni entro il 2040

A
A
A
di Redazione 10 Dicembre 2020 | 11:46

Macquarie Group sostiene la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio attraverso lo sviluppo di una serie di soluzioni volte a mitigare il cambiamento climatico e ad adattarsi ai suoi effetti. In occasione del quinto anniversario dell’Accordo di Parigi, Macquarie Asset Management, uno dei 50 principali asset manager globali e il più grande gestore di infrastrutture al mondo, annuncia l’impegno a gestire il proprio portafoglio in linea con l’obiettivo zero emissioni nette entro il 2040.

In una lettera agli investitori, Martin Stanley, Head of Macquarie Asset Management, ha illustrato la visione e le azioni che condurranno MAM a realizzare la propria ambizione di diventare leader nella gestione sostenibile di patrimonio reale a livello internazionale.

“In qualità di investitori a lungo termine in aziende che sostengono le economie e le comunità, ci assumiamo seriamente la nostra responsabilità verso il rischio climatico. Come gestori di imprese essenziali, abbiamo il dovere di garantirne il contributo nell’ambito degli sforzi profusi a livello globale per affrontare il global warming. Oggi annunciamo una serie di impegni che ridurranno le emissioni di tutto il nostro portafoglio e costruiranno valore sostenibile a lungo termine a beneficio delle nostre portfolio companies, dei nostri clienti e delle comunità in cui operiamo” ha dichiarato Stanley.

Nei portafogli d’investimento alternativi in cui MAM esercita il controllo o un’influenza significativa, l’obiettivo è quello di mettere in atto entro la fine del 2022 piani di business in linea con l’obiettivo net zero emissions di Parigi. Questo impegno prevede diverse fasi, che sono già in corso:

  • Misurare le emissioni di gas serra di tutte le società del proprio portafoglio
  • Identificare i percorsi per ridurre le emissioni
  • Sviluppare piani aziendali che contribuiscano a una zero net economy entro il 2040, o prima
  • Per i nuovi investimenti, mirare al completamento di queste fasi entro 24 mesi dall’acquisizione
  • Lavorare con le portoflio companies con l’obiettivo di raggiungere entro il 2030 i percorsi net zero emissions secondo l’Accordo di Parigi
  • Report annuale dei progressi raggiunti

Nei portafogli gestiti di titoli pubblici e negli investimenti alternativi in cui non ha un’influenza significativa, MAM sosterrà gli obiettivi dell’Accordo di Parigi in modo coerente con le proprie responsabilità fiduciarie e normative dei propri clienti.

Questo significativo impegno da parte di MAM completa l’ampia attività di Macquarie Group nello sviluppo e nella gestione di progetti di energia rinnovabile, sostenendo i clienti nei loro percorsi di decarbonizzazione e adattando le infrastrutture per la resilienza climatica.

Come parte delle più ampie capacità del Gruppo, il Green Investment Group (GIG) di Macquarie è leader a livello globale nello sviluppo e investimento in progetti di energia rinnovabile con la missione di accelerare la transizione green nel mondo. GIG sta lavorando in 25 mercati per aiutare le aziende e i paesi a raggiungere i loro obiettivi di decarbonizzazione. GIG ha già investito o pianificato oltre 36 miliardi di dollari in progetti di energia verde, ha fornito ai clienti accordi di acquisto per oltre 3GW di energia rinnovabile e sta sviluppando una pipeline globale di nuovi progetti da 30GW.

Negli ultimi dieci anni Macquarie Group ha investito oltre 60 miliardi di dollari in progetti di energia rinnovabile, operando al contempo in modalità carbon neutral. Macquarie sta attualmente sviluppando, costruendo, investendo e gestendo oltre 50GW di progetti di energia rinnovabile in quattro continenti e sostenendo i governi e i clienti nel perseguire le loro ambizioni di decarbonizzazione in ampi settori dell’economia, tra cui l’energia, l’agricoltura, i trasporti, i rifiuti, le emissioni industriali e il settore immobiliare.

Macquarie sostiene una serie di iniziative internazionali tra cui il Global Center on Adaptation, la Climate Finance Leadership Initiative, la Taskforce on Scaling Voluntary Carbon Offsets e la Sustainable Markets Initiative.  Dal 2019 Macquarie Group compila i propri report finanziari secondo la Task Force Climate-related Financial Disclosures.

Come parte del proprio impegno verso la comprensione dei rischi di transizione connessi a vari scenari di decarbonizzazione, nel suo rapporto TCFD di luglio 2020 Macquarie ha sottolineato come le sue limitate esposizioni creditizie al settore del carbone si esauriranno nei prossimi anni. Anche l’attività di Macquarie Infrastructure and Real Assets (MIRA) di MAM ha limitato gli investimenti in imprese con esposizione al carbone.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: SG domina i valutari a leva

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 14/10/2021

Top 10 Bluerating: Ubs bis per la Sterlina

NEWSLETTER
Iscriviti
X